Cannito
Cannito
Politica

Consiglio comunale, il saluto e la commozione di Cannito

Il sindaco: «Auguro alla città di Barletta per il futuro di essere amministrata da uomini e donne libere»

È in corso di svolgimento il consiglio comunale in cui sarà votata a breve la sfiducia al sindaco Cannito. Dopo una breve parentesi polemica iniziale, da parte del consigliere Grimaldi, sulla mancata apertura dei lavori ad un numero maggiore di cittadini - il riferimento è a quanto riportato questa mattina in una comunicazione del presidente del consiglio Dicataldo - e del consigliere Losappio, su ragioni di matrice politica, la discussione si è rapidamente spostata sulla sfiducia.

Il sindaco Cannito ha preso la parola per una lunga esposizione in cui ha elencato quanto fatto nell'arco della sua amministrazione. Tra lavori conclusi e nuovi cantieri avviati, il primo cittadino ha fatto un approfondito excursus sulle attività degli ultimi anni, inclusa la complessa gestione dell'emergenza Covid. Il fulcro del discorso è passato poi sugli aspetti più prettamente politici, non senza parole pungenti dirette soprattutto ai suoi ex sostenitori di maggioranza, tra i firmatari dell'atto proposto da Coalizione Civica con le opposizioni per la proposta di sfiducia.

Parole dure rivolte con tanto di nomi e cognomi nei confronti dei consiglieri Bufo, Dipaola e Spinazzola, e non è mancato il riferimento al "consigliere regionale" che - secondo la ricostruzione di Cannito - ha manovrato le fila dei recenti accadimenti che hanno portato a questa situazione. «Sono stato abbandonato da persone che a cui avrei dato le chiavi di casa mia - ha detto Cannito, e ha poi continuato - A fare concludere precocemente questa amministrazione è stato chi mal sopporta la mia autonomia e personalità politica: sono sempre stato libero di essere libero, nessuno mi toglie la libertà. Ero e sarò sempre un personaggio scomodo al potere».

Ha poi riferito di aver comunicato di essersi messo a disposizione del Prefetto per qualsiasi aiuto possa essere utile al prossimo commissario prefettizio, dichiarando: «Vi chiedo scusa anche per questa ferita che viene inferta alla città».

Con commozione ha salutato i cittadini, concludendo il suo discorso con queste parole: «Auguro alla città di Barletta per il futuro di essere amministrata da uomini e donne libere».

I lavori del consiglio riprenderanno dopo una breve sospensione.

  • Consiglio comunale
Altri contenuti a tema
3 Consiglio Comunale: centro-destra sempre più spaccato ed in crisi Consiglio Comunale: centro-destra sempre più spaccato ed in crisi Le fibrillazioni nella maggioranza Cannito caratterizzano un consiglio comunale reso quasi inutile dalla solita mancanza del quorum
Il 19 giugno torna a riunirsi il consiglio comunale Il 19 giugno torna a riunirsi il consiglio comunale Sei punti all'ordine del giorno
Consiglio Comunale: approvato rendiconto esercizio finanziario 2023 Consiglio Comunale: approvato rendiconto esercizio finanziario 2023 Approvate inoltre due variazioni urgenti di bilancio. Resta invece in sospeso la questione delle commissioni
«Troppo codardi per uscire allo scoperto. Atto ingiustificabile» «Troppo codardi per uscire allo scoperto. Atto ingiustificabile» La nota dei consiglieri comunali di maggioranza a seguito del Consiglio comunale
Rociola e Damato: «Maggioranza incapace di garantire governabilità» Rociola e Damato: «Maggioranza incapace di garantire governabilità» La lista Emiliano sindaco di Puglia sul consiglio comunale rinviato in seconda convocazione
Si riunisce oggi il consiglio comunale di Barletta Si riunisce oggi il consiglio comunale di Barletta Inseriti tre punti come ordine del giorno aggiuntivo
Il 24 maggio torna il consiglio comunale Il 24 maggio torna il consiglio comunale Due i punti all'ordine del giorno
Consiglio Comunale: approvati contratti di quartiere in zona 167 e un atto di indirizzo riguardante Via Roma Consiglio Comunale: approvati contratti di quartiere in zona 167 e un atto di indirizzo riguardante Via Roma Assemblea vivacizzata inoltre dalla querelle Cannito-Piccolo
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.