Rifiuti in via Vecchia Canosa
Rifiuti in via Vecchia Canosa
La città

Plastica bruciata, materassi, anche un water: via Vecchia Canosa o cloaca massima?

Dall’agro di Barletta, cronache di ordinario degrado

Elezioni Regionali 2020
Ancora una volta ci vediamo costretti a documentare lo stato di degrado, sporcizia ed inciviltà nel quale versano le nostre strade di campagna.

Abbiamo già trattato abbastanza di recente questo argomento, nella speranza (a quanto pare vana) di sensibilizzare le istituzioni, e soprattutto la cittadinanza barlettana, alla salvaguardia di una delle caratteristiche più belle del nostro territorio. Stiamo parlando dello sterminato orizzonte di vigne ed ulivi che rende unico il nostro entroterra.

Purtroppo Barletta riguardo queste tematiche continua imperterrita ad essere la città del "non è a me" e le immagini con cui documentiamo ad esempio quell'autentica cloaca massima che pare essere diventata la Via Vecchia per Canosa ove disseminato per i campi si trova ogni sorta di rifiuto. Un panorama sconcertante fatto di plastica e bottiglie bruciate, materiale edile di risulta, copertoni, materassi e water assortiti manco fossimo in uno stand della Eminflex o della Pozzi Ginori, scarti di lavorazioni tessili e - ultime, ma non certo per degrado nonché grave pericolo per la salute, viste le penetrazioni nella falda causa pioggia – anche lastre di eternit.

Osservando questo spettacolo desolante, ci rendiamo purtroppo conto di quanto improbo possa essere il compito degli operatori Bar.S.A., i quali, per quanto possano sforzarsi, non riuscirebbero mai in queste condizioni a tenere testa ai "galantuomini" che fanno costantemente scempio dell'agro barlettano.

Inoltre, come se non bastasse, qualche notte fa, da Sud-Ovest , pare sia tornata a "deliziarci" la famigerata "puzza di fonzies" che tanto ha ammorbato le nostre sere d'estate.

Da tutto questo si evince che deterrenti come videosorveglianza ed esposti alla magistratura nulla possono contro questi ormai numerosi fenomeni misti di illegalità ed ignoranza, che evidentemente sono appannaggio si di una minoranza di cittadini. Ma sarebbe anche ora di ammettere una volta per tutte che si tratta di una minoranza non più trascurabile. Ne và innanzitutto della nostra salute. Poi del decoro della nostra città
24 fotoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degrado
Rifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degradoRifiuti in via Vecchia Canosa, cronache di ordinario degrado
  • Emergenza rifiuti
Altri contenuti a tema
1 Binetti: «Guanti e mascherine abbandonati sulle spiagge di Barletta» Binetti: «Guanti e mascherine abbandonati sulle spiagge di Barletta» L’appello per salvare il mare di Barletta: dopo il COVID-19 rischio emergenza rifiuti
Centro di raccolta Settefrati, arriva a Barletta il finanziamento da Ager per attrezzature Centro di raccolta Settefrati, arriva a Barletta il finanziamento da Ager per attrezzature Il centro di via Pertini sarà il terzo presente in città, dopo l’isola ecologica di Bar.s.a. e quello della 167
4 Contagi COVID-19 a Barletta, Comune contrario alle autodichiarazioni Contagi COVID-19 a Barletta, Comune contrario alle autodichiarazioni L'amministrazione si dissocia dalla nota di Bar.S.A.
Spazzamento meccanizzato, torna domenica 1 marzo in cinque zone della città Spazzamento meccanizzato, torna domenica 1 marzo in cinque zone della città Il comune apporrà una ulteriore segnaletica cartacea in concomitanza con l’espletamento del servizio, ma questo avverrà ancora per pochi mesi
Francia, la truffa delle stoviglie in plastica: monouso vendute come riutilizzabili Francia, la truffa delle stoviglie in plastica: monouso vendute come riutilizzabili Monitoraggio effettuato da Zero Waste France
Pulizia e sicurezza strade extraurbane, un accordo tra Anas e Comune di Barletta Pulizia e sicurezza strade extraurbane, un accordo tra Anas e Comune di Barletta Anas provvederà a raccogliere i rifiuti mentre Bar.s.a. si farà carico di ritirarli e smaltirli
1 Bellezza ma anche sporcizia: rifiuti edili e pneumatici sulla costa sud di Barletta Bellezza ma anche sporcizia: rifiuti edili e pneumatici sulla costa sud di Barletta Il resoconto dell'escursione promossa da Legambiente nell'area umida di Ariscianne-Boccadoro
Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, la sfida di ScartOff Barletta Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, la sfida di ScartOff Barletta Sabato un laboratorio gratuito per creare un posacenere tascabile con il riutilizzo del tetrapack
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.