Scuola
Scuola
La città

Patto per la Lettura, l'amministrazione: «Candidare Barletta a Capitale italiana del Libro 2022»

L’amministrazione comunale intende avviare un percorso per la candidatura della città

Un patto per rendere la pratica della lettura una consuetudine diffusa, quasi una pratica sociale, in grado di migliorare la qualità della vita dei singoli e della collettività, creando nuovi lettori e cittadini più consapevoli. È questo l'obiettivo del Patto per la Lettura, approvato dalla giunta comunale per promuovere la creazione di una rete cittadina composta da tutti quei soggetti che compongono la filiera culturale locale, quali scuole, istituti di promozione sociale, associazioni culturali, librerie, case editrici, circoli ricreativi, terzo settore, per puntare alla promozione del libro e della lettura.

Il Patto, che sarà sottoscritto dall'Amministrazione comunale e da quanti vorranno aderirvi, fra le altre cose consente alla città di Barletta, a partire dal 2016, di fregiarsi del titolo di "Città che legge", riconoscimento che le consente di partecipare ai bandi per cofinanziare azioni di promozione della lettura. "Proprio in virtù di tale vocazione della nostra città, da anni impegnata con la biblioteca comunale "Sabino Loffredo" in una politica attiva di promozione della lettura – annunciano gli assessori alla Cultura, Graziana Carbone, e al Turismo e Politiche giovanili Oronzo Cilli - l'Amministrazione comunale intende avviare un percorso per poter candidare Barletta al titolo di Capitale italiana del Libro 2022".

"L'approvazione del Patto locale per la lettura – aggiungono gli assessori Carbone e Cilli – è il punto di partenza, lo strumento di governance delle politiche di promozione del libro e della lettura, a cominciare dal quale entro ottobre prossimo, dobbiamo elaborare, insieme a tutti gli attori che aderiranno e comporranno questa fitta rete culturale, un progetto originale, che susciti interesse e apprezzamento e ci porti alla candidatura".

La legge 13 febbraio 2020, n. 15, prevede l'assegnazione annuale a una città italiana, da parte del Consiglio dei ministri, del titolo di "Capitale italiana del libro", per favorire progetti, iniziative e attività per la promozione della lettura. I progetti della città assegnataria del titolo sono finanziati entro il limite di spesa di 500.000 euro e vanno presentati entro la metà del mese di ottobre.

Sull'albo pretorio del comune di Barletta, https://servizionline.hypersic.net/cmsbarletta/portale/albopretorio/albopretorioconsultazione.aspx?P=400, sono pubblicati l'avviso e l'allegato per la manifestazione d'interesse ad aderire al Patto locale per la Lettura.
  • Libri
Altri contenuti a tema
"14 minuti", il libro per i più giovani sui rischi del fumo "14 minuti", il libro per i più giovani sui rischi del fumo Ispirato alla storia di Paky, uno degli autori, e del fumo che gli ha rubato il papà troppo presto
Consigli d'Autore, l'iniziativa di Vecchie Segherie Mastrototaro in diretta anche sul Viva Network Consigli d'Autore, l'iniziativa di Vecchie Segherie Mastrototaro in diretta anche sul Viva Network Il ricco programma culturale online fino al 21 dicembre in streaming su Facebook
"Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis "Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis Lo studente di origine andriese, ma salentino di adozione, si racconta
Saccheggiata la "libreria telefonica" in Piazza Castello Saccheggiata la "libreria telefonica" in Piazza Castello Sono spariti i 125 libri presenti negli scaffali
"Aiutaci a crescere. Regalaci un libro", raccolti oltre 1000 libri per scuole e ospedali della Bat "Aiutaci a crescere. Regalaci un libro", raccolti oltre 1000 libri per scuole e ospedali della Bat Donate ben 3 bibliotechine da Nino Marmo: «I libri sono il più straordinario strumento di diffusione culturale»
"Rebecca, la prima moglie": il romanzo che Hitchcock catturò sullo schermo "Rebecca, la prima moglie": il romanzo che Hitchcock catturò sullo schermo Un intreccio di intrighi e passioni che si susseguiranno fino alla sconvolgente rivelazione finale
"Lo schiaccianoci" di Tchaikovsky: in loop per guardarmi dentro "Lo schiaccianoci" di Tchaikovsky: in loop per guardarmi dentro Se lo si ascolta con le cuffie si potranno scorgere degli incredibili passaggi di suono che vanno da sinistra a destra
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.