Ex Palazzo delle Poste
Ex Palazzo delle Poste
Politica

Ex Palazzo delle Poste, «l'amministrazione Cannito cancella la storia»

La nota a firma del gruppo consiliare del Partito democratico 

«Resterà negli annali della città di Barletta il fallimento di questa amministrazione nell'aver mancato all'esercizio del diritto di prelazione per l'acquisto del Palazzo delle Poste» scrivono i rappresentanti del Gruppo consiliare del Partito democratico, Ruggiero Mennea, Rosa Cascella, Dino Delvecchio, Rosanna Maffione e Antonio Divincenzo. «Si è conclusa, così, nel peggiore dei modi una vicenda che si trascinava da vent'anni. Mancato, colpevolmente, l'appuntamento con la storia da parte dell'amministrazione guidata da Cosimo Damiano Cannito. Se l'amministrazione Cannito cercava un motivo per entrare nella storia della città, l'ha certamente trovato. Questa scelta sciagurata i cittadini non la dimenticheranno facilmente. Nonostante si siano moltiplicati gli appelli pubblici in favore dell'acquisto dell'immobile, sindaco e giunta si sono dimostrati sordi e indifferenti.

Nel mese di novembre abbiamo appreso dalla stampa, e non dall'amministrazione, che il Ministero per i beni e le attività culturali, con una nota pervenuta il 18 settembre scorso, aveva comunicato al Comune di Barletta il rilascio dell'autorizzazione alla vendita del Palazzo delle Poste e ha invitato gli enti destinatari a valutare le determinazioni preventive circa l'interesse ad esercitare il diritto di prelazione. Sul Palazzo come è noto, fortunatamente, insiste un vincolo storico-artistico e l'autorizzazione all'alienazione, data dal MiBACT, contiene precise prescrizioni in ordine ad una destinazione d'uso compatibile con il suo carattere storico-culturale, alla conservazione degli interni e degli esterni e alle condizioni di fruibilità pubblica. Ora, non sappiamo come sarà possibile garantire la pubblica fruibilità di questo bene, visto che finirà nelle mani di privati per volontà dell'amministrazione Cannito. Senza trascurare il fatto che sempre i privati, attuali proprietari dell'immobile, non hanno certo brillato in materia di salvaguardia e tutela del Palazzo, che infatti è in uno stato di evidente abbandono e incuria.

Abbiamo fatto il possibile, come Partito democratico, dentro e fuori il Consiglio comunale, per impedire quest'atto improvvido ma l'amministrazione si è intestardita nel percorrere la sua strada contro tutti e tutto. Restando sorda ad ogni appello venuto da più parti e da autorevoli personalità della società civile. L'amministrazione Cannito ha fatto trascorrere circa tre mesi in vano, senza mettere in campo alcuna iniziativa o azione propositiva. Nulla è stato fatto per raccogliere gli appelli a raccordare le diverse istituzioni locali e nazionali, per favorire un'azione sinergica sulla prelazione e il successivo progetto di ristrutturazione e riqualificazione dell'immobile e restituirlo alla pubblica fruibilità. Resta salda, per il PD, la volontà di salvaguardare i valori costituzionali e della resistenza, che a Barletta trovarono un primo sussulto nazionale nell'opposizione, civile e militare, all'occupazione nazista della città.

Abbiamo tutti visto e letto quanto accaduto, lo scorso 12 settembre,in merito alla mancata commemorazione della resistenza militare del locale presidio.Ora, rinunciando ad esercitare il diritto di prelazione sul palazzo delle Poste, luogo simbolo della città, dove fu compiuto il barbaro eccidio dei dieci vigili e due netturbini, per farci un contenitore culturale e di memoria storica, l'amministrazione Cannito rende ulteriormente palese il suo disinteresse per i fatti del settembre '43, che valsero alla città ben due medaglie d'oro. Potremmo sostenere che è stata resa addirittura manifesta la volontà di ridimensionare la portata dei fatti che videro Barletta protagonista della lotta di liberazione nazionale. Ma noi, come PD, continueremo a lottare per denunciare l'operato di questa amministrazione che, ormai è evidente a tutti, falsamente si professa per i valori della resistenza».
  • Palazzo Poste
  • Partito Democratico
Altri contenuti a tema
Centri diurni e autismo in Puglia, il PD chiede a Emiliano e agli assessori un incontro risolutivo Centri diurni e autismo in Puglia, il PD chiede a Emiliano e agli assessori un incontro risolutivo La nota del gruppo regionale del Partito Democratico
Dalla Bat l'appello a Zingaretti: «Il PD ha bisogno di lui» Dalla Bat l'appello a Zingaretti: «Il PD ha bisogno di lui» La dichiarazione del segretario provinciale Pasquale Di Fazio
2 Incuria sottovia Pertini, interviene anche il PD Barletta Incuria sottovia Pertini, interviene anche il PD Barletta «L'amministrazione si prodighi quanto meno nell'ordinaria manutenzione»
4 Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta «Nessuno scandalo in un progetto concertato sull’intera piazza che unisca la ristrutturazione del fabbricato alla valorizzazione ed alla memoria»
1 Palazzo delle Poste, «offensivo che il sindaco invochi a posteriori aiuti esterni per acquistarlo» Palazzo delle Poste, «offensivo che il sindaco invochi a posteriori aiuti esterni per acquistarlo» La nota della segreteria cittadina di Forza Italia: «Acclarata superficialità amministrativa»
2 Ex Palazzo Poste, «se errare è umano, il perseverare diventa offensivo per i cittadini» Ex Palazzo Poste, «se errare è umano, il perseverare diventa offensivo per i cittadini» Interviene l'esponente di Italia Viva Ruggiero Crudele: «Se la politica non ha lungimiranza,  è sempre la comunità a pagarne le conseguenze»
1 Ex Palazzo delle Poste, ANPI: «Le promesse del sindaco si trasformino in atti concreti» Ex Palazzo delle Poste, ANPI: «Le promesse del sindaco si trasformino in atti concreti» L'intervento di Roberto Tarantino, presidente dell'ANPI BAT
1 Ex palazzo delle poste, Cannito: «Percorreremo tutte le vie possibili» Ex palazzo delle poste, Cannito: «Percorreremo tutte le vie possibili» Il sindaco dopo il "No" alla prelazione: «L’Amministrazione comunale intende tutelare, valorizzare e fruire del bene»
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.