Tribunale Martello giudice Procura
Tribunale Martello giudice Procura
Cronaca

Incidente nei pressi di Ippocampo, le precisazioni

Verificata l'assoluta innocenza del barlettano citato

Riceviamo e volentieri pubblichiamo, in forma integrale, la nota estesa dall'avvocato Michele Cianci a precisazione di un fatto di cronaca risalente allo scorso giugno.

«Egregio direttore, Le comunico che in data 23.02.20017, il GUP del Tribunale di Foggia, Dott.ssa Elena Carusillo, ha pubblicato la sentenza, allegata alla presente, con la quale l'imprenditore Vurro Pasquale, per mezzo del sottoscritto difensore, ha concordato la pena con il PM di udienza, dott.ssa Guisotti nella misura di mesi otto di reclusione, pena sospesa nei termini di legge, riconoscendogli il solo art.589 bis, comma 1° nonché la diminuente del concorso nel reato con la vittima, ai sensi dell'art. 589 bis, comma settimo, c.p.».

«Spiego meglio i fatti. In data 24.06.2016, di sera, al buio, lungo la strada provinciale 141 Zapponeta-Manfredonia, il sig. Vurro Pasquale si imbatté in un pedone che percorreva di spalle, vestito di colore scuro e senza giubbotto catarifrangente, sul suo stesso senso di marcia la strada. L'impatto fu inevitabile ed il sig. Affenita Angelo morì sul colpo, a causa di una serie di equivoci, la Vostra testata scrisse che il sinistro avveniva a causa della guida da parte di Vurro in stato di alterazione psico-fisica, per aver assunto sostanza stupefacente ("Sotto effetto di droghe investe ed uccide un uomo" ed altri titoli dello stesso genere) ipotizzando, così, il reato più grave di guida sotto l'effetto si sostanza stupefacente che prevede una pena da otto a dodici anni. Finalmente, con la sentenza del GUP di Foggia, si è verificata l'assoluta innocenza del sig. Vurro Pasquale, in ordine a quanto riportato dai mass media, l'unica responsabilità gli deriva dal fatto di aver superato di poco il limite di velocità di 50 Km/h e si è constatato un concorso di colpa da parte della vittima che ha contravvenuto l'art.190 del codice della strada che impone l'obbligo da parte dei pedoni "...di circolare sui marciapiedi, sulle banchine, sui viali e sugli altri spazi per essi predisposti; qualora questi manchino, siano ingombri, interrotti o insufficienti, devono circolare sul margine della carreggiata opposto al senso di marcia dei veicoli in modo da causare il minimo intralcio possibile alla circolazione…", è stato concausa del funesto evento».
  • Incidente stradale
  • Avvocati
Altri contenuti a tema
Traffico bloccato in viale Regina Elena, soccorso ragazzo in moto Traffico bloccato in viale Regina Elena, soccorso ragazzo in moto Non ci sono altri mezzi coinvolti nell'incidente
Incidente sulla strada tra Barletta e Margherita, tre feriti Incidente sulla strada tra Barletta e Margherita, tre feriti Una delle due automobili coinvolte ha preso fuoco
Incidente sull'A14, camion si ribalta: un barlettano tra i feriti Incidente sull'A14, camion si ribalta: un barlettano tra i feriti Le cause sono in corso di accertamento
Incidente sulla strada 170 verso Andria, interviene la Polizia Locale Incidente sulla strada 170 verso Andria, interviene la Polizia Locale Una macchina coinvolta sembra essersi data alla fuga
Incidente al cantiere del Ciappetta-Camaggio, due feriti Incidente al cantiere del Ciappetta-Camaggio, due feriti Il tratto stradale è rimasto chiuso per circa due ore
Ancora un incidente sulla SS16bis, traffico bloccato direzione sud Ancora un incidente sulla SS16bis, traffico bloccato direzione sud Il sinistro è avvenuto all'uscita Trani centro
Maxi tamponamento sulla 16bis fra Trani e Barletta, coinvolti tre mezzi Maxi tamponamento sulla 16bis fra Trani e Barletta, coinvolti tre mezzi In corso le operazioni di soccorso. Il tratto coinvolto chiuso al traffico
13 Impatto in via Minervino, scontro tra una moto e un furgone Impatto in via Minervino, scontro tra una moto e un furgone Un uomo a terra in attesa dei soccorsi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.