Via Madonna delle Grazie
Via Madonna delle Grazie
Cronaca

Nervi saldi! Scontro in via Madonna delle Grazie con malumore annesso

Un piccolo tamponamento alla nostra comune civiltà urbana

Duello rusticano nei pressi della piazzetta antistante l'interna via Madonna delle Grazie, tra via Meschiltri e via San Donato, inconsapevole teatro di un tamponamento tra un auto e un centauro. Diciamolo subito, senza alcuno che si è fatto male se non (forse) la comune civiltà.

Una Renault Clio vecchio modello di colore nero con due persone a bordo (una signora alla guida), uno scooter vespa verde smeraldo scuro guidato da un centauro casco munito, passanti comuni e alcuni ragazzi in piazza più la consueta umanità genuina e calda che si intravedeva sui balconi, caratteristica di una Barletta che forse in futuro non sarà più. Ma non è purtroppo l'unica caratteristica. Questi, comunque, gli attori.

La Clio proseguiva nell'unico senso che quello scorcio di via Madonna delle Grazie permette (giungendo da via mons. Raffaele Dimiccoli) a velocità appena appena più sostenuta di quella abituale, ma ampiamente in tolleranza. La Vespa sbuca dalla piazzetta, proprio all'incrocio con via San Donato, ponendosi di traverso sulla strada. Il guidatore della Clio frena con un attimo di ritardo, ma sarebbe stato difficile reagire ad un "ingresso" così imprevedibile, colpendo il centauro con un tonfo sordo che faceva pensare ad una peggiore soluzione.

Fortunatamente nulla di tutto questo: l'uomo sullo scooter, pur cadendo, riusciva a controllarsi. Rimangono solo alcuni danni sui mezzi, nulla di irrisolvibile. Ma gli animi, compressi forse dalla noia o esacerbati da non si sa bene cosa, sono ben tesi. Gli automobilisti notano un tono troppo ardito e alto del motociclista che forse voleva avocarsi la ragione 'a prescindere', di contro questi non è tenero apostrofando con un geniale «ancor' m'à dumannè c' mè fett mal, gieè stiv c' docummint 'n man'», smentito dai fatti ma non dall'uditorio che al punto, come un sol uomo, interviene in difesa del rampollo di quartiere. Situazione in crescendo, stabilizzata dal passeggero dell'auto che con concetti acconci riporta tutto alla normalità, nonostante il nervoso di tanti.

Nervi saldi! Nessuno gradisce un sinistro e meno ancora i protagonisti; tuttavia la soluzione è abitualmente ad un passo, ovvero in quella civiltà che speriamo continui a tormentare la barlettanità di cui non abbiamo bisogno. E di cui forse, a bocce ferme, si sono dispiaciuti tutti.
  • Incidente stradale
  • Barlettanità
Altri contenuti a tema
Incidente sulla SS16bis a Trani, code in direzione Barletta Incidente sulla SS16bis a Trani, code in direzione Barletta Lo scontro sarebbe stato causato dall'abbandono di un'automobile rubata
Incidente sulla SS16bis a Barletta, tre veicoli coinvolti Incidente sulla SS16bis a Barletta, tre veicoli coinvolti Non ci sono feriti: interviene la Polizia locale di Barletta e l'ANAS
Incidente in via Callano, automobile ribaltata Incidente in via Callano, automobile ribaltata Episodio sulla strada che conduce al nuovo sottovia: sul posto polizia locale e vigili del fuoco
Violento incidente fra Trani e Barletta, tre feriti Violento incidente fra Trani e Barletta, tre feriti Un uomo è rimasto incastrato nella propria auto. Sul posto 118, Vigili del Fuoco e Polizia locale
Scontro tra automobile e furgone in via Canosa Scontro tra automobile e furgone in via Canosa Il mezzo dopo l'urto si è ribaltato su un fianco
Incidente sulla Barletta-Canosa, non ce l’ha fatta la moglie del conducente Incidente sulla Barletta-Canosa, non ce l’ha fatta la moglie del conducente Il marito - di 80 anni - era morto sul colpo nell'impatto
Incidente mortale tra Canosa e Barletta Incidente mortale tra Canosa e Barletta Terribile impatto sulla SS 93
Incidenti stradali in Puglia, per la prima volta dopo il covid nessun aumento Incidenti stradali in Puglia, per la prima volta dopo il covid nessun aumento Prosegue l'impegno di Asset e della Regione
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.