L'incendio nei pressi dell'ex mattatoio di Barletta
L'incendio nei pressi dell'ex mattatoio di Barletta

Incendio nell'ex mattatoio, lo sfogo di un cittadino: «Sono arrabbiato con l'amministrazione»

«Ho segnalato numerose volte con foto e video, gente che scaricava vestiti e materiali simili»

«Con la speranza che la magistratura possa individuare i colpevoli della situazione di ieri, vi scrivo questa lettera perché sono letteralmente arrabbiato di come la classe politica stia gestendo questa situazione ambientale. Nei pressi dell'ex macello è presente l'ex villaggio del fanciullo, un condominio residenziale formato da circa 20 famiglie, più alcune ville sparpagliate lungo via Andria e difronte al luogo dell'incendio.

È mai possibile che ad oggi dopo 24 ore l'aria è ancora irrespirabile e NESSUNO dico nessuno si è interessato di darci spiegazioni su come evitare di inalare quest'aria tossica ancora presente in zona? Sono 24 ore che siamo con le finestre chiuse. Un'amministrazione seria convocherebbe l'Arpa urgentemente e fa fare le analisi del caso. Tutti i comitati nati ed i politici che ieri sono venuti a farsi riprendere (vi assicuro erano tanti), perché non si interessano di questi cittadini?

Ho segnalato numerose volte con foto e video, gente che scaricava vestiti e materiali simili nei pressi del canale Ciappetta Camaggio, non è stato mai fatto nulla. Tutto questo è vergognoso. Mi chiedo nel 2022 se l'amministrazione locale e le forze dell'ordine ci fanno o ci sono, ma soprattutto se non ci tutelano loro chi lo fa?

Questa storia è una brutta, l'ennesima pagina che i tanti cittadini onesti di Barletta devono subire, sperando che la situazione prima o poi cambi».
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.