Il progetto del centro di raccolta
Il progetto del centro di raccolta
Associazioni

Nuovo centro comunale di raccolta, la nota di Legambiente Barletta

«Una gestione che preveda il coinvolgimento di cittadini e associazioni può essere garanzia di assenza di disagi»

«Facendo seguito alle crescenti sollecitazioni arrivate da più parti in merito alla vicenda del 𝐧𝐮𝐨𝐯𝐨 𝐜𝐞𝐧𝐭𝐫𝐨 𝐝𝐢 𝐫𝐚𝐜𝐜𝐨𝐥𝐭𝐚, che l'amministrazione comunale intende realizzare 𝐧𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐳𝐨𝐧𝐚 𝟏𝟔𝟕, nei pressi della parrocchia SS. Trinità, siamo a chiarire la posizione della nostra associazione rispetto a quello che qualcuno ha definito un colpevole "silenzio"» scrivono i referenti di Legambiente Barletta.

«Legambiente dacché opera sul territorio cittadino, ha costruito la propria credibilità ponendo in essere azioni concrete, volte a sensibilizzare la cittadinanza verso tematiche legate alla salvaguardia dell'ambiente e della salute pubblica, azioni che mirano anche a incentivare una autentica cultura "ecologica".
Il progetto del nuovo centro di raccolta, risultato oggetto di finanziamento regionale è basato su uno studio di fattibilità che può e deve accogliere nella versione definitiva ed esecutiva poi, tutte le istanze provenienti dalla popolazione e dalle associazioni di cittadini.

Non appoggiamo "a prescindere" progetti calati dall'alto sulla testa dei residenti, come non siamo disposti a osteggiare "a prescindere" un progetto sulla base di pregiudizi che non hanno fondamento.

Tutte quelle infrastrutture e quei progetti funzionali a favorire una chiusura virtuosa del ciclo dei rifiuti, attraverso il riuso e il riciclo non possono che essere accolte con favore da Legambiente.

Esistono esempi virtuosi in varie città italiane, dove i centri di riuso e di riciclo rappresentano delle realtà di successo, perché vedono i cittadini, le associazioni, le diocesi e le amministrazioni comunali lavorare fianco a fianco per perseguire obiettivi di riduzione dei rifiuti e di solidarietà sociale, valga per tutti l'esempio di Capannori, in provincia di Lucca.

Il punto non è essere favorevoli o contrari alla realizzazione di un centro di raccolta destinato al riciclo e al riuso, perché chi ha a cuore la salvaguardia dell'ambiente non può che essere favorevole e non è nemmeno discriminante la questione della localizzazione, un centro di riuso e riciclo deve necessariamente collocarsi all'interno di un centro abitato, perché trattasi di infrastruttura al servizio dei cittadini e non di una discarica a cielo aperto e chi sostiene il contrario cerca solo di buttarla in caciara per strumentalizzare politicamente la vicenda.

La questione di importanza strategica oggi è, una volta ottenuto questo finanziamento regionale, chiedere e ottenere che venga redatto un progetto esecutivo accurato, che consenta di realizzare una infrastruttura efficiente e avere garanzie di una altrettanto efficiente gestione.

Solo una "𝐠𝐞𝐬𝐭𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐢𝐦𝐩𝐞𝐜𝐜𝐚𝐛𝐢𝐥𝐞" che vede il coinvolgimento di cittadini e associazioni può essere garanzia di assenza di disagi a fronte di notevoli vantaggi per la collettività».
  • Legambiente
Altri contenuti a tema
1 Materasso buttato in spiaggia, recupero da parte dei volontari Legambiente Materasso buttato in spiaggia, recupero da parte dei volontari Legambiente I rifiuti sono stati recuperati per concordare il ritiro da parte di Bar.S.A.
1 Giornata Mondiale delle Zone Umide, diretta di Legambiente Barletta in collaborazione con BarlettaViva Giornata Mondiale delle Zone Umide, diretta di Legambiente Barletta in collaborazione con BarlettaViva Domani alle 18 un webinar sul tema "Aree umide costiere scrigno di biodiversità e ruolo ecosistemico"
Pino di via Vittorio Veneto, Legambiente: «La partita è ancora aperta» Pino di via Vittorio Veneto, Legambiente: «La partita è ancora aperta» La sezione barlettana dell'associazione: «Nonostante il pino non sia ancora salvo, nulla é perduto»
5 Arriva la tutela monumentale per il pino di Barletta: «È stato riscritto il finale» Arriva la tutela monumentale per il pino di Barletta: «È stato riscritto il finale» Legambiente: «Non è ancora certezza matematica, ma crediamo fortemente nel lieto fine»
1 Pino via Vittorio Veneto, la perizia: «Non è in condizioni di imminente schianto» Pino via Vittorio Veneto, la perizia: «Non è in condizioni di imminente schianto» «Nessun rischio se ben gestita visto il suo grande valore paesaggistico e di monumentalità»
1 Cosa insegna il pino di Barletta? Legambiente: «Si continua a sentire senza ascoltare» Cosa insegna il pino di Barletta? Legambiente: «Si continua a sentire senza ascoltare» La sezione cittadina di Legambiente denuncia abbattimenti in città
Per il pino di Barletta Legambiente scrive «una pagina di storia del nostro territorio» Per il pino di Barletta Legambiente scrive «una pagina di storia del nostro territorio» «Ne usciamo con la consapevolezza che Barletta ha bisogno di cambiare passo sulla gestione del verde urbano»
1 La perizia dà nuova speranza al pino di via Vittorio Veneto La perizia dà nuova speranza al pino di via Vittorio Veneto Positivi gli accertamenti condotti sull'arbusto condannato all'abbattimento
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.