Dialoghi sulla città futura
Dialoghi sulla città futura
Politica

Dialoghi sulla città futura, in archivio la discussione su salario e reddito

Primo appuntamento della serie di eventi promossi da Coalizione Civica

«Piazza della Sfida e il Bar Cappero sono stati il palcoscenico di un vivace e coinvolgente dibattito intitolato "Dialoghi sulla Città Futura: #1 Salario e Reddito!", primo incontro del ciclo organizzato dal gruppo di Coalizione Civica. L'evento ha visto una grande affluenza di partecipanti, dimostrando il forte interesse da parte della cittadinanza per le questioni legate al salario minimo e al bisogno di un reddito di base». Così i consiglieri comunali e gli attivisti di Coalizione Civica.

Diversi ospiti hanno preso parte al dibattito, condividendo le proprie esperienze professionali, accademiche e di attivismo, affrontando il tema cruciale dei salari bassi da diverse prospettive. In apertura il capogruppo di "Coalizione Civica" Carmine Doronzo e l'attivista Ruggiero Quarto hanno sottolineato l'importanza di sostenere i milioni di lavoratori italiani che lottano ogni giorno per guadagnarsi una paga dignitosa ridefinendo il concetto di lavoro in modo più equo e solidale, che tenga conto delle esigenze delle fasce più deboli della società liberandole dal lavoro precario e povero. Alberto Campailla, referente della rete "Ci vuole un reddito" ha evidenziato il legame diretto tra salari insufficienti il bisogno del reddito di cittadinanza per prevenire la povertà, portando la sua esperienza nell'associazione mutualistica "Nonna Roma" che dal 2017 sostiene le fasce più povere della Capitale.

Raffaella Casciello, attivista di "UP – attiviamoci" e referente della campagna per il salario minimo "Sotto dieci è sfruttamento," ha richiamato l'attenzione sull'articolo 36 della Costituzione, che sancisce il diritto dei lavoratori a una retribuzione giusta, e ha posto l'accento sulla necessità di istituire una legge sul salario minimo per garantire una vita libera, dignitosa e felice a tutti. Michela Diviccaro, consigliera di "Coalizione Civica" e rappresentante dei professionisti dello spettacolo, ha denunciato la situazione di invisibilità degli operatori culturali e dello spettacolo durante la pandemia e ha chiesto riconoscimento salariale e tutela per questo settore vitale.

Mimmo Spera, sindacalista della CGIL BAT, ha condiviso il successo dell'ultima manifestazione sindacale "La via maestra" in cui più di 100.000 persone hanno chiesto condizioni economiche migliori. Allo stesso tempo ha ricordato la piaga del lavoro nero e le difficoltà nell'affrontarlo a cominciare dalla mancanza di ispettori del lavoro dato che la BAT è sprovvista ancora dell'Ispettorato Provinciale del Lavoro.

Il docente Marco Barbieri dell'Università di Bari ha chiuso il dibattito con un intervento fondamentale sottolineando il ruolo cruciale della Cassazione sul tema dei salari bassi che con ben 6 sentenze questo mese ha chiarito che un salario di 5,37 euro lordi l'ora, circa 630 euro netti al mese per un lavoro a tempo pieno, non sono sufficienti a vivere una vita libera e dignitosa come impone l'articolo 36 della Costituzione. Barbieri ha ricordato come siano ben 22 i contratti collettivi nazionali che prevedono retribuzioni sotto i 9 euro, soglia indicata dalla proposta sul salario minimo delle opposizioni e che quindi il salario minimo servirà anzitutto a quei 4 milioni di lavoratori che guadagnano ben meno di 9 euro lordi l'ora, come i lavoratori con contratto della vigilanza privata e della pulizia-multiservizi.

L'evento "Dialoghi sulla Città Futura: #1 Salario e Reddito!" si è rivelato un successo straordinario, attirando un pubblico diversificato interessato a questioni sociali e politiche cruciali. Questa partecipazione ha rafforzato nel gruppo di Coalizione Civica l'entusiasmo per proseguire con i prossimi appuntamenti che seguiranno e la consapevolezza che una grande città come Barletta merita un dibattito appassionato sui temi cruciali della vita quotidiana e non l'immobilismo e la povertà del dibattito a cui l'amministrazione Cannito pensa di condannare la città.
  • Coalizione Civica
Altri contenuti a tema
«Vogliamo un'Europa di pace, lavoro e diritti per tutte e tutti» «Vogliamo un'Europa di pace, lavoro e diritti per tutte e tutti» Il commento di Coalizione Civica dopo l'esito delle elezioni europee
32 Coalizione civica: «Verde pubblico in preda all'incuria» Coalizione civica: «Verde pubblico in preda all'incuria» La nota dell’attivista Michele Napoletano
Velivolo militare in via Foggia, Coalizione Civica: «Siamo indignati» Velivolo militare in via Foggia, Coalizione Civica: «Siamo indignati» L'intervento dei consiglieri comunali e degli attivisti
23 Non solo Piazza Federico di Svevia, «Barletta non è una città a misura di bambini e bambine» Non solo Piazza Federico di Svevia, «Barletta non è una città a misura di bambini e bambine» La nota del gruppo di Coalizione Civica
1 Lavori in via Roma, intervengono Coalizione Civica e Movimento 5 Stelle Lavori in via Roma, intervengono Coalizione Civica e Movimento 5 Stelle La nota congiunta di Luca Savella, Carmine Doronzo e Michela Diviccaro
Festa del 25 aprile, una riflessione di Coalizione Civica Festa del 25 aprile, una riflessione di Coalizione Civica La nota firmata dai consiglieri Carmine Doronzo e Michela Diviccaro
Coalizione Civica: «Maggioranza in difficoltà, continua il nostro impegno» Coalizione Civica: «Maggioranza in difficoltà, continua il nostro impegno» La nota dei consiglieri Carmine Doronzo e Michela Diviccaro
Chiusura corso Vittorio Emanuele, Coalizione civica: «Serve un piano inclusivo e sostenibile» Chiusura corso Vittorio Emanuele, Coalizione civica: «Serve un piano inclusivo e sostenibile» La nota dei consiglieri comunali
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.