Sciopero CGIL a Barletta
Sciopero CGIL a Barletta
Scuola e Lavoro

Cgil, Barletta non è più un'oasi felice

Da lunedì nuovo presidio di protesta alla Prefettura

Barletta, un tempo oasi felice del distretto calzaturiero-tessile-abbigliamento, fa ora i conti con le problematiche dovute alla crisi: mancanza di lavoro, esuberi, cassintegrati; la Cgil continua con le attività di lotta verso una situazione insostenibile. A partire dalle 9.00 di lunedì 26 aprile presidio di protesta al Real Monte di Pietà di Barletta, sede della Prefettura della nuova provincia per dire "no al nuovo Disegno di Legge sul lavoro".

Alcune migliaia i lavoratori in cassa integrazione. Una decina di aziende chiuse per mancanza di commesse e a causa dell'invasione dei prodotti dall'Oriente. E ancora, la piaga diffusa del "lavoro nero" in opifici e laboratori dove non vengono osservate le più elementari norme sulla sicurezza. E' un quadro a tinte fosche quello denunciato dalla Cgil Bat a Barletta e nell'intero territorio della nuova provincia. E così, in occasione della manifestazione generale indetta dalla Cgil a livello nazionale per protestare contro il Disegno di Legge che mette i lavoratori alla mercè della classe imprenditoriale, lunedì 26 aprile i rappresentanti del sindacato hanno organizzato un presidio a Barletta davanti al Real Monte di Pietà, sede della Prefettura della nuova provincia pugliese, per illustrare la ricetta per rilanciare il settore da tempo in una crisi irreversibile.

In questa circostanza la Cgil, oltre a ribadire il proprio "no alla controriforma del diritto e del processo del lavoro", si soffermerà sulla grave situazione occupazionale in cui versa il territorio della provincia Barletta – Andria - Trani.

«Saremo in via Cialdini – afferma Liano Nicolella, segretario generale provinciale – a sostegno delle proposte del sindacato per scongiurare l'ennesimo attacco ai diritti, sacrosanti, delle lavoratrici e dei lavoratori, messo in atto dal Governo centrale e dal Ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi". La Cgil ricorda che è ripreso alla Camera dei Deputati l´iter parlamentare della legge relativa al processo del lavoro e all'arbitrato, già rinviata alle camere dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. "Il disegno di legge, così come proposto dall'esecutivo, è incostituzionale in quanto – spiega Nicolella – mette il lavoratore alla mercè degli imprenditori. Con la manifestazione di lunedì chiediamo di togliere le mani dalle tutele dei lavoratori. Le modifiche, se fatte, devono garantire equità alle parti. Il Governo deve fare delle riforme sedendosi con i sindacati al tavolo delle trattative. È questo un elemento imprescindibile».
  • Cgil
  • Lavoro
  • Protesta
  • Crisi economica
Altri contenuti a tema
Primo maggio, a Barletta la Cgil ricorda le lavoratrici morte nel 2011 Primo maggio, a Barletta la Cgil ricorda le lavoratrici morte nel 2011 Momento di riflessione in via Roma questa mattina
Attività aperte il 1° maggio, ma «si stenta a comprendere il principio della facoltà di scelta» Attività aperte il 1° maggio, ma «si stenta a comprendere il principio della facoltà di scelta» La nota di Mario Landriscina, direttore Confesercenti Bat
Angelo torna a casa, «la tenda è stata il centro operativo della nostra lotta» Angelo torna a casa, «la tenda è stata il centro operativo della nostra lotta» Per 11 giorni ha vissuto sotto i portici di Palazzo di città, «la mia attività ormai non esiste più, ma spero un giorno di riaprire»
Anpi e Cgil, a Barletta il ricordo del 25 aprile è per i fratelli Vitrani Anpi e Cgil, a Barletta il ricordo del 25 aprile è per i fratelli Vitrani Le celebrazioni anche a Trinitapoli e Margherita di Savoia
Occupazione di suolo pubblico a Barletta, al via la presentazione delle istanze Occupazione di suolo pubblico a Barletta, al via la presentazione delle istanze La priorità dell'amministrazione: «Farci trovare pronti e preparati alle nuove disposizioni in tema di misure anti-Covid»
Next Generation BAT, documento per lo sviluppo sociale, economico e ambientale Next Generation BAT, documento per lo sviluppo sociale, economico e ambientale I punti sottolineati nel documento
Il racconto di Giuseppe Dileo, in arte Peppe Space, tatuatore di Barletta Il racconto di Giuseppe Dileo, in arte Peppe Space, tatuatore di Barletta Parrucchieri, estetisti e anche tatuatori hanno manifestato ieri per far sentire la propria voce
3 Sciopero della fame, la protesta di Angelo sotto Palazzo di Città: #IoSonoEssenziale Sciopero della fame, la protesta di Angelo sotto Palazzo di Città: #IoSonoEssenziale Il giovane imprenditore protesta pacificamente con una tenda da campeggio
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.