Centrale nucleare
Centrale nucleare
Politica

Nucleare? Pronti a costruire comitati e blocchi come a Scanzano!

L’intervento di Michele Rizzi, candidato presidente regione Puglia per Alternativa comunista

Elezioni Regionali 2020
Su ambiente e natura, spesso si costruiscono grossi affari e ben volentieri anche a scapito della salute della gente più volte ignara delle conseguenze dell'azione di "ecomostri", il più delle volte annunciati come ecocompatibili, ma che non lo sono certamente.

Oggi, più che mai, il governo Berlusconi è orientato a disseminare su buona parte del territorio nazionale centrali nucleari, come ulteriore tassello ad un piano di attacco pesante a salute ed ambiente circostante. Alternativa comunista è stata chiara in precedenti comunicati. Siamo pronti alle proteste di piazza, alla creazione di comitati "no al nucleare", per uno sciopero generale per bloccare questa operazione scellerata.

D'altronde, va anche bloccata la creazione di nuovi impianti a biomasse, come se ne stanno programmando un po' ovunque in tutta la Regione, con alcuni anche a pochi chilometri l'uno dall'altro! E' bene ricordare a tutti che la Puglia produce più del doppio dell'energia che serve e che quindi non servono altri mostri energetici. Le lobby delle centrali che si affidano spesso ai governi locali, che siano di centrodestra o di centrosinistra, poco importa, sappiano che la nostra opposizione sarà durissima in tal senso.

Il tutto nasce dalla consapevolezza che i capitalisti, per far profitto, oltre a distruggere posti di lavoro, fabbriche e condizione dei lavoratori, distruggono anche ambiente e natura. Se si procederà con nucleare e biomasse, si farà come a Scanzano!!
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.