Giorgia Gervasio
Giorgia Gervasio
Nightlife

Giorgia Gervasio: «La bellezza è libertà di cambiare, è essere camaleontici»

La giovane make-up artist barlettana volata a Milano si racconta

Bisogna avere le idee chiare, essere determinate ed avere passione e sembra che tutte queste caratteristiche appartengano a Giorgia Gervasio, giovane make-up artist barlettana volata a Milano circa otto mesi fa diventando in breve tempo una stella. Dopo aver frequentato un corso della durata di due mesi presso l'accademia Make-up Designory, ha cominciato a lavorare come make-up artist truccando numerosissime modelle. Ha truccato la modella per l'ultima copertina di playboy e la sua carriera è in ascesa. Capelli rossi e sguardo affascinante, ha capito subito che la carriera universitaria non sarebbe stata la sua strada e non si è sbagliata. Giovanissima e con tanta voglia di farcela, si è già fatta notare in quel di Milano per la sua attitudine spiccata. Noi di BarlettaViva l'abbiamo intervistata in esclusiva, per farci raccontare il suo lavoro e farci dare qualche consiglio per un trucco impeccabile e "magnetico".

Dopo gli studi classici presso il Liceo Casardi della nostra città, come e quando hai realmente compreso che sarebbe stato il make-up la tua strada?
Il make-up è una passione che ho sempre coltivato, quasi come un hobby, ma mai avrei pensato di farne un lavoro. Dentro di me sapevo che avrebbe comportato tante scelte e sacrifici, è una strada tortuosa e non semplice come forse potrebbe apparire. Ho cominciato l'università, ma lungo il percorso ho realizzato che non mi gratificava, così mi sono informata su come cominciare questo percorso e ho deciso di intraprenderlo.

Da Barletta a Milano com'è cambiata la tua vita? C'è stato un momento in cui ti sei sentita in difficoltà e hai pensato di mollare tutto?
Milano è una città caotica, frenetica e dispersiva. Un cambiamento notevole, ma non mi ha particolarmente spaventata, amo viaggiare e conoscere altri stili di vita, dunque mi ci sono adattata con facilità. I momenti difficili però ci sono stati e, sicuramente, ce ne saranno di tanti altri. Accedere al mondo del make-up professionale è complicato e così anche creare una buona cerchia di contatti, inoltre la mia giovane età è un'arma a doppio taglio per un settore che spesso si affida a chi ha maturato molta esperienza ma non demordo.

Hai iniziato a curare il make-up e l'hairstyling di molte modelle. Qual è stata la soddisfazione più gratificante ottenuta grazie al tuo lavoro o l'esperienza più bella?
Senza alcun dubbio, la gratificazione più grande è stata vedere il mio make-up in copertina su Playboy, un sogno. Ma soprattutto è stata una conferma che questa è davvero la mia strada e dunque uno stimolo a impegnarmi ancora.

Cosa non deve mai mancare secondo te nel beauty di una donna? Svelaci qualche consiglio, soprattutto per le nostre lettrici.
Il make-up è incredibilmente soggettivo ma, se dovessi pensare a degli essentials universali, sicuramente direi: un mascara, una matita occhi, un rossetto, un correttore e un buon fondotinta. Sono, a mio avviso, il minimo indispensabile per creare almeno due look (da giorno e da sera) e non a caso sono anche tra i cosmetici più venduti in assoluto. Mi permetto un piccolo consiglio: quando si acquista un fondotinta è importante testarne il colore non sulla mano, ma su zone come il collo o appena sotto l'orecchio. In queste zone è possibile osservare il giusto sottotono della nostra pelle, non essendoci particolari discromie di altra natura, e creare un perfetto skin-match. Il fondotinta non dovrebbe mai essere più scuro della nostra pelle, a meno che non si utilizzi un prodotto abbronzante sul corpo e si abbia quindi la necessità di abbinarne la tonalità.

Cos'è per te la bellezza e a chi ti ispiri nel tuo lavoro? Quali sono le tue icone di stile?
Per me la bellezza è libertà di cambiare, è essere camaleontici. D'altronde il make-up mi permette di creare tutti i look che voglio e che non ho problemi a sfoggiare. Amo molti make-up artist come Lisa Eldridge, Mary Greenwell, Charlotte Tilbury, Pat McGrath e Francesca Tolot ma anche i grandi del passato come i fratelli Westmore e Alberto De Rossi, che hanno realizzato i look vintage più iconici, a cui ancora oggi facciamo riferimento. Allo stesso modo, le mie icone di stile sono varie e diversissime tra loro. Da Debbie Harry, Joan Jett, Madonna a Greta Garbo, Vivien Leigh, Marlene Dietrich e Rita Hayworth. Da Bettie Page a Twiggy o Jane Birkin, la lista è davvero infinita.

Progetti futuri e sogni nel cassetto? Chi ti piacerebbe truccare se potessi scegliere ?
Al momento progettare è difficile perché cerco di cogliere al volo ogni buona opportunità mi capiti per fare qualunque tipo di esperienza, testare ogni campo che il make-up mi permette di esplorare e ciò spesso riserva pochissimo preavviso e non lascia tempo a progetti. Mi piacerebbe molto occuparmi della creazione di make-up da red carpet, trovo che abbiamo un'eleganza e un'allure caratteristici e intramontabili. Chi mi piacerebbe truccare? Charlize Theron. È di una bellezza divina e i suoi make-up looks sono sempre ineccepibili
Giorgia Gervasio, la giovane make-up artist barlettana si raccontaGiorgia Gervasio, la giovane make-up artist barlettana si racconta
  • Barlettanità
  • Grandi artisti
  • Barlettani in Italia
  • Barlettani nel mondo
Altri contenuti a tema
Ricercatore barlettano sviluppa un’innovativa tecnica per la valutazione dello stato di salute dei coralli Ricercatore barlettano sviluppa un’innovativa tecnica per la valutazione dello stato di salute dei coralli Lo studio ha riguardato l'ambiente coralligeno di Hong Kong
Niente "fanove" a Barletta, il Covid interrompe il tradizionale rito Niente "fanove" a Barletta, il Covid interrompe il tradizionale rito «Mancheranno a tutti i fanov da Macul't, ma possiamo fare una cosa tutti noi in questa notte, la più buia dei nostri tempi: accendiamo un fuoco alla Vergine nel nostro cuore»
Edicola Curci addio, Barletta perde un altro tassello della propria tradizione Edicola Curci addio, Barletta perde un altro tassello della propria tradizione Uno spazio ristretto, ma tanto ampio nei ricordi dei cittadini
3 Barletta anni '90, la nostalgia nelle vecchie fotografie Barletta anni '90, la nostalgia nelle vecchie fotografie Condivise sui social raccontano di una Barletta profondamente diversa
6 L'arrivo della Madonna: la maggioranza dei barlettani soccombe L'arrivo della Madonna: la maggioranza dei barlettani soccombe Tra assembramenti e (poco) rigore, un fatto minimo mette a nudo l'intera città
1 Barletta, andrà tutto bene: storie e coraggio che ci uniscono Barletta, andrà tutto bene: storie e coraggio che ci uniscono Messaggi di positività e colori per sostenere la quarantena dei più piccoli
La cultura di Barletta non va in quarantena La cultura di Barletta non va in quarantena Dai nostri archivi, BarlettaViva propone ai lettori due rubriche culturali con la partecipazione di due barlettani d’eccezione
Barlettano invade il campo durante Juventus - Atletico Madrid Barlettano invade il campo durante Juventus - Atletico Madrid Gli uomini della sicurezza hanno subito provveduto ad allontanare l’uomo dal campo
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.