Francesco Lotoro
Francesco Lotoro
La città

Barletta celebra la cultura ebraica: «Dalla Puglia è nata l’Europa ebraica»

Si è conclusa ieri la due giorni di eventi della XXI edizione della giornata europea della cultura ebraica

«Da qui dovrà rinascere l'Europa. Un'Europa che si risvegli cantando». È la musica una delle testimonianze più importanti della cultura ebraica che, nella giornata europea ad essa dedicata, diventa simbolo della ricostruzione di un'Europa tanto segnata da quei percorsi ebraici a cui è stata intitolata questa edizione 2020, quanto lacerata dai rischi dell'intolleranza e del razzismo a cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha rivolto ieri le sue parole.
Social Video4 minutiA Barletta la XXI Giornata europea della cultura ebraicaCosimo Giuseppe Pastore
«La cultura ebraica non è mai stata una cultura "parziale" – ha spiegato il rabbino Scialom Bahboutgli ebrei hanno assorbito molto delle culture dei paesi in cui sono arrivati, rielaborandole e cercando poi di darne un significato particolare».

Quest'anno più che mai la giornata europea della cultura ebraica è stata un'occasione di incontro e condivisione per ben 30 paesi europei e 90 città solo in Italia. Tra queste, anche Barletta che ha ospitato presso Palazzo della Marra, per il secondo anno consecutivo, la XXI edizione dell'evento nato nel 2000 con incontri, convegni e momenti particolarmente significativi per la tradizione che hanno rafforzato un legame più profondo di quanto si possa immaginare con la cultura ebraica.

«La Puglia – ha ricordato Scialom Bahboutè stata in qualche modo la madre dell'ebraismo europeo perché qui gli ebrei sono arrivati, si sono insediati e da qui poi sono partiti in tutta Europa a partire, almeno, dall'VIII sec. Ci sono resti in tutta la Puglia di grandi comunità. Per questo, riportare qui la giornata europea della cultura ebraica è molto importante, perché qui è nata l'Europa ebraica».

La Cittadella della musica concentrazionaria

Un legame profondo con la Puglia, quindi, che sarà rinvigorito con la realizzazione, all'interno dell'ex Distilleria di Barletta, della Cittadella della Musica concentrazionaria: il progetto fortemente voluto dal maestro Francesco Lotoro, presidente della Fondazione Istituto di Letteratura Musicale Concentrazionaria, che ha dedicato parte della sua vita alla raccolta e alla catalogazione di opere, componimenti e spartiti nati nei campi di concentramento.

È stata la musica, unendo storie e persone, a riempire quei luoghi oscuri della geografia europea in cui alla vita non era concesso spazio né tempo. «Lo studio è un canto tutti i giorni e questo, con il progetto della Cittadella – ha aggiunto Scialom Bahbout – avverrà nei prossimi anni. Indubbiamente la Cittadella della musica concentrazionaria avrà una grandissima influenza non solo a Barletta, ma anche in Puglia, in Italia e in Europa perché non è un progetto locale, ma internazionale».

«È un progetto fantastico perché unico nel suo genere in tutto il mondo» ha detto il sindaco Cosimo Cannito che tiene le dita incrociate affinché la Cittadella prenda vita nel più breve tempo possibile. «Barletta – ha concluso il primo cittadino – sarà meta di pellegrinaggio da parte degli ebrei di tutto il mondo e di tutti coloro che amano la cultura. È un progetto straordinario che arricchirà la città non solo sotto l'aspetto turistico ed economico, ma soprattutto culturale».
  • Francesco Lotoro
  • cultura
  • Ebraismo
Altri contenuti a tema
Cultura urbana: le stratificazioni meticce delle nostre città Cultura urbana: le stratificazioni meticce delle nostre città A cura di Matteo Losapio
Maggio dei Libri 2021, a Barletta XI edizione in versione social e dedicata a Dante Maggio dei Libri 2021, a Barletta XI edizione in versione social e dedicata a Dante In occasione del 700° anniversario della morte di Dante Alighieri
La ripartenza nei luoghi della cultura: oggi riapre Palazzo della Marra a Barletta La ripartenza nei luoghi della cultura: oggi riapre Palazzo della Marra a Barletta Con il passaggio della Puglia in zona gialla riaprono i luoghi della cultura
3 Dalla Bat a Procida attraverso gli occhi della “nostra” Samantha Cito Dalla Bat a Procida attraverso gli occhi della “nostra” Samantha Cito L’isola diventa Capitale Italiana della Cultura 2022: il cortometraggio di presentazione della candidatura ha mostrato il lato più bello di quella terra
Presentato a Barletta il programma della rassegna “Una legalità condivisa” Presentato a Barletta il programma della rassegna “Una legalità condivisa” Al via domani il ciclo di incontri che saranno trasmessi anche sui canali Viva
"Intra Moenia", la fortezza di Barletta osservata dal basso verso l'alto "Intra Moenia", la fortezza di Barletta osservata dal basso verso l'alto Successo per il primo appuntamento dell'evento “Intra et Extra Moenia"
2 Barletta agli Emmy Awards con la musica concentrazionaria di Francesco Lotoro Barletta agli Emmy Awards con la musica concentrazionaria di Francesco Lotoro Il documentario girato in città dalla CBS candidato nella categoria "Outstanding Arts, Culture and Entertainment"
Turismo e cultura in crisi: dalla Regione 50 milioni a fondo perduto Turismo e cultura in crisi: dalla Regione 50 milioni a fondo perduto Dei 50 milioni stanziati, 40  sono al comparto  del Turismo e 10 a quello  della Cultura
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.