Cementeria
Cementeria
Cronaca

Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta

Gli altri nove imputati attendono la sentenza del prossimo 8 ottobre

A conclusione del giudizio abbreviato il giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Trani Raffaele Morelli ha assolto "perché il fatto non sussiste" gli 8 imputati per il presunto disastro ambientale attribuito alla cementeria Buzzi Unicem di Barletta. Altri 9 imputati attendono, invece, la sentenza dell'8 ottobre, data in cui terminerà il dibattimento per quelli imputati che non optarono, dunque, per il rito abbreviato. Anche in questo caso però (come accaduto per l'abbreviato) la Procura ha concluso chiedendo l'assoluzione di tutti gli imputati.

L'inchiesta contestò fatti dal 18 febbraio 2012 in poi. Per quanto ricostruirono le indagini, ci sarebbero state "emissioni inquinanti rivenienti dalla combustione di rifiuti superiori al limite di legge prevista nell'ambito della tipologia dei rifiuti, trattandosi di un impianto ubicato nei 200 metri da insediamenti residenziali, con esposizione della popolazione al rischio d'inalazione di fattori inquinanti dannosi alla salute". A vario titolo e a seconda delle rispettive presunte responsabilità dei 17 imputati (tra i due procedimenti) il pm Savasta mosse le accuse di "delitto colposo di danno, delitti colposi contro l'ambiente, falso ideologico, abuso d'ufficio e violazione della normativa in tema ambientale sancita dal Decreto Legislativo n.152/2006".

Coinvolti a vario titolo tecnici dell'Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione dell'Ambiente , della Regione Puglia, del comitato della Provincia BAT, amministratori della Buzzi Unicem e di altre società.
  • Salvaguardia ambientale
  • Cementeria
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Bufera nella Procura di Lecce, domiciliari per l'ex dg Asl Bat Narracci Bufera nella Procura di Lecce, domiciliari per l'ex dg Asl Bat Narracci Coinvolti magistrati e primari: l'accusa è di corruzione in atti giudiziari
5 Vigilanza sui cani di Barletta, ecco le norme da rispettare Vigilanza sui cani di Barletta, ecco le norme da rispettare Al Nucleo Guardia Ambientale affidato il ruolo di controllo: sanzioni per chi non le rispetta
"Youth empowerment 4 environment", presente la senatrice Assuntela Messina "Youth empowerment 4 environment", presente la senatrice Assuntela Messina Progetto per i giovani studenti italiani a favore dell'ambiente
Festa dell’Albero 2018, l'ARIF dona cento alberelli per Barletta Festa dell’Albero 2018, l'ARIF dona cento alberelli per Barletta Per l'occasione mercoledì saranno aperti i giardini della scuola Musti
1 Il futuro di Barletta passa dal mare Il futuro di Barletta passa dal mare "Caro sindaco ti scrivo": una lettera di Nicola Palmitessa del centro studi "La Cittadella Innova"
“L’ambiente chiama, Barletta risponde”, incontro al liceo Cafiero “L’ambiente chiama, Barletta risponde”, incontro al liceo Cafiero Convegno organizzato in occasione della Settimana del Pianeta Terra
1 Cementeria di Barletta, il disastro ambientale non sussiste. Imputati assolti Cementeria di Barletta, il disastro ambientale non sussiste. Imputati assolti Il Tribunale di Trani ha assolto anche i nove imputati che non optarono per il rito abbreviato
Tartaruga marina senza vita sulla costa tra Barletta e Trani Tartaruga marina senza vita sulla costa tra Barletta e Trani L'ecologista Montepulciano: «La zona umida di Boccadoro andrebbe protetta»
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.