Criminologo Spoletti caso Cilli
Criminologo Spoletti caso Cilli
Cronaca

Omicidio Cilli, «mancano ancora tasselli importanti all'indagine»

Il commento del criminologo Gianni Spoletti, al fianco della famiglia di Michele

La svolta sul caso del 24enne barlettano Michele Cilli è arrivata nella giornata di ieri: una corposa ricostruzione effettuata dagli inquirenti ha portato alle accuse di omicidio e soppressione di cadavere. A due mesi dalla scomparsa di Michele, il quadro del crimine comincia a delinearsi, ma sicuramente mancano ancora alcune tessere per ricomporre questo intricato mosaico investigativo.

Abbiamo chiesto ragguagli al criminologo Gianni Spoletti, incaricato come consulente di parte dalla famiglia di Michele al fianco dell'avvocato Michele Cocchiarole.

Come è stata accolta la notizia degli arresti dai familiari di Michele?
«La famiglia ha accolto con soddisfazione la notizia degli arresti, aspettiamo comunque la conferma della convalida da parte del GIP, ma credo che alla luce dei riscontri dell'indagine possa solo confermare la custodia cautelare in carcere dei due indagati».

L'ipotesi ormai conclamata è quella di soppressione di cadavere. Sarà possibile trovare dei resti del giovane, o una traccia riconducibile al suo DNA?
«Si sta indagando per la soppressione del cadavere, noi speriamo che si possano trovare almeno alcuni resti o ciò che rimane di Michele Cilli, anche se penso onestamente che non sarà una cosa facile da accertare. Una volta trovati, il test del DNA dovrà confermare che appartengono al cadavere di Michele».
Nella ricostruzione della Polizia non è stata fatta menzione di quell'automobile incendiata in contrada Francesca. Ci sono stati accertamenti su quell'episodio?
«L'auto incendiata in contrada Francesca è sicuramente stata attenzionata dagli inquirenti, le indagini non sono concluse, credo che manchino ancora tasselli importanti per la ricostruzione dell'indagine stessa.

Qualcuno nel frattempo si è avvicinato a voi o alla famiglia per fornire nuove informazioni utili al caso o al ritrovamento del corpo di Michele?
«Credo che uno dei due indagati che si trova adesso in custodia cautelare in carcere, arruolato per la soppressione del cadavere di Michele Cilli, possa fornire agli inquirenti importanti dettagli su cosa è avvenuto effettivamente quella notte. Nei filmati divulgati dalla Polizia ci sono luoghi dove il monitoraggio delle telecamere (sia private che istituzionali) non sono presenti, quindi auspichiamo che l'indagato - considerata la gravità dei reati a lui contestati - dica come si è sbarazzato del corpo di Michele»..
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
Omicidio Lasala, parla l'imputato: «Con la vittima c'erano precedenti attriti» Omicidio Lasala, parla l'imputato: «Con la vittima c'erano precedenti attriti» Ieri udienza a Trani, prossimo appuntamento il 16 giugno
Omicidio Tupputi, parla Rutigliano: «Non avevo intenzione di uccidere, chiedo scusa alla famiglia» Omicidio Tupputi, parla Rutigliano: «Non avevo intenzione di uccidere, chiedo scusa alla famiglia» Il barlettano è accusato di omicidio volontario per la morte di Giuseppe Tupputi
Omicidio Cilli, ecco le motivazioni della sentenza Omicidio Cilli, ecco le motivazioni della sentenza Lo scorso 30 marzo le condanne per Dario Sarcina e Cosimo Damiano Borraccino
9 La vedova del barista Tupputi: "Io dimenticata dalle istituzioni" La vedova del barista Tupputi: "Io dimenticata dalle istituzioni" “Ho dovuto scegliere se far seguire mia figlia o me dalla psicologa"
Omicidio Tupputi: imputato è capace di intendere e di volere Omicidio Tupputi: imputato è capace di intendere e di volere Il 12 maggio al via il processo
Processo Cilli, c’è la sentenza Processo Cilli, c’è la sentenza 18 anni e 8 mesi per Dario Sarcina, 5 anni e 8 mesi per Cosimo Damiano Borraccino
9 Omicidio Tupputi, nominato perito per l'imputato Omicidio Tupputi, nominato perito per l'imputato Da valutare la capacità di intendere e volere di Pasquale Rutigliano
Omicidio Cilli, sentenza rinviata al 30 marzo Omicidio Cilli, sentenza rinviata al 30 marzo Per Sarcina richiesti 20 anni di reclusione, 6 per Borraccino
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.