Liliana Segre. <span>Foto Ansa</span>
Liliana Segre. Foto Ansa
La città

Liliana Segre cittadina onoraria di Barletta: l’indifferenza annienta le coscienze

Carmine Doronzo: «Mi auguro che non si verifichino gli spettacoli indecorosi ai quali abbiamo assistito in Parlamento»

Sull'avambraccio ha tatuato il numero di matricola 75190. Lei è la senatrice a vita Liliana Segre, deportata nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau nel 1944 e attiva testimone della barbarie nazista, nonché vittima di una politica di odio e intolleranza che le è valsa l'assegnazione di una scorta.

Nella prossima seduta del Consiglio comunale (in calendario per il 29 novembre), la città della Disfida potrebbe esprimersi favorevolmente al conferimento alla Segre della cittadinanza onoraria di Barletta. Sul punto all'ordine del giorno è stata espressa una condivisione politica da parte della conferenza dei capigruppo, riunitasi ieri.

Più che una proposta, un'esigenza. Un atto di civiltà, utile a combattere i fenomeni di intolleranza sempre più dilaganti e promossi da una politica ormai dedita alla "caccia alle streghe". Un modo per ringraziare chi non perde il coraggio di raccontare e testimoniare la pagina di storia più oscura d'Europa. Neanche all'età di 89 anni. Neanche quando si è bersaglio di circa 200 messaggi d'odio al giorno.

La senatrice a vita Liliana Segre è già stata una vittima di quella politica, di un'ideologia che rischia di tornare prepotentemente a dominare le menti delle nuove generazioni. Adesso, la storia sembra ripetersi, con nuovi mezzi e nuove modalità. Questa volta, però, Liliana Segre è il simbolo della lotta a quell'indifferenza che minaccia di annientare le coscienze. È per questo che, su sua iniziativa, è stata approvata la creazione di una Commissione parlamentare contro l'odio, per il contrasto ai fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all'odio e alla violenza, che la Segre è pronta a presiedere.

«Il conferimento della cittadinanza onoraria a Liliana Segre è un atto doveroso per i comuni italiani a prescindere dal loro colore politico». Ad intervenire è il Consigliere comunale di Coalizione Civica, Carmine Doronzo, fresco di elezione nel Consiglio nazionale Anci: «A tal proposito mi auguro che la proposta vada a buon fine col voto unanime del Consiglio comunale e che non si verifichino gli spettacoli indecorosi ai quali abbiamo assistito in Parlamento. Non a caso l'Anci ha lanciato il 10 dicembre a Milano una manifestazione alla quale parteciperanno tutti i sindaci d'Italia in solidarietà a una donna che ha vissuto sulla propria pelle la brutalità delle deportazioni e dei campi di sterminio, ai quali è miracolosamente sopravvissuta, e che oggi è vittima di insulti e minacce da parte di gruppi di estrema destra».

«Da barlettano – prosegue Doronzo – sento di dover ringraziare il nostro concittadino, prof. emerito di diritto internazionale, Ugo Villani che, con un atto di sensibilità e lungimiranza, ha lanciato per primo la proposta della cittadinanza onoraria in una città già insignita della duplice medaglia d'oro al merito civile e al valor militare. L'eccidio dei 12 vigili urbani e netturbini del settembre 1943, le cui "cicatrici" sono ancora impresse sulla parete esterna del vecchio palazzo delle poste sito in Piazza Caduti, e l'eroica resistenza barlettana contro l'invasore nazifascista, non possono essere fatti fermi nel passato ma vanno fatti rivivere con azioni, anche simboliche, che restituiscano dignità alla nostra storia, affinché la pace e il rispetto dei diritti e dei doveri siano una certezza per il presente ed il futuro».

Foto - Ansa
  • Parlamento italiano
  • Carmine Doronzo
Altri contenuti a tema
1 Assemblea nazionale Anci, Carmine Doronzo delegato per la Puglia Assemblea nazionale Anci, Carmine Doronzo delegato per la Puglia Nel corso dei lavori dell’Assemblea regionale è stato approvato un ordine del giorno presentato proprio dal consigliere comunale di Barletta
Assuntela Messina incontra il nobel per la pace Nadia Murad: "L'italia si impegni contro l'Isis" Assuntela Messina incontra il nobel per la pace Nadia Murad: "L'italia si impegni contro l'Isis" Fu picchiata dagli uomini del sedicente stato islamico. Poi, per fortuna, riuscì a fuggire
5 Palazzo Tresca, la Sovrintendenza chiede l'immediata sospensione dei lavori Palazzo Tresca, la Sovrintendenza chiede l'immediata sospensione dei lavori Carmine Doronzo: «Una vittoria contro gli interventi edilizi avventati e la cattiva politica»
3 Niente rendiconto di gestione, Comune di Barletta diffidato dal Prefetto Niente rendiconto di gestione, Comune di Barletta diffidato dal Prefetto Carmine Doronzo: «La nostra città è ben oltre la soglia del ridicolo»
Il docente Ugo Villani ospite della scuola "Civica" di Barletta Il docente Ugo Villani ospite della scuola "Civica" di Barletta Prof. Villani: «È necessario coniugare una visione politica comunale a una più ampia europea e universale»
Plastic free e strategia rifiuti zero, «si passi dalle parole ai fatti!» Plastic free e strategia rifiuti zero, «si passi dalle parole ai fatti!» Doronzo e Quarto di Coalizione civica: «L'amministrazione comunale potrebbe mettere in atto un sistema di agevolazioni sulla TARI»
San Valentino in piazza, gli agricoltori protestano per amore della Puglia San Valentino in piazza, gli agricoltori protestano per amore della Puglia Carmine Doronzo: «Sarò a Roma per battermi a sostegno del comparto olivicolo»
Aiuto al settore olivicolo, approvato in consiglio l'appello di Carmine Doronzo Aiuto al settore olivicolo, approvato in consiglio l'appello di Carmine Doronzo Il Comune di Barletta si impegnerà a far richiesta di misure straordinarie al governo
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.