Aria
Aria
La città

Cattivi odori, Collettivo Exit: «Barletta soffoca e la politica non risponde»

«Questa classe politica non riesce neanche a fare un consiglio comunale monotematico sull'argomento»

Elezioni Regionali 2020
«Era chiaro fin dall'inizio che la vicenda dei miasmi in città non si sarebbe esaurita con i controlli effettuati presso un'azienda di Trani che lavora scarti di macelleria. Men che meno con la denuncia contro ignoti presentata in Procura dall'amministrazione comunale (campa cavallo che l'erba cresce). Perché ormai la vicenda dell'aria irrespirabile in città va avanti da anni e nessuno è mai intervenuto per far cessare questo fenomeno - scrive sui social il Collettivo Exit».

«Perché il problema - proseguono - non si trova fuori dal territorio della nostra città ma all'interno del tessuto urbano. È inutile prenderci in giro, Barletta è una realtà interessata dalla presenza di industrie pesanti che hanno una notevole impatto dal punto di vista ambientale; non sarà certo qualche evento culturale o musicale a cambiare questa triste realtà. Lo diciamo ormai da anni che solo una riconversione ecologica del tessuto industriale può salvarci. Perché purtroppo dopo Taranto e Brindisi siamo una delle città più inquinate della Puglia. Quindi il problema dell'aria irrespirabile resterà fin quando non verranno presi provvedimenti adeguati dalla classe politica. Ma questa classe politica non riesce neanche a fare un consiglio comunale monotematico sull'argomento?

Nei giorni scorsi avevamo posto al Sindaco e al comandante dei vigili urbani alcune domande precise. Come mai dell'azienda di Trani sappiamo tutto mentre delle aziende di Barletta controllate non sappiamo nulla, non sappiamo dove sono ubicate, che tipo di lavorazione svolgono e che cosa è emerso dai controlli? Stiamo aspettando delle risposte mentre la città soffoca!»
  • Collettivo Exit
Altri contenuti a tema
2 Zagaria: «Non ho infranto la memoria dei due poliziotti» Zagaria: «Non ho infranto la memoria dei due poliziotti» La risposta di Alessandro Zagaria (Collettivo Exit) alla nota dei consiglieri Mele, Memeo e Antonucci
3 Mele, Memeo, Antonucci: «Parliamo di autentico odio misto a ignoranza» Mele, Memeo, Antonucci: «Parliamo di autentico odio misto a ignoranza» La risposta dei consiglieri al commento di un rappresentante del Collettivo Exit
1 "Barletta antifascista", ripristinato il murale nei giardini De Nittis "Barletta antifascista", ripristinato il murale nei giardini De Nittis Alla vigilia della Festa della Repubblica, alcune associazioni cittadine hanno provveduto al ripristino del murale
3 Barletta antifascista: murale vandalizzato, la denuncia del Collettivo Exit Barletta antifascista: murale vandalizzato, la denuncia del Collettivo Exit «Non sarà certo una bomboletta verde a cancellare la memoria dei fratelli Vitrani»
4 «La lista dei contagiati sarebbe rimasta riservata»: la replica dell'avv. Cianci «La lista dei contagiati sarebbe rimasta riservata»: la replica dell'avv. Cianci L'Amministratore unico della società Bar.s.a. scrive in risposta a quanto dichiarato dal Collettivo Exit
Richiesta nomi dei contagiati da Bar.s.a., Collettivo Exit: «Una caccia all'untore» Richiesta nomi dei contagiati da Bar.s.a., Collettivo Exit: «Una caccia all'untore» «Farebbe bene l’avvocato Cianci a occuparsi della tutela dei lavoratori fornendogli tutti i dispositivi di sicurezza necessari»
In fiamme l'azienda Dalena, Collettivo Exit: «Barletta la terra dei fuochi» In fiamme l'azienda Dalena, Collettivo Exit: «Barletta la terra dei fuochi» «L'amministrazione comunale deve dire con chiarezza che cosa sta avvenendo nella nostra città»
1 Aria irrespirabile a Barletta, Collettivo Exit: «Il segreto di stato è stato rivelato» Aria irrespirabile a Barletta, Collettivo Exit: «Il segreto di stato è stato rivelato» «L'aria è irrespirabile in città perché ci sono aziende che trattano e smaltiscono rifiuti»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.