Guardia di Finanza Barletta
Guardia di Finanza Barletta
Cronaca

Scoperte due società di Barletta create ad hoc per avere fondi Covid

Riscossi finanziamenti per 60mila euro senza aver mai eseguito alcuna attività

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico – Finanziaria di Barletta hanno individuato due società locali, facenti capo ad uno stesso amministratore, che, in maniera indebita, sono risultate destinatarie di finanziamenti garantiti dal Fondo Centrale di Garanzia dello Stato disposto nell'ambito delle azioni anticrisi derivanti dall'emergenza epidemiologica COVID–19 per un ammontare complessivo di 60.000 euro.

Le Fiamme Gialle, all'esito delle indagini, svolte attraverso l'esame di documentazione contabile e fiscale, supportate anche da accertamenti bancari e finanziari, hanno verificato come entrambe le società erano state costituite unicamente al fine di ottenere l'indebita agevolazione, non avendo mai effettivamente iniziato l'attività. Le somme ottenute dai finanziamenti erano state invece prelevate e utilizzate per scopi diversi da quelli previsti.

L'amministratore, chiamato a rispondere del reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche, è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Trani, la quale, condividendo gli esiti delle investigazioni svolte dai Finanzieri, ha proposto ed ottenuto dal G.I.P. presso il Tribunale il sequestro preventivo e per equivalente, nei confronti delle società e dell'indagato, delle somme esistenti sui conti correnti e depositi bancari, di quote societarie nonché di beni immobili e beni mobili registrati.

L'attività di aggressione patrimoniale eseguita dalle Fiamme Gialle, sotto la direzione della locale Autorità Giudiziaria, conferma il ruolo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza, posta a presidio degli interessi finanziari dello Stato, degli Enti locali e dell'Unione europea e a contrasto di fenomeni che, come nel caso di indebito accesso a forme di sostegno finanziario da parte dello Stato, hanno un elevato disvalore sociale ed economico, generando un danno immediato alle casse pubbliche e distraendo risorse che potrebbero essere invece impiegate a favore di imprese che ne hanno realmente necessità.
  • Guardia di Finanza
Altri contenuti a tema
Maxi frode fiscale da 355 milioni di euro, coinvolta la società "Chogan" di Barletta Maxi frode fiscale da 355 milioni di euro, coinvolta la società "Chogan" di Barletta Misure cautelari per cinque persone, tra cui un commercialista ritenuto "deus ex machina" del meccanismo fraudolento
Frode fiscale: interviene la Finanza di Barletta con sequestri e misure cautelari Frode fiscale: interviene la Finanza di Barletta con sequestri e misure cautelari Dall'alba in corso la maxi operazione delle Fiamme Gialle
La Finanza di Barletta sequestra oltre 138mila prodotti non sicuri La Finanza di Barletta sequestra oltre 138mila prodotti non sicuri L'esito dell'operazione a tutela della sicurezza dei consumatori
Maxi truffa su bonus edilizi, interviene la Finanza di Barletta: quattro arresti Maxi truffa su bonus edilizi, interviene la Finanza di Barletta: quattro arresti Eseguito sequestro pari a circa 2 milioni di euro
Estorsione ai danni di un imprenditore barlettano, arrestato pluripregiudicato Estorsione ai danni di un imprenditore barlettano, arrestato pluripregiudicato Le indagini delle Fiamme gialle hanno consentito di documentare gli incontri tra la vittima e l’estorsore
5 Sequestrati oltre 55mila litri di carburante nel porto di Barletta Sequestrati oltre 55mila litri di carburante nel porto di Barletta Controllati due mezzi al varco doganale: maggiori controlli in vista del G7
Movida sicura, un venerdì sera di controlli straordinari a Barletta Movida sicura, un venerdì sera di controlli straordinari a Barletta Azione congiunta di Polizia di Stato, Polizia locale e Guardia di Finanza
1 Contrasto al mercato nero dei ricambi auto, illustrata l’operazione congiunta di Polizia e Finanza Contrasto al mercato nero dei ricambi auto, illustrata l’operazione congiunta di Polizia e Finanza Numerosi i controlli effettuati nella Bat: nel mirino delle forze dell’ordine sono finite in particolare due attività andriesi e una di Barletta
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.