Statua San Benedetto
Statua San Benedetto
Religioni

A Barletta la statua di San Benedetto

Installata nella omonima parrocchia, progetto nato nel 2005 con l'elezione di Benedetto XVI

«Nessuno vi aveva pensato prima – così Don Angelo Dipasquale, parroco della Parrocchia San Benedetto, dove lo scorso 5 dicembre, alla sommità di una colonna, è stata allestita una statua in bronzo di San Benedetto – ma, essa venne in occasione dell'elezione di Papa Benedetto XVI IL 16 aprile 2005. E, non credo sia coincidenza, l'idea è divenuta realtà un mese prima della morte del Pontefice emerito. Dettagli questi da non sottovalutare!»

L'opera dell'artista molfettese Giuseppe Samarelli (artista del crocifisso che ispirò don Tonino Bello per la stesura di "collocazione provvisoria") va a completare il prospetto-sagrato della chiesa parrocchiale di san Benedetto, sul quale si affaccia anche la casa famiglia "Mons. Vincenzo Frezza" (parroco dal 1965 al 1992). L'opera è stata pensata sin da quando, ridisegnando il sagrato della chiesa negli anni 2004-2005, si predispose una colonna azzurra mosaicata, per poi, come ora avvenuto, posizionare la grande scultura bronzea, raffigurante il santo titolare della parrocchia e patrono d'Europa.

«Affinché il sogno divenisse realtà – aggiunge don Angelo – si è dovuto aspettare quasi 15 anni: diversi, infatti, gli ostacoli incontrati negli anni, per ultimo il Covid che ha rallentato e rimandato l'opera. La sua realizzazione è stata ripensata in occasione del 25° della dedicazione della chiesa (1994 -21 marzo- 2019)».

«L'opera fusa in bronzo, – specifica il sacerdote – così come le altre importanti sculture che abbelliscono l'aula liturgica e l'angelo sul campanile, raffigura san Benedetto in posizione orante e benedicente. San Gregorio Magno (540-604) ci ha lasciato una biografia santo di Norcia (480-547); in merito al suo pio transito così scrive: "Sostenendo le sue membra, prive di forze, tra le braccia dei discepoli, in piedi, colle mani levate al cielo, tra le parole della preghiera, esalò l'ultimo respiro". Seppur monumentale nelle misure e nel peso, l'opera si inserisce perfettamente nel panorama cittadino, l'austerità del bronzo viene ammorbidita dalle pieghe che sembrano gonfiate dal vento e le lunghe maniche dell'abito monastico sembrano da un momento all'altro cominciare a muoversi».

L'opera, conclusione di un progetto, è stata proposta dal parroco don Angelo Dipasquale alla comunità parrocchiale, la quale è stata felice di poter contribuire alla sua realizzazione; celebrando, parimenti, un evento importante per ogni Chiesa: il 25° anniversario della Dedicazione della stessa chiesa, avvenuta il 21 marzo 1994.
Durante tutto il periodo della realizzazione dell'opera, nell'aula liturgica, sotto lo sguardo di tutti è stato esposto il bozzetto; oggi non sembra vero che quel bozzetto abbia ceduto il posto all'opera reale e definitiva».

«È in programmazione – dichiara don Angelo – una serata nella quale sarà inaugurato e benedetto il monumento; prima occorre completare alcuni dettagli: la sistemazione della parte sottostante la colonna e l'impianto illuminotecnico, interventi che andranno a valorizzare ancora di più la scultura di san Benedetto, la facciata neoromanica dell'edificio di culto e l'angelo rotante sul campanile, opera di Ernesto Lamagna, commissionato, quest'ultima opera, in occasione del grande Giubileo del 2000».

"Deus caritas est" "Dio è amore" (1Gv 4,16) è la scritta incisa sulla colonna azzurra. La scelta della frase evangelica è stata favorita da altri due eventi storici : l'elezione a pontefice di Benedetto XVI (16.4.2005), scegliendo così lo stesso nome di Benedetto da Norcia e la pubblicazione della prima enciclica dello stesso pontefice dal titolo, appunto, "Deus Caritas est" (25.12.2005). Tali importanti straordinari riferimenti ecclesiali di portata storica hanno ancor di più confermato ed incoraggiato la costruzione dell'erigenda struttura-segno di attenzione al prossimo.
Aggiunge il parroco: «"I poveri e i pellegrini siano accolti con tutto il riguardo e la premura possibile, perché è proprio in loro che si riceve Cristo in modo tutto particolare" (regola di san Benedetto); è ancora e sempre il nostro santo patrono della parrocchia che ci invita a vivere il comandamento dell'amore, consegnatoci da Gesù. La maestosità e la materia con le quali si presenta e svetta l'opera su una strada principale della Città (Via R. Margherita) sia il costante e duraturo invito ad avere cura e premura della persona, aiutati, in questo, dall'operatività della Fondazione Lamacchia Onlus ed il volontariato dell'Unitalsi. Il modellato della imponente scultura di san Benedetto ci porti a guardare in alto e a riscoprire quel "Deus Caritas est"; ci ricordi che la santità è possibile; è per tutti. Non ci sono esclusioni : si è chiamati alla santità con qualsiasi ed in ogni abito. Papa Francesco stesso ce lo ha indicato: "santi della porta accanto». Del Pontefice emerito, Papa Benedetto XVI, sazio di anni e fine teologo accogliamo le sue ultime parole: "… non lasciatevi distogliere dalla fede…… Rimanete saldi nella fede!" (testamento spirituale).
  • Chiesa di San Benedetto
Altri contenuti a tema
Festa di Santa Rita 2024, il programma delle celebrazioni Festa di Santa Rita 2024, il programma delle celebrazioni Fervono i preparativi nella chiesa di San Benedetto
San Benedetto, nella parrocchia di Barletta si conclude l'Anno Giubilare San Benedetto, nella parrocchia di Barletta si conclude l'Anno Giubilare Il programma degli eventi
San Benedetto, nella chiesa barlettana l'opera bronzea dedicata al patrono d'Europa San Benedetto, nella chiesa barlettana l'opera bronzea dedicata al patrono d'Europa Aperta una raccolta fondi per realizzare un monumento dedicato al santo
Sulla morte di Amhed, «non siamo riusciti a strapparlo all'isolamento nel quale si stava condannando» Sulla morte di Amhed, «non siamo riusciti a strapparlo all'isolamento nel quale si stava condannando» Una lettera di don Angelo Dipasquale
Barletta festeggia Santa Rita, controlli e rispetto della sicurezza Barletta festeggia Santa Rita, controlli e rispetto della sicurezza Prima di entrare in chiesa file ordinate per contingentare gli ingressi
Parrocchia di San Benedetto in festa Parrocchia di San Benedetto in festa Si celebra l'inizio del parrocato di don Angelo Dipasquale e il 10° anniversario di ordinazione di don Cosimo Fiorella
1 "San Benedetto, il monachesimo occidentale e l'Europa": lectio magistralis a Barletta "San Benedetto, il monachesimo occidentale e l'Europa": lectio magistralis a Barletta Parroco don Francesco: «Fu proprio il monachesimo a dare un contributo per la formazione delle radici cristiane del nuovo continente»
Settimana Santa, la Parrocchia San Benedetto organizza un concerto Settimana Santa, la Parrocchia San Benedetto organizza un concerto Si esibiranno il coro polifonico "Vir Dei Benedictus" della parrocchia e l'orchestra giovanile
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.