incendio
incendio
La città

In fiamme l'azienda Dalena, Collettivo Exit: «Barletta la terra dei fuochi»

«L'amministrazione comunale deve dire con chiarezza che cosa sta avvenendo nella nostra città»

A seguito dell'incendio che questa mattina ha coinvolto l'azienda Dalena Ecologia, sita in via Vecchia Madonna dello Sterpeto, il Collettivo Exit ha commentato sulla sua pagina ufficiale di Facebook: «Nel 2013 la Dalena Ecologia fu oggetto di diffida da parte dell'ex sindaco (peraltro ridicola e sintetizzabile in un "chiudete le porte!"), preceduta da una segnalazione della CGIL per aver mandato al pronto soccorso una manciata di operai (di un'altra azienda confinante) che avevano inalato esalazioni di chissà che genere».

«Nel 2015, con delle conferenze di servizio praticamente disertate in massa da chi dovrebbe un attimino interessarsi delle questioni cittadine, la Dalena venne autorizzata a produrre Combustibile Solido Secondario nell'ordine di 10 tonnellate massime al giorno, CSS che finiva direttamente bruciato poi in quell'altro campione di salubrità locale che è la Buzzi Unicem. Nel 2016 i rappresentanti legali dell'azienda furono rinviati a giudizio nell'ambito di quel celebre, e inconcludente, procedimento giudiziario che coinvolse Buzzi Unicem e altre aziende, nonché tecnici e funzionari dell'Arpa per disastro ambientale. Nel 2018, sempre con il beneplacito, o meglio, con il silenzio/assenso delle istituzioni locali, il limite passò da 10 tonnellate a 50. Nel 2019, ad agosto, l'intera città venne sommersa da odori nauseabondi; un mese dopo scoprimmo che Dalena e Trasmar erano le aziende probabilmente responsabili di quella vicenda. Sappiamo che l'amministrazione comunale da mesi è a conoscenza di quello che è emerso dalle indagini che sono state svolte; ma i cittadini in tutti questi mesi non sono stati informati di nulla. Adesso non ci sono più alibi, l'amministrazione comunale deve dire con chiarezza che cosa sta avvenendo nella nostra città.

Nel frattempo vogliamo ricordare che nel giro di 3 anni in Italia ci sono stati più o meno 700 roghi di rifiuti, tra discariche illegali e impianti autorizzati. Oggi questo».
  • Collettivo Exit
Altri contenuti a tema
4 «La lista dei contagiati sarebbe rimasta riservata»: la replica dell'avv. Cianci «La lista dei contagiati sarebbe rimasta riservata»: la replica dell'avv. Cianci L'Amministratore unico della società Bar.s.a. scrive in risposta a quanto dichiarato dal Collettivo Exit
Richiesta nomi dei contagiati da Bar.s.a., Collettivo Exit: «Una caccia all'untore» Richiesta nomi dei contagiati da Bar.s.a., Collettivo Exit: «Una caccia all'untore» «Farebbe bene l’avvocato Cianci a occuparsi della tutela dei lavoratori fornendogli tutti i dispositivi di sicurezza necessari»
1 Aria irrespirabile a Barletta, Collettivo Exit: «Il segreto di stato è stato rivelato» Aria irrespirabile a Barletta, Collettivo Exit: «Il segreto di stato è stato rivelato» «L'aria è irrespirabile in città perché ci sono aziende che trattano e smaltiscono rifiuti»
Cattivi odori, Collettivo Exit: «Barletta soffoca e la politica non risponde» Cattivi odori, Collettivo Exit: «Barletta soffoca e la politica non risponde» «Questa classe politica non riesce neanche a fare un consiglio comunale monotematico sull'argomento»
Aria maleodorante, Collettivo Exit: «I nostri problemi ambientali? Compito della magistratura» Aria maleodorante, Collettivo Exit: «I nostri problemi ambientali? Compito della magistratura» «Bisogna prendere dei provvedimenti ora e il primo cittadino ha i poteri per farlo»
Aria irrespirabile, Collettivo Exit: «Solo ora il Sindaco si accorge del disastro ambientale?» Aria irrespirabile, Collettivo Exit: «Solo ora il Sindaco si accorge del disastro ambientale?» «Finalmente ci sarà un consiglio comunale monotematico su questa vicenda: noi ci saremo»
1 Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito La dura nota del Collettivo Exit, critica verso il primo cittadino
Costruzioni nell'area industriale di Barletta, «l'amministrazione prende tempo» Costruzioni nell'area industriale di Barletta, «l'amministrazione prende tempo» Prorogata sino a maggio 2020 la sospensione di permesso a costruire
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.