Consiglieri comunali
Consiglieri comunali
Politica

Cambio in Giunta, M5S: «Fuori il fratello dentro la sorella: la famiglia è servita!»

«Il Sindaco pensa di poter sbeffeggiare le opposizioni e fare quello che gli pare con le Istituzioni!»

«Fuori il fratello dentro la sorella: la famiglia è servita!": inizia così una nota stampa dei Consiglieri comunali barlettani del M5S sull'avvicendamento di assessori della Giunta guidata da Cosimo Damiano Cannito.

Maria Angela Carone, Beppe Basile e Antonio Coriolano riferiscono che: «Quando il 30 ottobre, a seguito della segnalazione di un nostro attivista, abbiamo posto per primi in Consiglio comunale la questione del mancato rispetto della parità di genere in Giunta, non potevamo certo prevedere un finale del genere: una simile farsa andava oltre la più fervida fantasia! E invece siamo in una Città dove il grottesco e l'inverosimile diventano realtà, una città che, oltre ogni immaginazione, il Sindaco Cannito sembra voglia far diventare lo zimbello d'Italia. Come ormai noto a tutti, secondo quanto previsto dalla Legge 56/2014, "nei Comuni con popolazione superiore a 3.000 abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento". Il calcolo era particolarmente semplice: su 10 componenti della Giunta, il 40% non può che essere quattro! E invece per Cannito con tre donne su dieci la norma era rispettata. Per lui era "tutto a posto"! "Ho ripetutamente posto la questione al Sindaco - prosegue la Capogruppo Maria Angela Carone - segnalandola già durante il Consiglio comunale del 30 ottobre, poi il 29 novembre e infine il 9 dicembre. Nei primi giorni di Novembre ho incontrato la Consigliera di Parità Anna Grazia Maraschio per un confronto sulla questione. Abbiamo informato i cittadini dai nostri canali e attraverso comunicati stampa il 31 ottobre, 25 novembre e il 5 dicembre, ma da parte del Sindaco nessuna risposta convincente".

Il 9 dicembre il noto epilogo: l'Avv. Maraschio diffida il Sindaco a ripristinare l'equilibrio, minacciando un ricorso al TAR. Solo a seguito di tale diffida Cannito decide di porre rimedio ad una situazione illegittima che lui stesso aveva creato: sostituisce l'Assessore Nicola Salvemini con sua sorella Maria Anna, entrambi figli di Andrea, suo fidato compagno di partito. E dire che - conclude Carone - io stessa pensavo di esagerare quando durante l'ultimo consiglio comunale, replicando all'Assessora Tupputi, mi auguravo che non si cercassero "quote rosa" tra mamme, figlie e sorelle di Assessori e Consiglieri comunali. Invece il Sindaco ha applicato la legge nel modo peggiore che si potesse immaginare, svilendo il principio stesso a cui la norma si ispira: altro che emancipazione della donna, qui la famiglia viene prima di tutto!

È la classica toppa peggiore del buco: ormai il Sindaco pensa di poter sbeffeggiare le opposizioni e fare quello che gli pare con le Istituzioni!»
  • Movimento 5 stelle
Altri contenuti a tema
Di Maio ad Andria, Grazia Di Bari (M5S): «Andiamo a vincere il referendum, il Comune e la Regione» Di Maio ad Andria, Grazia Di Bari (M5S): «Andiamo a vincere il referendum, il Comune e la Regione» L'appuntamento con il Ministro pentastellato è fissato per domenica 13 settembre in Largo Appiani
1 Di Bari (M5S): «Il Governo Conte abolisce il superticket, il M5S taglia le tasse e migliora i servizi» Di Bari (M5S): «Il Governo Conte abolisce il superticket, il M5S taglia le tasse e migliora i servizi» La nota della consigliera regionale pugliese Grazia Di Bari
1 Concorso Polizia locale: «Il sindaco è stato smentito dai fatti» Concorso Polizia locale: «Il sindaco è stato smentito dai fatti» I consiglieri comunali del M5S intervengono all’indomani degli sviluppi del concorso bandito dal Comune
1 Concorso Polizia Locale: «Aspetti lacunosi e farraginosi. Il sindaco chiarisca» Concorso Polizia Locale: «Aspetti lacunosi e farraginosi. Il sindaco chiarisca» Proviene dai banchi dell'opposizione la richiesta di chiarimenti rivolta al sindaco Cannito
4 Immobile Cantina della Sfida, Di Bari (M5S): «Un'offesa alla dignità di Barletta» Immobile Cantina della Sfida, Di Bari (M5S): «Un'offesa alla dignità di Barletta» La consigliera regionale Grazia Di Bari interviene nella querelle: «Su queste cose gli assessori si dimettono o le giunte cadono»
2 Querelle palazzo Cantina della Sfida, parola al Movimento 5 Stelle Querelle palazzo Cantina della Sfida, parola al Movimento 5 Stelle Per i consiglieri è il «naufragio dell'amministrazione Cannito»
3 Si salva il palazzo, ma trema la Giunta: amministrazione messa al bivio dalle opposizioni Si salva il palazzo, ma trema la Giunta: amministrazione messa al bivio dalle opposizioni Le opposizioni: «Se l'assessore ha informato la Giunta, il sindaco dovrebbe dimettersi. In caso contrario, il sindaco dovrebbe chiederne le dimissioni»
1 In Puglia è bufera politica sulla riapertura dal 18 maggio per parrucchieri ed estetisti In Puglia è bufera politica sulla riapertura dal 18 maggio per parrucchieri ed estetisti Forza Italia e M5S attaccano Emiliano, Boccia: «Monitorare i contagi»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.