Carabinieri Scritta
Carabinieri Scritta
Cronaca

Ville di lusso, piscine e stalle per cavalli tra Barletta e Andria ma per il fisco i Lapenna erano indigenti

Arrestati i noti pregiudicati, trovate proprietà anche a Castel del Monte. Operazione dei Carabinieri

I carabinieri della Compagnia di Andria questa mattina hanno sequestrato beni mobili e immobili per valore di due milioni di euro ai fratelli Emanuele e Giuseppe Lapenna, di 39 e 38 anni, pluripregiudicati. Il provvedimento e' stato emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Trani, che ha utilizzato la norma introdotta con il 'Pacchetto Sicurezza' che permette di aggredire i patrimoni di coloro i cui proventi sono chiaramente il frutto di attività illecite, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari alla quale era stato applicato un Magistrato della Procura del nord barese.

Per il fisco i fratelli Lapenna, detti 'stumblicc', sono persone in ''totale stato di indigenza'', lavoratori precari. Il primo nel 2008 ha dichiarato redditi per 9.500 euro, il secondo negli ultimi dieci anni non ha mai dichiarato nessun reddito. Per la giustizia, invece, si tratta di pregiudicati appartenenti al clan Campanale (Emanuele Lapenna è consuocero del boss Riccardo Campanale, quest'ultimo esponente storico del clan Pastore), con una carriera criminale iniziata nel 1993 quando i due fratelli furono arrestati insieme al padre e alla madre per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Da allora entrambi sono praticamente entrati e usciti dal carcere con accuse sempre legate al traffico di droga. Secondo quanto accertato i due, esponenti di spicco della criminalità organizzata, hanno un alto tenore di vita. E' stato proprio questo particolare, unito all'alta capacità delinquenziale mostrata da entrambi nel corso degli ultimi 20 anni, a far avviare un accertamento patrimoniale da parte dei Carabinieri della Compagnia di Andria, coordinati dall'Antimafia di Bari.

Gli accertamenti hanno dimostrato che i due fratelli Lapenna avevano intestato ai loro familiari più stretti e a prestanome di fiducia le proprietà che venivano acquistate, secondo gli inquirenti, con i proventi del traffico delle sostanze stupefacenti. Beni mobili ed immobili che mai sarebbero potuti essere nella disponibilità di nuclei familiari che, per i redditi dichiarati, sono da considerarsi sulla soglia della povertà. E invece possiedono tre ville lusso (la prima di tre piani nel centro di Andria, la seconda con piscina in contrada 'Montevitolo', la terza comprensiva di stalle per cavalli nelle vicinanze di Castel del Monte) sequestrate oggi con tutti gli arredi, gli elettrodomestici, gli impianti tecnologici, suppellettili di pregio, gioielli, monili in oro, orologi di pregio.

Sequestrati anche un appartamento a Margherita di Savoia; sette appezzamenti di terreno ad Andria e Barletta; un autoparco in fase di realizzazione sulla Strada provinciale Andria-Barletta; due imprese agricole; sette autoveicoli: una Mercedes classe B, un'Audi A/6, un'Audi A/3, un'Audi A/2, una Bmw 330 coupè, una Toyota Aygò e una Fiat Panda; due motociclette (una Yamaha Tmax e una Honda 250) e uno scooter Mbk; due mezzi agricoli speciali:un trattore Case Steyr 150 e una frangipietra Rinaldi; quattro conti bancari. L'intero patrimonio sequestrato, del valore di circa due milioni di euro, e' stato affidato a un custode nominato dal Tribunale. A nessuno dei familiari è stata concessa la facoltà d'uso neppure per le abitazioni.
  • Carabinieri
  • Arresto
  • Indagini
  • Evasione fiscale
Altri contenuti a tema
1 Evasi dal carcere di Trani, preso alla periferia di Barletta uno dei due fuggitivi Evasi dal carcere di Trani, preso alla periferia di Barletta uno dei due fuggitivi Proseguono le ricerche da parte delle forze dell'ordine
Finto “maresciallo dei carabinieri”, ancora truffe per raggirare gli anziani Finto “maresciallo dei carabinieri”, ancora truffe per raggirare gli anziani I consigli dei Carabinieri del comando provinciale Bat per evitare di essere truffati dai malintenzionati
A Barletta diversi controlli dei Carabinieri del Comando provinciale BAT A Barletta diversi controlli dei Carabinieri del Comando provinciale BAT Servizi mirati per garantire la sicurezza stradale da parte dei militari dell’Arma
Carabinieri, intensificati i controlli del territorio dal Comando Provinciale Bat Carabinieri, intensificati i controlli del territorio dal Comando Provinciale Bat Un servizio a largo raggio con controlli a tappeto e perquisizioni per ricerca di armi e stupefacenti
Il Generale Del Monaco in visita alla compagnia Carabinieri di Barletta Il Generale Del Monaco in visita alla compagnia Carabinieri di Barletta Ad attenderlo nella caserma di via Pappalettere tutti i Comandanti delle Stazioni dipendente ed i militari in servizio a Barletta
Aggressione a due carabinieri a Bari, denunciata anche una barlettana Aggressione a due carabinieri a Bari, denunciata anche una barlettana La 43enne avrebbe aiutato i due aggressori nel tentativo di permettere loro la fuga
Truffa un'anziana a Barletta: arrestato 36enne Truffa un'anziana a Barletta: arrestato 36enne Si era finto il nipote della donna chiedendole un'ingente somma di denaro: tempestivo l'intervento dei Carabinieri
Pattugliamento dei Carabinieri in alta uniforme tra le strade di Barletta Pattugliamento dei Carabinieri in alta uniforme tra le strade di Barletta Un modo per rafforzare i controlli e avvicinare cittadini e bimbi incuriositi
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.