Centrale Biomasse
Centrale Biomasse
Associazioni

Energia: nasce il coordinamento “No alle biomasse”

La cittadinanza continua a mobilitarsi contro la volontà di creare una centrale alimentata da materiali di origine vegetale

L'iniziativa è del collettivo Exit e l'obiettivo è quello di calamitare attorno a tale questione l'attenzione dell'opinione pubblica, rendere i cittadini partecipi alla vita pubblica e artefici del futuroo della città.
Per questo associazioni, movimenti e singoli cittadini hanno deciso di creare un coordinamento contro la centrale a biomasse, una sorta di fronte, ampio, per impedire la costruzione della centrale e mettere in campo una serie di iniziative per sensibilizzare l'opinione pubblica su questo tema e proporre soluzioni di produzione energetica alternative: fotovoltaico, eolico, geotermico e tecniche di compostaggio.
I motivi del NO:

la centrale in questione, sul piano occupazionale sarebbe molto meno incisiva rispetto a soluzioni che prevedano il compimento del ciclo dei rifiuti , investimenti sul turismo e nel settore culturale, che realmente potrebbero garantire uno sviluppo alternativo dal punto di vista anche del lavoro;

l'impatto sulla salute è molto importante, viene giustamente fatto emergere che le masse vegetali sono composte da carbonio e ossigeno, cosicché bruciando liberano esclusivamente CO2, ciò è vero se non fosse che tali masse vegetali sono anche formate da metalli pesanti, cloro, e altri inquinanti, tali che, durante la combustione si trasformano in diossina, e nanoparticelle estremamente dannose alla salute della collettività;

l'approvvigionamento idrico della centrale attingerà con tutta probabilità dalle falde acquifere circostanti, impoverendo le risorse a disposizione dell'agricoltura;

se è vero che tali centrali trovano la panacea delle giustificazioni nell'argomento secondo il quale abbatterebbero le immissioni in atmosfera (e così non è) è doveroso aggiungere che per l'approvvigionamento del loro combustibile, oli vegetali provenienti da paesi sub-tropicali, in particolare della jatropha, utilizzano una filiera lunga, incrementando i livelli di inquinamento. Nel migliore dei casi, invece, tale inconveniente potrebbe addirittura fare optare per una soluzione alternativa come l'uso di cdrq, combustibile da rifiuto di qualità, esattamente come gli inceneritori.

E' per tutti questi motivi che il coordinamento "No alle biomasse", si costituisce come realtà autonoma e invita tutti gli interessati ad aderire. Il coordinamento è staccato da legami politici e partitici, non precludendo per essi la possibilità di appoggiare a sposare le iniziative messe in campo.
Per adesioni si rinvia all'indirizzo email nobiomasse@libero.it

Le prime adesioni:

COLLETTIVO EXIT
COLLETTIVO GRILLO
ARCI CARLO CAFIERO
ASSOCIAZIONE WOLAKOTA
RETE DEGLI STUDENTI MEDI
PARROCCHIA DEL SACRO CUORE IMMACOLATO
PARROCCHIA DI SAN NICOLA
ENIGMISMO.IT
pastingASS.TEATRALE ARCORIFLESSO

ASS. LA DEMOCRAZIA DELLE PAROLE

WWF-BARLETTA

COMITATO DUE SICILIE

AGRICOLTURA RESISTENTE

PROF.LUIGI PANARALE

DOTT.FRANCESCO CICCONE

MASSIMO CAPRIUOLO

VINCENZO MISURIELLO

SAVERIO ROCIOLA

DANIELE CASSATELLA

ENRICA BASILE

GIUSEPPE LAVECCHIA

ANTONELLA CORVASCE

AVV.RAFFAELE FIORE

NUNZIA ROGGIO

GIANLUCA LOMBARDO

GIULIANA DAMATO
Il progetto

L'11 dicembre 2009 la Giunta Maffei ha approvato, nel completo silenzio, un provvedimento a dir poco sconcertante per il nostro territorio.
Con il parere favorevole di tutti gli assessori presenti la Giunta ha approvato la proposta presentata dalla ditta Tre Tozzi Renewable Energy s.p.a. di Mezzano(RA) di realizzare a Barletta una Centrale a Biomasse liquide di potenza totale pari a 37 MW.
Nella delibera viene rimarcato il carattere prevalentemente industriale del comune di Barletta cancellando la vocazione culturale e turistica della città e del territorio e senza alcun coinvolgimento della cittadinanza a cui viene imposto un modello di sviluppo obsoleto e pericoloso.
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.