Maternità
Maternità
Servizi sociali

Diossine nel latte materno delle donne di Barletta?

Verifichiamo con una seria indagine scientifica. E' il momento di agire

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota dell'oncologo Roberto Ria.

«La cementeria di Barletta nel 2008 ha bruciato oltre 26000 tonnellate di plastiche e gomma triturate nel proprio impianto e la proprietà dell'impianto sta chiedendo l'autorizzazione per incrementare la quantità di tale combustibile da rifiuto, nonostante la presenza di civili abitazioni a ridosso della stessa».

«Dalla combustione di questi materiali si producono sostanze cancerogene, diossine e policlorobifenili (Pcb), che emesse in atmosfera possono contaminare suolo, vegetali, uova, carne, pollame e pesci. Da indagini scientifiche eseguite in altre parti sono risultati contaminati con diossine e Pcb anche alcuni campioni di latte materno in donne residenti nei pressi di impianti che, come accade nella cementeria di Barletta, usano la plastica e gomma come combustibile. E' quello che vogliamo verificare anche noi. Perché? Perché, come detto, le sostanze emesse sono cancerogene e noi oncologi lottiamo in ogni modo contro il cancro e le cause che lo determinano.E' la nostra missione, è la nostra ragione di vita».

«L'Italia registra un incremento del 2% all'anno per cancro in età infantile che è pressoché doppio di quello riscontrato in Europa (1.1% annuo). Vogliamo escludere la relazione con l'esposizione già in utero e poi attraverso il latte a sostanze tossiche e pericolose derivanti da combustione industriale. Il nostro coordinamento propone uno studio epidemiologico con modalità di indagine caso-controllo, ossia utilizzando campioni di latte materno di donne residenti a Barletta e quelli di donne non esposte ai fumi di una cementeria e neppure ad inceneritori residenti in altre città. Lo scopo è quello di valutare quanto incida l'inquinamento atmosferico eventualmente correlato anche alla presenza della cementeria a Barletta sulla qualità del latte materno delle donne residenti in relazione alla cancerogenicità delle diossine e degli idrocarburi policiclici aromatici. Poiché lo studio è molto costoso (circa seimila euro) ci rendiamo disponibili a finanziarlo con il nostro denaro e con l'eventuale contributo di associazioni che si occupano di ambiente, di salute, di prevenzione oppure di fondazioni benefiche o di semplici cittadini e benefattori. Chiunque volesse collaborare può contattarci. E' il momento di agire o, meglio, di reagire!».



Roberto Ria, oncologo e ricercatore Università di Bari
Antonio Caldarone, oncologo e medico ospedaliero
Dino Leonetti, oncologo e medico di famiglia
Per contatti
beraleon@yahoo.it
A.Caldarone@libero.it
Dino Leonetti presso Domus Medica, via don Luigi Sturzo, Andria, Tf. : 0883.563838
  • Salute pubblica
  • Cementeria
Altri contenuti a tema
Nella Bat oltre ad Andria e Barletta si torna a nascere a Bisceglie Nella Bat oltre ad Andria e Barletta si torna a nascere a Bisceglie L'ostetricia e ginecologia del Vittorio Emanuele II era stata dedicata alle donne positive al Covid
Lotta al Covid-19, proseguono le somministrazioni dei vaccini nella Bat Lotta al Covid-19, proseguono le somministrazioni dei vaccini nella Bat Percentuali confortanti per la sesta provincia
Barletta aderisce alla “Giornata mondiale della spina bifida ed idrocefalo” Barletta aderisce alla “Giornata mondiale della spina bifida ed idrocefalo” ​L’A.S.B.I. Puglia invita la cittadinanza ad indossare il 25 ottobre un nastrino di colore verde
14 Emissioni dalla Buzzi, «un impianto vetusto non può proseguire la sua attività» Emissioni dalla Buzzi, «un impianto vetusto non può proseguire la sua attività» Interviene il presidente del comitato Operazione Aria Pulita, avv. Cianci
7 "Farina" dalla cementeria, ecco la replica di Arpa Puglia "Farina" dalla cementeria, ecco la replica di Arpa Puglia «Non sono stati registrati superamenti dei valori limite emissivi»
Fuoriuscita polveri dalla Buzzi Unicem, l'amministrazione di Barletta chiede chiarimenti Fuoriuscita polveri dalla Buzzi Unicem, l'amministrazione di Barletta chiede chiarimenti Il dirigente del settore ambiente ha chiesto all'azienda di spiegare i motivi dei malfunzionamenti
1 Anomalia linea clinker nello stabilimento Buzzi di Barletta Anomalia linea clinker nello stabilimento Buzzi di Barletta Problematica verificata questa mattina alle ore 9.30, la comunicazione dell'azienda
"Cardio Check Up", l'iniziativa di Farmacia Basile Borgia per la salvaguardia del cuore "Cardio Check Up", l'iniziativa di Farmacia Basile Borgia per la salvaguardia del cuore Iniziativa attiva fino al 21 maggio presso la sede di via Canosa 142/d
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.