Ospedale Dimiccoli
Ospedale Dimiccoli
Servizi sociali

Ecco come il 118 di Barletta sta per essere smembrato in piena emergenza Covid

Gli operatori del servizio di emergenza non ci stanno: «Deleterio concentrare tutte le postazioni presso il vecchio ospedale»

È ormai interamente destinato all'emergenza Covid il Pronto Soccorso di Barletta. Ce lo hanno ricordato le ambulanze in coda per ore al di fuori del nosocomio cittadino. «Gli operatori – ci riferiscono dal 118 – iniziano ad infettarsi perché, in attesa di entrare in Pronto Soccorso, restano in ambulanza con i pazienti. Stanno svolgendo turni massacranti. Non possono allontanarsi, se non decontaminandosi prima e dopo».

E proprio in piena emergenza, a Barletta è in atto una progressiva riorganizzazione del Pronto Soccorso. Per fronteggiare la seconda ondata, infatti, sono stati destinati alcuni locali del 118 al Pronto Soccorso per ricavare maggiori posti letto. Anche i laboratori di istopatologia, indispensabili per un ospedale che si pregia di un reparto oncologico, sono stati dismessi e trasferiti ad Andria.

Tutto provvisorio, almeno si spera. Ma così facendo è stato di fatto avviato un progressivo smembramento del servizio di pronto intervento che dal Dimiccoli di Barletta opera sull'intera provincia Bat. Normalmente una postazione del 118 dovrebbe essere allocata presso il Dimiccoli e l'altra presso il vecchio ospedale. Questo, con l'intento di garantire una copertura uniforme e tempestiva dei soccorsi sull'intero territorio cittadino al di là e al di qua della rete ferroviaria.

Ma quello definito come smembramento del 118 passerebbe proprio da qui. Più precisamente dal trasferimento nel vecchio ospedale, oltre alle due postazioni (ambulanze) infermieristiche, anche della postazione dell'auto medica. «Sul piano organizzativo – ci spiegano – è deleterio ed ingiustificabile concentrare tutte le postazioni del 118 in un'unica sede. Nel vecchio ospedale – aggiungono – non ci sono le condizioni idonee per accogliere il personale e i mezzi di un'altra postazione».

Già oggi le condizioni di lavoro per il personale del 118 non sarebbero delle migliori. «Medici, infermieri, soccorritori e autisti delle ambulanze e dell'auto medica – ci dicono – si trovano in condizioni lavorative non adeguate al servizio. Si condividono tre soli locali e un bagno in comune tra tutto il personale del 118 che entra quotidianamente in contatto con persone positive al virus».

Tuttavia, la proposta avanzata di destinare al 118 gli unici locali del Pronto Soccorso non convertiti non sarebbe stata accolta. Questo, nonostante siano lì allocati solo degli uffici. Si tratterebbe, quindi, di spazi facilmente amovibili. «In extremis, pur con grande risentimento – proseguono – il personale della postazione auto medica di Barletta propone di allocarsi temporaneamente nelle aule adibite a didattica del Polo Universitario al piano interrato dell'ospedale».

Una proposta più adeguata, seppur non priva di limiti: «Resta una sistemazione distante dal posizionamento del mezzo di soccorso – precisano – e in questi locali non esistono neanche i minimi requisiti richiesti per l'alloggio di personale che opera sul territorio».

Infine, l'amara conclusione: «In una situazione di pandemia dovrebbe essere prioritaria la tutela della rete dei soccorsi che ormai rappresenta la sola risorsa non solo per la valutazione e il trattamento dei pazienti che non possono più recarsi in ospedale, ma soprattutto per il trattamento dei pazienti gravi che attendono ore in ambulanza prima di accedere al Pronto Soccorso sostituendosi così di fatto alla prestazione di pronto soccorso».
  • Ospedale "R. Dimiccoli"
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1135 contenuti
Altri contenuti a tema
Eseguita l’autopsia sulla 41enne deceduta nell’ospedale di Barletta Eseguita l’autopsia sulla 41enne deceduta nell’ospedale di Barletta L’esito, che farà chiarezza su causa e tempi del decesso, sarà comunicato tra 90 giorni
5 Luminarie natalizie, Cannito: «Una polemica ingiusta» Luminarie natalizie, Cannito: «Una polemica ingiusta» Il primo cittadino: «Il Comune di Barletta sarà destinatario di circa 850.000 euro di fondi governativi per i Buoni Spesa»
In Puglia 1.573 nuovi casi di Covid-19: 182 nella Bat In Puglia 1.573 nuovi casi di Covid-19: 182 nella Bat Nella sesta provincia pugliese si sono registrati altri 5 decessi
2 A Barletta 35mila euro per le luminarie natalizie, ma altri Comuni erogano buoni spesa A Barletta 35mila euro per le luminarie natalizie, ma altri Comuni erogano buoni spesa Mentre si richiedeva la zona rossa per Bat e Foggia, il Comune redigeva il bando di gara per installare gli addobbi
1 Completato l'ospedale da campo a Barletta: a breve saranno operativi 40 posti letto Completato l'ospedale da campo a Barletta: a breve saranno operativi 40 posti letto Il team sanitario della Marina sarà composto da sette Ufficiali medici, 16 infermieri e 10 operatori tecnico-sanitari
1 Aperta un'inchiesta sulla 41enne tranese morta a Barletta. Avviso di garanzia per 18 sanitari Aperta un'inchiesta sulla 41enne tranese morta a Barletta. Avviso di garanzia per 18 sanitari L'ipotesi di reato è cooperazione in omicidio colposo. Sabato 28 verrà eseguita l'autopsia
3 A Barletta cimitero quasi saturo: iniziano le esumazioni, ma mancano gli ossari A Barletta cimitero quasi saturo: iniziano le esumazioni, ma mancano gli ossari L'assessore Passero: «Sarà installato un container per la conservazione dei resti mortali»
Quasi 10mila tamponi e 1.737 nuovi casi di Covid-19 in Puglia Quasi 10mila tamponi e 1.737 nuovi casi di Covid-19 in Puglia Nella provincia Bat si registrano altri 206 positivi e 15 decessi
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.