Scuola e Lavoro

Castel del Monte chiuso per film? La Cgil Bat non ci sta

Rievocato il caso del Colosseo a Roma, «allora si fece uno scandalo»

«"La misura è colma", "Musei come servizi pubblici essenziali", "La cultura ostaggio di quei sindacalisti contro l'Italia", "Uno schiaffo ai visitatori". Quelli che vi riportiamo sono i commenti del Ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini, del Premier, Matteo Renzi e dell'ex Sindaco di Roma, Ignazio Marino apparsi sui giornali il giorno dopo la chiusura di due ore del Colosseo e di altre bellezze dell'antichità romana causata "addirittura" da un'assemblea sindacale, tra l'altro chiesta regolarmente ed altrettanto regolarmente autorizzata dal soprintendente. I dipendenti stavano discutendo di situazioni contrattuali gravi: aperture straordinarie e mancato pagamento di alcune ore di lavoro, nel frattempo la politica e le istituzioni gridavano allo scandalo ed alla vergogna. Una vicenda analoga accadde con la chiusura degli scavi di Pompei il 24 luglio scorso sempre per un'assemblea e anche in quell'occasione l'ira di Franceschini, il Ministro parlava di un "danno incalcolabile"». Scrivono così Luigi Marzano, segretario generale Fp Cgil Bat, e Luigi Antonucci, Segretario generale Cgil Bat.

«Ricordiamo tutto ciò all'indomani della diffusione di un'altra notizia di chiusura di un bene culturale altrettanto prestigioso, accadrà ad aprile e non per poche ore ma per quattro giorni (dal 18 al 22) più altre date in cui il sito sarà fruibile solo parzialmente: Castel del Monte in primavera farà da sfondo ad un'importante produzione cinematografica. La comunicazione data dal Polo Museale della Puglia e dalla Direzione del Maniero è stata accolta con favore ed entusiasmo perché si tratta di un'occasione importante per il territorio; idea di cui, precisiamo, siamo convinti anche noi. Immaginiamo le bellezze della Murgia sui grandi schermi, il conseguente ritorno economico per il turismo e la boccata di ossigeno che potrà arrivare all'intero settore. Ma non possiamo, rileggendo i titoli ed i commenti degli scorsi mesi alla chiusura del Colosseo e degli scavi di Pompei, non porci una domanda: agli ignari visitatori, magari stranieri (non tutti sapranno della chiusura) che non potranno entrare nel Castello nessuno ci pensa? Si esclude già a priori la possibilità che si potranno creare situazioni di disagio per i turisti? Ed il servizio pubblico, come lo definiva Franceschini, ora non è più da garantire?

Ma i beni culturali non sono tutti uguali? Il Colosseo ed il Castel del Monte hanno valori diversi? Se poi pensiamo che quello è un periodo di gite fuori porta e di viaggi d'istruzione ci chiediamo: ma i turisti non vanno tutelati a prescindere sia che si rechino a Roma o che vengano da noi? Oppure difendiamo i visitatori della Capitale se accade che attendano qualche ora l'apertura di un monumento e non ci interessiamo di quelli che arrivano in Puglia e devono proprio rinunciare ad una visita perché hanno trovano chiuso? Ribadiamo, in conclusione, un concetto perché non vorremmo essere fraintesi, siamo contenti che il Castel del Monte ospiti questo set che lo porterà, insieme a tutto il territorio, certamente al centro dell'attenzione internazionale ma ciò che non possiamo non notare è che in situazioni abbastanza sovrapponibili l'atteggiamento sia quello solito dei "due pesi e due misure".
  • Castel del Monte
  • Cgil
Altri contenuti a tema
«Bar.S.A. senza timoniere né timone», la nota della FP Cgil Bat «Bar.S.A. senza timoniere né timone», la nota della FP Cgil Bat Il sindacato afferma: «Siamo fortemente preoccupati anche dei troppi silenzi della politica cittadina»
Eletto all'unanimità, Michele Valente viene riconfermato segretario generale della Cgil Bat Eletto all'unanimità, Michele Valente viene riconfermato segretario generale della Cgil Bat «Credo che sia di fondamentale importanza dare al più presto un senso compiuto a questa nostra Provincia»
La Cgil Bat a congresso «Il lavoro crea futuro» La Cgil Bat a congresso «Il lavoro crea futuro» Appuntamento il 4 gennaio a Trinitapoli
Flai Cgil Bat, Gaetano Riglietti rieletto alla guida del sindacato: «Diritti, legalità e ambiente» Flai Cgil Bat, Gaetano Riglietti rieletto alla guida del sindacato: «Diritti, legalità e ambiente» «In questi ultimi 4 anni la Flai CGIL ha messo in campo azioni rivendicative sul piano della legalità e della trasparenza in agricoltura e nell'agroindustria»
Sciopero generale 14 dicembre, pullman dalla Bat per Bari Sciopero generale 14 dicembre, pullman dalla Bat per Bari Valente: “Mondo del lavoro e studenti pronti a partire con per manifestare tutto il nostro disappunto contro la Manovra Meloni”
Flc Cgil Bat, Angela Dell'Olio confermata segretaria generale Flc Cgil Bat, Angela Dell'Olio confermata segretaria generale «La grande scommessa: conoscenza lavoro libertà»
Cgil Bat Dora Lacerenza, una riflessione sul 25 novembre Cgil Bat Dora Lacerenza, una riflessione sul 25 novembre «Violenza di genere e pari opportunità, temi che riguardano tutta la società»
1 Flai Cgil Bat sui lavoratori migranti: «Si attivino i sindaci» Flai Cgil Bat sui lavoratori migranti: «Si attivino i sindaci» «Abbiamo chiesto incontri sia ad Andria che a Barletta ma non abbiamo ricevuto risposte»
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.