Mani
Mani
Religioni

«Alla gioia della Resurrezione si arriva imboccando la strada dell’amore»

La riflessione sulla Pasqua di Padre Saverio Paolillo

«È toccato proprio a te, Maria Maddalena. Sei stata tu la prima a ricevere la grazia di aprire la strada all'annuncio della Resurrezione e di inaugurare i nuovi tempi. Non poteva essere differente». Inizia così il messaggio di auguri pasquali di padre Saverio Paolillo, missionario comboniano. Una riflessione sul significato della Resurrezione, a partire dall'esperienza di Maria Maddalena.

«La passione per il Maestro ti ha mantenuta sveglia e vigilante durante tutta la notte. Non ha permesso che la pigrizia ti facesse addormentare e i tragici avvenimenti vissuti in quei giorni collocassero in rischio la tua fede. L'amore di quel giorno in cui hai incontrato Gesù e hai deciso de seguirlo non poteva avere i giorni contati. Sapevi che era per sempre, più forte della morte. Niente e nessuno avrebbe potuto separarti dal suo calore. Nel momento più buio della tua vita è stata l'unica cosa che ti ha consolato. Neanche la crudeltà di chi ti ha portato via il Tuo Maestro è riuscita ad uccidere dentro di te la tenerezza con cui sei stata accolta e amata dal Tuo Signore.

L'amore ricevuto in dono ti ha scaraventata giù dal letto della rassegnazione e ti ha rimesso in piedi. Non ha permesso che il dolore ti schiacciasse sotto il suo peso insopportabile e ti strappasse la voglia di vivere. Ti ha dato la forza di affrontarlo con dignità. Sei risorta dalla disperazione nello stesso instante in cui il Tuo Signore risorgeva dalla morte. Ci hai insegnato che "la risurrezione riguarda più i vivi che i morti" (Paolo De Martino). Sapevi che per vivere da risorti non bisognava aspettare di morire. L'amore ricevuto per grazia di Dio e accolto attraverso la tua conversione ti aveva già introdotto nella vita dell'Eterno che non conosce tramonto.

L' amore non solo ti ha restituito la voglia di camminare, ma ti ha dato anche il fiato per correre. Hai corso da casa tua al sepolcro, dal sepolcro al cenacolo dove erano rinchiusi gli apostoli per paura di fare la stessa fine del Maestro. Hai corso come Maria che, subito dopo l'annuncio dell'Angelo si diresse in fretta alla casa di Elisabetta. Tutte e due avevate una notizia che non poteva aspettare, una gioia che non poteva essere contenuta, ma travasata. Maria corse, nonostante le pietre e la salita ripida della strada e tu malgrado fosse ancora notte. L'amore contiene una energia incontrollabile. È eccentrico, eccedente. Aumenta donandosi, cresce smisuratamente quanto più si condivide. Non si ferma davanti a nessuno ostacolo, non cede a nessuna pressione, resiste nel dolore e al dolore, non fugge davanti alle delusioni, non si arrende neanche alla violenza e resiste alla morte. È così l'amore che ha la qualità divina. Viene in dono dal Padre. Sgorga dal cuore trafitto del Crocifisso.

Arrivata al sepolcro hai visto soltanto la pietra ritirata dal tumulo e ti è bastato per correre ancora di più. Non potevi non raccontare quello che avevi visto. Il tuo silenzio sarebbe stato tragico. Il mondo sarebbe rimasto nelle mani della morte per sempre e gli aguzzini avrebbero continuato a dormire sonni tranquilli. Ma tu non hai voluto tacere. Hai deciso di correre per raccontare. Non avresti mai immaginato che il tuo racconto avrebbe cambiato il mondo. Il tuo coraggio denuncia la nostra omertà. Quante vite sarebbero ancora in vita se noi, come te, risorgessimo dalla nostra omissione.

Il tuo amore ha scosso anche la comunità degli apostoli. Li hai risvegliati dalla loro sonnolenza e li hai costretti a venire fuori dalla tana delle loro paure. Li hai rimessi in strada. Li hai diretti sulla via giusta, non quella della fuga. Insomma, li hai fatti smettere di piagnucolare. Li hai costretti ad affrontare la realtà e a interpretarla alla luce della Parola del Maestro che avevano ascoltato tante volte, ma che non avevano capito. Era arrivato il momento di verificare l'intensità della fede. Questo vale anche per noi. La croce c'è e si vede. La si sente oggi più che mai. Sta sotto gli occhi di tutti. Svetta sulle nostre vite che si snodano alla sua ombra.

Annunciatori e promotori di morte ce ne sono a bizzeffe. Il mondo ha bisogno di fede nella Resurrezione, di "risorti" che testimoniano la vita nuova che sgorga dal Risorto. C'è solo dolore e morte per chi vede con gli occhi della carne e segue soltanto ragionamenti umani. Ma non è così per chi vede la storia alla luce dell'Alto e la interpreta con l'intelligenza del cuore plasmato dalle mani di Dio. C'è una vita che non muore mai, resiste a tutto perché contiene lo Spirito dell'Eterno che è l'Amore trinitario. Gesù è questa Vita. Una vita così non poteva morire e finire nel nulla. La resurrezione è la conseguenza naturale di una esistenza obbediente al Padre e donata fino alle ultime conseguenze per la salvezza dell'umanità. Scegliere questo modo di vivere è l'unica alternativa per rimanere vivi in questi tempi tristi.

Beata te, Maria Maddalena, che sei riuscita a stanare la comunità degli apostoli ancora scossi dalla via dolorosa per mostrare loro la via della Resurrezione. Sei stata capace di unire anziani e giovani, di far correre insieme il vecchio Pietro e il discepolo che Gesù amava. Sei diventata icone del coraggio profetico di tante persone che, come te, riescono ancora a mettere in discussione le strutture ecclesiastiche che cedono alla tentazione della burocratizzazione e dimenticano l'agilità e la freschezza del Vangelo.

Tu sei riuscita a mettere in pedi Pietro, accasciato dal suo tradimento. Solo alcune ore prima, davanti alla donna che lo aveva denunciato di essere discepolo di Gesù, aveva dichiarato di non conoscerlo. In fondo in fondo aveva detto la verità. Non lo conosceva affatto. Faceva fatica a capirlo nonostante la sua convivenza con Lui. Così come non Lo comprendiamo noi nonostante le nostre pratiche religiose. Spesso, come Pietro, abbiamo l'ardire di insegnargli come fare il Suo "mestiere" o addirittura di fare i giudici al posto Suo. Petro dovrà aspettare l'incontro con il Risorto per sottomettersi all'unico esame che valuta il nostro grado di comprensione. Per tre volte, tante quante volte lo rinnegò, sarà invitato a dichiarare il suo amore a Gesù. È da questa dichiarazione d'amore, e non da un burocratico atto istituzionale, che è nata la chiesa per essere nel mondo il sacramento dell'amore di Dio.

Ti immagino correndo come una pazza, aprendo la strada a Pietro e al discepolo amato che ti rincorrono. Il discepolo più giovane arriva prima di Pietro ma lo fa entrare per primo. La tua testimonianza ci regala al mattino di Pasqua una bellissima immagine della Chiesa: "Siamo quelli che sanno aspettarsi, perché abbiamo ritmi diversi. La fede nel Risorto è un'esperienza che si consuma insieme, mai da soli. È una corsa dove qualcuno arriva prima ma ha la pazienza di aspettare l'altro. Il cuore del discepolo amato arriva sempre prima dell'autorità di Petro ma sa rispettarla e attenderla" (Paolo De Martino). Come sarebbe bello riscattare questa dimensione comunitaria, nonostante il distanziamento fisico. Come sarebbe bello assaporare di nuovo il gusto dello stare insieme, accogliendoci vicendevolmente, integrando le differenze, rispettandoci reciprocamente, trattandoci tutti come fratelli e sorelle, membri di un'unica famiglia, a cominciare dalle nostre comunità. Petro entra e vede, ma non si dice che crede. Ancora una volta la testimonianza della fede spetta a chi si sente amato e ama a sua volta. Il discepolo amato e amante entra, vede e crede. Insomma, succede come è avvenuto con te. Alla fede nella Resurrezione si arriva soltanto per la strada dell'amore. Come dice un antico proverbio: "i sapienti camminano, i giusti corrono, solo gli innamorati volano". Il discepolo amato vede le stesse cose che tutti vedono, ma le vede in maniera diversa. Vede con l'intelligenza del cuore, alla luce di Dio. È come la mamma che, pur vedendo un tossicodipendente, riconosce ancora un figlio da amare. O come quelli che riescono ancora a intravedere fratelli e sorelle in coloro che gli hanno fatto del male.

Grazie, Maddalena, perché con la tua corsa folle di amore, ci hai portati dal Calvario della crocifissione alla tomba vuota della Resurrezione. Ti siamo grati perché ci hai fatto capire che il Golgota è una postazione provvisoria (don Tonino) e la croce una tappa di passaggio, ma che il nostro destino finale è la Vita in pienezza che viene dalla Resurrezione. Con il tuo ardire ci hai trasportato dalla via buia del dolore al cammino luminoso della gioia e ci hai indicato l'amore come mezzo per arrivarci il più resto possibile. Aiutaci perché anche noi possiamo in questi giorni di passione indicare, attraverso il nostro amore e la nostra solidarietà, il cammino della gioia della resurrezione a chi si sente abbandonato da tutti, a chi è disperato e non riesce a reagire, a chi fa fatica a liberarsi dalla depressione, a chi vive schiacciato sotto il peso del dolore, a chi ha perso tutto ed è stato colpito dal lutto.

Il Cristo risorto ci insegni che non esiste morte per chi decide di amare fino alle ultime conseguenze così come Lui ci amati. Chi ama non perde niente, neanche la vita. Anzi la ritrova in pienezza. Alla gioia della Resurrezione si arriva imboccando la strada dell'amore. Santa Pasqua nella gioia. Vi voglio bene. Pregate per noi. Dio dica bene di tutti noi».
  • Pasqua
  • Padre Saverio Paolillo
Altri contenuti a tema
«Sulla croce della pandemia è trafitta l'intera umanità» «Sulla croce della pandemia è trafitta l'intera umanità» Le parole di padre Saverio Paolillo nella sera del venerdì Santo
Venerdì Santo, Barletta rinuncia alla tradizione. Le immagini dei riti amati dalla città Venerdì Santo, Barletta rinuncia alla tradizione. Le immagini dei riti amati dalla città I fedeli in preghiera per le vie del centro durante la tradizionale processione
Priore Giannini: «Anche al Sepolcro di Barletta non avranno luogo i tradizionali riti religiosi» Priore Giannini: «Anche al Sepolcro di Barletta non avranno luogo i tradizionali riti religiosi» La lettera del Priore Francesco Giannini
4 Venerdì Santo a Barletta, verrà rinnovato il Voto del 1656 Venerdì Santo a Barletta, verrà rinnovato il Voto del 1656 La funzione religiosa sarà videotrasmessa
Settimana Santa, anche a Barletta secondo anno senza riti e processioni Settimana Santa, anche a Barletta secondo anno senza riti e processioni Le disposizioni della Conferenza Episcopale Pugliese
Zona rossa a Barletta, le disposizioni per la Settimana Santa 2021 Zona rossa a Barletta, le disposizioni per la Settimana Santa 2021 Nel dettaglio la comunicazione diramata dal vescovo e le autocertificazioni obbligatorie per i fedeli
Droni su Barletta per i controlli di Pasqua e Pasquetta - VIDEO Droni su Barletta per i controlli di Pasqua e Pasquetta - VIDEO Sono state 244 le persone controllate fra automobilisti e pedoni e 13 le sanzioni elevante
1 Colombe e uova pasquali per bambini e disabili di Barletta Colombe e uova pasquali per bambini e disabili di Barletta Lo Juventus Official Fan Club Barletta ha visitato la Casa Speranza "Suor Maria Lamacchia" e la Casa Famiglia "Monsignor Vincenzo Frezza"
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.