Mercato
Mercato
Scuola e Lavoro

Concessioni ambulanti senza Durc, Ambrosi: «Fatta chiarezza seguendo buonsenso»

Il presidente della Confcommercio Puglia commenta la circolare diramata dalla Regione ai Comuni pugliesi

"Al danno della crisi economica causata dall'emergenza sanitaria della pandemia rischiava di aggiungersi anche la beffa del mancato rinnovo delle autorizzazioni con la revoca della concessione per gli operatori ambulanti. Per fortuna, oltre a fare chiarezza, ha prevalso il buonsenso". Così il presidente della Confcommercio Puglia, Alessandro Ambrosi, commenta la circolare diramata nelle scorse ore dal Dipartimento sviluppo economico della Regione Puglia ai responsabili degli Uffici commercio e SUAP di tutti i Comuni pugliesi per sottolineare l'assenza dell'obbligo di acquisizione del DURC (il documento unico di regolarità contributiva) sul territorio pugliese nelle pratiche per il rinnovo delle concessioni di posteggio in scadenza entro il 31 dicembre dello scorso anno.

La circolare interviene a chiarire questo aspetto dopo che, come si legge nel documento, "si è appreso che molti Comuni pugliesi, nell'ambito delle procedure finalizzate al rinnovo d'ufficio delle concessioni, richiedono il documento unico di regolarità contributiva e fiscale (DURC) quale elemento essenziale. Questo è illegittimo". Nello stesso documento "si invitano, pertanto, tutte le Amministrazioni Comunali che abbiano erroneamente previsto nei propri avvisi la necessità per gli operatori titolari delle concessioni di posteggio di essere in possesso del DURC regolare ai fini del rinnovo, di disporne l'immediata rettifica onde evitare arbitrarie disomogeneità ed oneri da contenzioso per sé e per l'utenza".

"Bene ha fatto la Regione – aggiunge Ambrosi – a chiarire tale circostanza che rischiava di abbattersi come una mannaia su un settore già fortemente provato dalle restrizioni e dai provvedimenti di chiusura presi dai Sindaci di alcuni comuni a macchia di leopardo, come già abbiamo più volte nelle scorse settimane denunciato. Sarebbe stata la mazzata finale per il commercio su aree pubbliche".

Ad interessarsi della vicenda, che stava tenendo con il fiato sospeso la categoria, insieme alla Confcommercio, anche l'assessore alla Sviluppo economico di Bari, Carla Palone: "Siamo contenti che molti operatori possano così portare avanti la propria attività in continuità grazie ad un chiarimento arrivato dalla Regione. Naturalmente, il fatto di non dover presentare il Durc per le autorizzazioni non significa che si possano tollerare atteggiamenti non conformi alla legge che va rispettata, sempre e comunque. Anzi, cogliamo l'occasione per lanciare un appello agli operatori, che eventualmente non lo fossero, di mettersi in regola. Intanto, però, possono continuare a lavorare".
  • Confcommercio
Altri contenuti a tema
Completata la squadra dei vice presidenti di Confcommercio Bari-Bat Completata la squadra dei vice presidenti di Confcommercio Bari-Bat «Un'unica parola d'ordine che è resilienza» dice il presidente Alessandro Ambrosi
Confcommercio Bari-Bat: riconfermato Alessandro Ambrosi Confcommercio Bari-Bat: riconfermato Alessandro Ambrosi Nuovo mandato per il presidente eletto all'unanimità dall'assemblea dei soci
Confcommercio Bari-Bat, nasce Confcaseari Confcommercio Bari-Bat, nasce Confcaseari Gli imprenditori del settore lattiero caseario si sono uniti sotto un'unica sigla
Effetto Covid, ma non solo: a Barletta 148 negozi in meno dal 2012 Effetto Covid, ma non solo: a Barletta 148 negozi in meno dal 2012 Significativa anche la crisi del commercio ambulante: il 37.5% in meno in città negli ultimi otto anni
Ripartenza in sicurezza, ecco le linee guida di Confcommercio e Confesercenti Ripartenza in sicurezza, ecco le linee guida di Confcommercio e Confesercenti È quanto emerso dalla recente riunione in Prefettura con la Asl BT
Nella Bat inizia la formazione per direttore e operatore di agenzia funebre Nella Bat inizia la formazione per direttore e operatore di agenzia funebre Sono aperte le iscrizioni ai corsi autorizzati dalla Regione Puglia e saranno tenuti da docenti esperti del settore
Emergenza sanitaria ed economica: «Nessuno si salva da solo» Emergenza sanitaria ed economica: «Nessuno si salva da solo» La Confcommercio di Bari-Bat: «Parole chiave per la programmazione post Covid sono moratorie ed esoneri fiscali»
«Emiliano riveda l’ordinanza», il parere di Confcommercio Bari-Bat «Emiliano riveda l’ordinanza», il parere di Confcommercio Bari-Bat «Oppure ristori di emergenza per il grave danno economico causato dal provvedimento»
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.