Traliccio elettrodotto
Traliccio elettrodotto
Territorio

Elettrosmog, non esiste solo ciò che si vede

«Il passa parola ci può salvare»

Si è tenuto proprio ieri l'incontro presso la Sala della Comunità S. Antonio incontro-dibattito sul tema "Elettrosmog, il nemico invisibile della mia salute". Presenti erano il dott. Roberto Lia, oncologo che ha effettuato il primo studio epidemiologico con un'equipe di Andria, e l'avv. Luigi Maria Giannini, che si occupa del Comitato Spontaneo dei Cittadini contro l'elettrosmog dal 2005.

Durante la presentazione dell'incontro l'avvocato più volte ha ribadito l'assenza del Sindaco a questo incontro, a cui era stato pubblicamente invitato, « questo confronto non c'è, questa "democrazia" sembra davvero la democrazie delle parole, ma le sole parole non bastano».
«Questo dimostra quanto sia bassa la sensibilità dei dirigenti».
Come è stato più volte detto «l'elettrosmog non è qualcosa di percettibile visivamente, ma c'è. –afferma il dott. Lia - Questo lo dimostra il fatto che si manifesta nelle persone sotto forma di mal di testa, depressione …». Per verificare gli effetti dell'elettrosmog è stato effettuato uno studio presso il Comune di Andria, chiedendo le schede dei morti della Città ed è stato visto che c'era un'alta percentuale di mortalità nei luoghi ad alta densità di elettrosmog (nei pressi di ripetitori, stazioni radio-base). Ad essere più sensibili a questa forma di inquinamento sono i bambini e si pensi a quante scuole sono vicine ai ripetitori, Giannini infatti ha parlato della sua esperienza dicendo che ha dovuto cambiare scuola ai figli perché frequentavano la d'Azzeglio (che si trova a meno di 100m da un ripetitore). Da questa constatazione è nata l'idea del Comitato, nato anche da Michele Morgigno, che l'avvocato ha tenuto ricordare durante l'incontro e che oggi non c'è più perché morto per leucemia.

È stato riconosciuto anche dall'Unione Europea il così detto "principio di precauzione", dal 2002 trasformata in legge regionale, ma che è rimasta lettera morta. La Puglia dà delle linee guida, dei criteri oggettivi per il posizionamento di questi ripetitori allo scopo di minimizzare l'inquinamento elettromagnetico per le persone. Ma per rendere viva questa legge bisognerebbe portare fuori dalla Città i ripetitori di telefonia mobile, lì dove la densità abitativa è più bassa. Non è impossibile farlo, si è ricordata infatti la Città di Corato, che è riuscita a delocalizzare le antenne.
«Dimostrare la presenza dell'elettrosmog è molto semplice- afferma il dottor Lia- basti avvicinare un cellulare che sta ricevendo una telefonata o un sms a delle casse e ascoltare il rumore che viene provocato ».
«L'elettrosmog è un problema reale e bisogna tutelare prima di tutto la salute dei cittadini», così è stato concluso un incontro che ha messo al centro del proprio interesse l'informazione, presentando la Città per quello che è, disinteressata alle malattie provocate dall'elettrosmog (leucemia, tumori, mal di testa…).
E come è stato detto saggiamente ieri «prevenire è meglio che curare».
  • Elettrodotto
  • Inquinamento elettromagnetico
Altri contenuti a tema
Spunta una torre-antenna nei pressi del cimitero: facciamo chiarezza Spunta una torre-antenna nei pressi del cimitero: facciamo chiarezza Innalzata nel giro di pochi giorni, i cittadini segnalano
Interrato dopo vent’anni l’elettrodotto deciso in due giorni Interrato dopo vent’anni l’elettrodotto deciso in due giorni Obiettivo raggiunto a più mani
Spostamento degli elettrodotti: «Ultimo atto. Finalmente!» Spostamento degli elettrodotti: «Ultimo atto. Finalmente!» Quarto ricorda i meriti di «Un gruppo di cittadini "folli" e un grande sindaco»
Barletta oggi saluta gli ultimi tralicci Barletta oggi saluta gli ultimi tralicci Si conclude la procedura di abbattimento dell'elettrodotto
Abbattimento degli ultimi tralicci dell'alta tensione a Barletta Abbattimento degli ultimi tralicci dell'alta tensione a Barletta Martedì un incontro coi cittadini per celebrare questo risultato
Interramento elettrodotti: dal 9 settembre il via ai lavori Interramento elettrodotti: dal 9 settembre il via ai lavori Le postazioni mercatali di via Giovanni XXIII si sposteranno in via Rossini
Interramento elettrodotti: a settembre riprendono i lavori Interramento elettrodotti: a settembre riprendono i lavori I pagamenti non corrisposti nel 2013, potranno essere effettuati, in deroga al patto di stabilità, nel 2014
Progetto di interramento dell’elettrodotto delle Ferrovie, che sia la volta buona per Barletta? Progetto di interramento dell’elettrodotto delle Ferrovie, che sia la volta buona per Barletta? Moltissimi cittadini costretti a convivere con l'inquinamento elettromagnetico
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.