Via Alvisi
Via Alvisi
La città

Via Alvisi come il far west: pericolo per i pedoni dopo l'ennesimo investimento

Si auspicano soluzioni reali, come dossi rallentatori o "VeloOK"

L'ennesimo sinistro stradale si è consumato in via Alvisi, in prossimità del sottovia, nel giro di poche settimane.

Distrazione alla guida? Eccesso di limiti di velocità? Zona poco illuminata? Pedoni distratti? L'unica cosa certa è che ogni malcapitato si trova ad attraversare sulle strisce pedonali (per fortuna ancora presenti, rispetto alle stesse di alcune strade, sbiadite o totalmente assenti come in Corso Vittorio Emanuele), in un totale "far west".
Quasi ogni giorno accadono eventi di questo tipo, per fortuna non ogni evento necessita dell'intervento dell'ambulanza. Ma la vera domanda è… "Possibile che bisogna avere paura ad attraversare la strada, perfino sulle strisce, in questa come anche in altre zone della nostra città? E perché nessuno prende dei provvedimenti?".

I due attraversamenti pedonali di via Alvisi, specialmente quello più in prossimità del sottopasso, sono ben conosciuti per questi eventi frequenti e ben celebri proprio per la loro alta pericolosità. Soluzioni? Sono molteplici e quasi tutte non necessitano di interventi proibitivi, così tanto costosi o impattanti… L'intervento fatto qualche anno fa, posizionando la segnaletica luminosa, che indica la presenza dell'attraversamento pedonale, possiamo definirlo - col senno di poi - quasi inutile, data la scarsa visibilità generale della zona, o la noncuranza di molti, che si improvvisano piloti di Formula 1 in città.

Basta solo gettare uno sguardo alle città vicine che si sono adeguate con delle misure cautelative, quali dossi rallentatori o "VeloOK", cioè box contenitori contenenti all'interno strumentazioni omologate adibite al controllo della velocità o al monitoraggio del traffico, ma in primis bisognerebbe illuminare adeguatamente la zona, dando maggiore visibilità in particolare ai due attraversamenti.

Ora la palla passa a chi di dovere, perché ascoltare periodicamente di incidenti di questo tipo è frustrante: anziani, tanti studenti che passano di lì per recarsi a scuola, sportivi che tornano nelle ore serali dagli allenamenti svolti negli impianti della zona Patalini, sono in tanti che ogni giorno attraversano questo tratto, con la paura e la difficoltà nell'attraversare una semplice strada di pochi metri.
  • Traffico
  • Situazione di pericolo
Altri contenuti a tema
Trolley "sospetto" in via Vittorio Veneto, intervengono gli artificieri: è falso allarme Trolley "sospetto" in via Vittorio Veneto, intervengono gli artificieri: è falso allarme Monitoraggio terminato
Biglietti, allarmi e sicurezza: «Attenzione a non cadere nella trappola dell’emulazione» Biglietti, allarmi e sicurezza: «Attenzione a non cadere nella trappola dell’emulazione» Dopo gli episodi accaduti in pochi giorni a Trani, Barletta, Bari e Andria, ne parliamo con il comandante dei Carabinieri Massimiliano Galasso
Allarme bomba a Trani, Barletta e Palese: si indaga per terrorismo Allarme bomba a Trani, Barletta e Palese: si indaga per terrorismo Aperto fascicolo contro ignoti da parte della DDA di Bari
Allarme bomba a Trani, allerta per i treni tra Barletta e Bari Allarme bomba a Trani, allerta per i treni tra Barletta e Bari Le scuole tranesi resteranno chiuse: disagi per i pendolari
1 Evadono dal carcere, ricerche in corso fra Trani e Barletta Evadono dal carcere, ricerche in corso fra Trani e Barletta Divulgate le foto dei due evasi: sarebbero scappati in direzione nord verso Barletta
Cade pezzo di vaso in via Monfalcone, pericolo scongiurato Cade pezzo di vaso in via Monfalcone, pericolo scongiurato Sfiorati alcuni passanti e colpite auto in sosta, fortunatamente nessuno è rimasto ferito. Sul posto la Polizia locale e i Vigili del Fuoco
Gennaro Antonio Rociola: «Il PUMS, croce senza delizia» Gennaro Antonio Rociola: «Il PUMS, croce senza delizia» La nota del comissario cittadino del movimento "Emiliano Sindaco di Puglia"
Paura tra le auto al parcheggio della Lega Navale: il racconto delle ragazze Paura tra le auto al parcheggio della Lega Navale: il racconto delle ragazze “Ha provato ad entrare in macchina, eravamo da sole”: dopo la denuncia via social, le protagoniste della vicenda spiegano il recente episodio
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.