Cittadinanza onoraria per l'82° Reggimento fanteria Torino
Cittadinanza onoraria per l'82° Reggimento fanteria Torino
Istituzionale

82° Reggimento fanteria Torino, «voi siete con Barletta, Barletta è con voi»

Il discorso del sindaco Cannito durante il conferimento della cittadinanza onoraria

Riceviamo e pubblichiamo il discorso del sindaco Cosimo Cannito in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria all'82° Reggimento fanteria Torino.

«Innanzitutto il più sincero benvenuto alle autorità presenti. Un saluto particolarmente sentito rivolgo per l'occasione al colonnello Antonio Morganella e a tutte le donne e gli uomini dell'82° Reggimento Fanteria "Torino". La decisione dell'Amministrazione comunale di conferire la cittadinanza onoraria, esprime il nostro sentimento di ammirazione per la professionalità e l'efficienza operativa dimostrate dal Reggimento nelle numerose missioni internazionali in cui è stato impiegato a tutela della pace e della sicurezza di quei popoli che vivono in contesti difficili e soffrono la mancanza di democrazia e libertà. Questa scelta è, altresì, testimonianza della spontanea riconoscenza della comunità territoriale per lo spirito di cooperazione che i militari di stanza nella caserma "Stella" hanno dimostrato con abnegazione sul piano istituzionale e civile.

La sintesi storica dell'eccellente rapporto tra Barletta e l'Esercito sta nel coraggio dei soldati che difesero, anche pagando l'altissimo prezzo della vita, la città e il suo locale presidio dalla violenza nazista, cieca e distruttiva, nei giorni successivi all'armistizio del 1943. Una pagina di eroismo riconosciuto quasi 16 anni fa dal Capo dello Stato con la Medaglia d'Oro al Valor Militare, nella cui motivazione si sottolineò opportunamente lo spessore di quel contributo nel complesso, arduo percorso di riconquista dei valori di pace e democrazia che la città, questa città, aveva e ha il dovere morale di tramandare alle generazioni future. Gli stessi princìpi virtuosi, fondanti della Costituzione repubblicana e alla base della moderna organizzazione del Paese, ci hanno responsabilizzati e li abbiamo apprezzati, giorno dopo giorno, nell'operato di chi ha prestato giuramento di fedeltà impegnandosi al servizio dell'Italia nelle Forze Armate. Identici valori li abbiamo riconosciuti nella concreta azione di sostegno che l'82° Reggimento Fanteria "Torino" ha compiuto con preziosa e lodevole regolarità in favore della comunità cittadina: nel fronteggiare emergenze anche drammatiche, nel condividere gli obiettivi sociali e solidali delle associazioni di volontariato e di assistenza ai bisognosi, nell'offrire sostegno materiale a iniziative e manifestazioni di carattere sanitario, culturale, sportivo, dimostrando – sempre – la più consapevole e ampia disponibilità.

L'82°Reggimento Fanteria "Torino" è meritatamente diventato, a tutti gli effetti, un punto di riferimento che crede in se stesso e vince, onorando il proprio motto, "Credo e Vinco!". La volontà dell'Ente, avallata dal Consiglio comunale con la deliberazione del 15 maggio scorso, è senza dubbio l'espressione della gratitudine di ogni barlettano di cui interpreto in questo momento il pensiero più leale e trasparente. È il grazie pronunciato da tutti per l'esempio etico di cui beneficiamo, profondamente rispettoso e sensibile alle istanze pubbliche. È l'espressione della stima per lo spirito di sacrificio che i nostri militari, al servizio della Costituzione, dimostrano nell'affrontare e superare con disinvoltura e competenza le difficoltà con le quali si misurano quotidianamente. Al comandante Morganella, alle soldatesse e ai soldati che onorano, individualmente e collettivamente, l'uniforme indossata, consegno con un ideale abbraccio la cittadinanza onoraria, ringraziandovi di cuore per il supporto fondamentale offerto alla città di Barletta e al suo cammino in direzione di un futuro che ci vedrà costantemente uniti.

Voi siete con Barletta, Barletta è con voi».
  • 82° Reggimento fanteria 'Torino'
  • Cosimo Cannito
Altri contenuti a tema
Puzza in città, individuata la probabile causa. I controlli non si fermano Puzza in città, individuata la probabile causa. I controlli non si fermano «Mi sarei aspettato maggior interesse per la vicenda»: la polemica del sindaco nei confronti dell’Assessorato regionale all’Ambiente
Cattivi odori in città, il Sindaco Cannito: «Troveremo il responsabile di un atto criminale» Cattivi odori in città, il Sindaco Cannito: «Troveremo il responsabile di un atto criminale» Chiesto l’intervento della Procura della Repubblica di Trani e convocato un consiglio comunale straordinario e monotematico
Furto alla mensa Caritas Barletta, una nota del sindaco Cannito Furto alla mensa Caritas Barletta, una nota del sindaco Cannito «Un gesto che fa rabbia e addolora allo stesso tempo»
Cittadella della musica concentrazionaria, il sindaco saluta la troupe della CBS Cittadella della musica concentrazionaria, il sindaco saluta la troupe della CBS Il reportage andrà in onda il prossimo autunno in USA
Arresti per traffico internazionale di droga, una nota del sindaco di Barletta Arresti per traffico internazionale di droga, una nota del sindaco di Barletta Cannito: «Questa è una guerra da combattere insieme»
Nuova sede provinciale di Arpa Puglia a Barletta, sarà operativa da gennaio 2020 Nuova sede provinciale di Arpa Puglia a Barletta, sarà operativa da gennaio 2020 La sede si occuperà di monitoraggi ambientali ed effettuerà misurazioni di parametri su emissioni odorigene
Il sindaco Cannito incontra il poeta barlettano Michele Dibenedetto Il sindaco Cannito incontra il poeta barlettano Michele Dibenedetto Il Sindaco: «Testimoniano la capacità creativa della nostra gente che diventa il vero volano della cultura cittadina»
1 Il sindaco Cannito soddisfatto dopo il Jova Beach Party Il sindaco Cannito soddisfatto dopo il Jova Beach Party I lunghi ringraziamenti del primo cittadino dopo il grande evento
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.