Lucilla Crudele
Lucilla Crudele
Servizi sociali

Covid, la prima vaccinata di Barletta: «Mi sento una privilegiata»

L'intervista a Lucilla Crudele dopo la somministrazione del vaccino

La speranza che il nuovo anno sia quello della ripartenza è tutta contenuta in una fiala. L'inizio della campagna vaccinale che ieri ha preso il via in tutta Europa segna la portata storica del momento zero di questa pandemia. È l'attimo in cui tutte le paure e il dolore che hanno accompagnato il 2020 si trasformano in speranza.

Tra i primi a vivere quest'attimo nella giornata di ieri c'era anche Lucilla Crudele, giovane specializzanda barlettana. Da tre anni presta servizio presso il Pronto soccorso del Policlinico di Bari e da marzo è in area Covid, faccia a faccia nella lotta al virus. La pandemia ha sconvolto anche la sua vita, ma da oggi la fiducia che il vaccino sia la chiave per uscire dall'emergenza accompagnerà il suo lavoro in corsia.
Lei è stata la seconda pugliese a ricevere il vaccino, cosa prova adesso?
Adesso che sta passando l'adrenalina dei primi momenti mi sto rendendo conto di essere stata davvero una privilegiata. È una sensazione meravigliosa perché dopo il richiamo fissato per il 19 gennaio potrò considerarmi immune. Pensare che un gesto così innocuo possa liberarci da una paura del contagio così grande dà la dimensione dell'enorme importanza della vaccinazione.

Con l'arrivo della pandemia cosa è cambiato in corsia?
Innanzitutto l'aspetto pratico dettato dalla necessità di restare bardati con lo scafandro per tutta la durata del turno senza poter uscire e senza poter bere. Poi c'è anche un aspetto emotivo. Abbiamo visto pazienti soli che una volta entrati in ospedale lasciavano fuori tutto il loro mondo, i loro parenti e spesso anche i loro oggetti personali. Quindi è cambiato anche il modo di comunicare sia con i pazienti che con i parenti dei pazienti.

E poi è cambiato anche l'aspetto sanitario. Da marzo sono aumentati i pazienti con difficoltà respiratorie serie che avevano percezione della gravità del loro quadro. Ecco, la differenza rispetto ad altre malattie è questa: quando i pazienti diventano gravi sono coscienti della loro gravità quindi è difficile anche gestire questo aspetto.

Cosa ci si aspetta dall'inizio della vaccinazione di massa che partirà a gennaio?
Tutti quanti noi pensiamo che gli effetti della campagna vaccinale di massa si vedranno in primavera, quindi ci aspettano ancora dei mesi duri. I prossimi saranno i mesi in cui ci sarà il picco di contagiosità relativa all'influenza. La consolazione è che man mano che almeno noi operatori saremo vaccinati potremo lavorare con più serenità. Potremo ad esempio evitare di avere paura di portare il contagio a casa quindi migliorerà il nostro modo di lavorare, ma sappiamo che gli effetti della campagna vaccinale si avranno in primavera.

Quale messaggio sente di lanciare a quanti, tra gli operatori sanitari, mostrano scetticismo rispetto al vaccino?
Ai miei colleghi dico che dobbiamo avere fiducia in noi stessi. Noi siamo parte di una comunità scientifica e di conseguenza se il vaccino è stato reputato sicuro ed efficace da colleghi qualificati dobbiamo affidarci a loro così come i nostri pazienti si affidano a noi.
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1440 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid, 103 nuovi contagi nella provincia Bat e 1 decesso Covid, 103 nuovi contagi nella provincia Bat e 1 decesso Sono 1.261 i casi positivi registrati nelle ultime 24 ore
Nuovo parametro per le scuole, ecco perché a Barletta resteranno aperte Nuovo parametro per le scuole, ecco perché a Barletta resteranno aperte L'analisi dei dati sui contagi in base alle nuove linee guida proposte dal Comitato tecnico scientifico al Governo
Oltre 2000 i vaccinati a Barletta tra personale docente e non docente Oltre 2000 i vaccinati a Barletta tra personale docente e non docente Il bilancio delle vaccinazioni al personale scolastico in tre giorni di attività al PalaBorgia
Nuovo Dpcm, preoccupano le varianti: scuole chiuse in zona rossa Nuovo Dpcm, preoccupano le varianti: scuole chiuse in zona rossa Le misure resteranno in vigore fino al 6 aprile. Confermata, dal 27 marzo, la riapertura dei luoghi della cultura
1 Covid-19, oggi 40 decessi in Puglia: 10 solo nella Bat Covid-19, oggi 40 decessi in Puglia: 10 solo nella Bat Sono 1.021 i contagi registrati in regione su 9.322 tamponi
Covid-19: diminuiscono i casi in Puglia, ma anche i tamponi Covid-19: diminuiscono i casi in Puglia, ma anche i tamponi Sono 10 i contagi registrati nella provincia Bat nelle ultime 24 ore
Nella provincia Bat 132 nuovi contagi da Covid-19 Nella provincia Bat 132 nuovi contagi da Covid-19 Sono 1.053 i nuovi casi registrati in Puglia
1 Al PalaBorgia ultima sessione di vaccini per il personale scolastico Al PalaBorgia ultima sessione di vaccini per il personale scolastico Si concluderanno nel pomeriggio le vaccinazioni previste
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.