Ospedale Dimiccoli
Ospedale Dimiccoli
Cronaca

Sospetta meningite a Barletta, sarebbe il primo caso in Puglia

Si tratta di uomo di nazionalità straniera, non sarebbe infettivo

Ha destato tanto scalpore in questi giorni la notizia di alcuni casi di meningite in Toscana, e da lì si è aperto un acceso dibattito dopo alcuni falsi allarmismi che collegavano il diffondersi della malattia ai flussi migratori provenienti dal Mediterraneo. Oggi si è diffusa la notizia di un caso sospetto di meningite all'ospedale "Dimiccoli" di Barletta. Nessuna conferma da fonti ufficiali, ma pare si tratti di un uomo di origine straniera - ma residente da anni nella città della Disfida - ricoverato al nosocomio cittadino a causa di alcuni sintomi tipici influenzali. La situazione però potrebbe essere più grave del previsto, tanto da parlare in via ancora ufficiosa di una possibile meningite.

Risale al 2012 l'ultimo caso attestato di meningite nella città di Barletta: allora era stata una bambina ad essere colpita dalla temuta malattia, e subito partirono le procedure di profilassi nella sua scuola - l'istituto "Modugno" - per evitare possibili contagi. In questo caso invece pare che non si tratti del ramo infettivo della malattia, e sicuramente occorre scongiurare in ogni modo il diffondersi di inutili allarmismi.

Approfondimento (fonte Ansa) - E' stato diagnosticato a Barletta il primo caso di meningite in Puglia. E' accaduto ieri all'ospedale "Dimiccoli" di Barletta. Il paziente, un 43enne di origini senegalesi, residente a Barletta da anni, soffre di diverse patologie e il tipo di meningite accertata dai medici del nosocomio barlettano è virale, non batterica e, dunque - precisa l'azienda sanitaria - non infettiva. L'uomo già ieri è stato trasferito alla Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (Foggia), dove si trova ricoverato nel reparto di Rianimazione. Quando è arrivato in ospedale a Barletta, l'uomo era semi-incosciente e presentava una grave insufficienza respiratoria. E' stato intubato e trasferito nell'ospedale foggiano. Le sue condizioni sono stabili.
  • Ospedale "R. Dimiccoli"
  • Malattia
Altri contenuti a tema
All'ospedale "Dimiccoli" al via il progetto “Letture in corsia” All'ospedale "Dimiccoli" al via il progetto “Letture in corsia” Lettura e marionette per aiutare i piccoli pazienti
"Maggio dei libri", all'ospedale di Barletta il primo appuntamento "Maggio dei libri", all'ospedale di Barletta il primo appuntamento Oggi l'iniziativa "Letture in corsia" al reparto Pediatria
29 Tre feriti tra via Milano e via Firenze, ancora incidente stradale Tre feriti tra via Milano e via Firenze, ancora incidente stradale L'incrocio non è nuovo a simili impatti, coinvolte due auto
6 Piano di riordino ospedaliero, nessuno spazio per la Sensibilità Chimica Multipla Piano di riordino ospedaliero, nessuno spazio per la Sensibilità Chimica Multipla Interviene Barletta Cinque Stelle: «Fondamentale la tutela della salute»
4 Ospedale di Barletta bocciato, il punto di Grazia Di Bari Ospedale di Barletta bocciato, il punto di Grazia Di Bari Arringa contro i toni trionfalistici di Emiliano: «I conti non tornano»
23 Succede a Barletta, litiga con l'amante della moglie e finisce in ospedale Succede a Barletta, litiga con l'amante della moglie e finisce in ospedale L'uomo è stato ricoverato al "Dimiccoli" e poi trasferito al "Bonomo" di Andria
1 Linfoma raro, dopo un trapianto di midollo arriva il lieto fine Linfoma raro, dopo un trapianto di midollo arriva il lieto fine Tarantini: «Il caso è stato presentato al congresso di Parigi»
Reparto psichiatria di Barletta a rischio trasferimento, scatta la protesta Reparto psichiatria di Barletta a rischio trasferimento, scatta la protesta Grazia Desario: «Operazione a svantaggio di pazienti e operatori»
© 2001-2017 BarlettaViva è un portale gestito da Sviluppo Massivo sas. Partita iva 06237280729. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.