Antonio Binetti racconta l'emergenza rifiuti legata al COVID-19
Antonio Binetti racconta l'emergenza rifiuti legata al COVID-19
Territorio

Binetti: «Guanti e mascherine abbandonati sulle spiagge di Barletta»

L’appello per salvare il mare di Barletta: dopo il COVID-19 rischio emergenza rifiuti

Da un'emergenza all'altra. Rallenta la fase più acuta dell'allerta Coronavirus ma all'orizzonte si materializza una nuova minaccia, legata all'abbandono dei dispositivi di protezione personale, come mascherine e guanti monouso. Disperdere nell'ambiente questi oggetti, ormai divenuti di uso comune, può portare a conseguenze molto gravi per l'ambiente.

Antonio Binetti, subacqueo ambientalista barlettano, da tempo si occupa di documentare il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti in mare e lungo le coste, imbattendosi spesso durante le sue immersioni in rifiuti davvero pittoreschi e imprevedibili.

«Dopo la pandemia il disastro ambientale. Ecco cosa mi spaventa. Ormai la produzione di dispositivi di sicurezza, come guanti e mascherine, è triplicata, e per molto tempo li utilizzeremo quotidianamente, anche in spiaggia durante la nostra giornata di relax al mare. Il problema è che molte volte non vengono conferiti in maniera corretta, nemmeno una pandemia è in grado di scardinare l'incuria e l'egoismo di un numero troppo elevato di persone. Un impatto devastante sui nostri mari, già molto compromessi dalle tonnellate di plastica che vengono riversate. Visto che si avvicina la stagione balneare sinceramente sono preoccupatissimo di quanto potrebbe accadere».

Nelle tue attività più recenti hai trovato guanti o mascherine abbandonati?
«Sì: ho già evidenziato durante i miei monitoraggi (da terra) un numero indefinito di guanti e mascherine sui litorali sia di Ponente che di Levante. Un disastro vero e proprio, e non ho ancora monitorato i fondali nel rispetto dello stop imposto dal governo».
Antonio Binetti racconta l'emergenza rifiuti legata al COVID-19Antonio Binetti racconta l'emergenza rifiuti legata al COVID-19Antonio Binetti racconta l'emergenza rifiuti legata al COVID-19Antonio Binetti racconta l'emergenza rifiuti legata al COVID-19Antonio Binetti racconta l'emergenza rifiuti legata al COVID-19Antonio Binetti racconta l'emergenza rifiuti legata al COVID-19
Quali possono essere le conseguenze di questo fenomeno legato fortemente alla convivenza col virus?
«Quando parliamo di guanti e mascherine dobbiamo capire che si tratta di materiali pericolosissimi per la nostra fauna che tante volte scambia questi oggetti per cibo. Tonnellate di nuovi rifiuti di plastica aggraveranno probabilmente la situazione nei nostri mari, già inquinati. La cosa più sconcertante è che la possibile contaminazione con saliva o secrezioni nasali rende difficile il riciclaggio delle mascherine e la raccolta, visto e considerato che il virus secondo un'ipotesi di studio statunitense persiste fino a 72 ore su materiali plastici, con dimezzamento della carica infettante dopo 7 ore».

Vista la tua vocazione ambientalista, che soluzioni proponi per fronteggiare il problema?
«Il mio appello va ai gestori dei lidi e alle istituzioni: per le spiagge private è indispensabile installare sin da subito opportuni raccoglitori per mascherine e guanti con chiusura ermetica a ridosso della battigia e all'entrata della spiaggia, installare cartelli e monitorare costantemente lo smaltimento e accertarsi che questo avvenga in tutta sicurezza per gli operatori che se ne occupano.

Con questa pandemia si è resa possibile la diminuzione di smog in tutto il mondo e il "benessere" in un certo senso del mare: questo dimostra che l'inquinamento è solo causa dei comportamenti sbagliati dell'essere umano. Adesso tocca al mare».
  • Salvaguardia ambientale
  • Emergenza rifiuti
Altri contenuti a tema
Rifiuti differenziati, Barletta scende al 65%: il PD rimarca la discussione in consiglio Rifiuti differenziati, Barletta scende al 65%: il PD rimarca la discussione in consiglio Cascella: «​Pretendiamo di sapere come avvengano i controlli sulla differenziata»
15 È ancora polemica ambientale per il Jova Beach: virale la lettera di Mario Tozzi È ancora polemica ambientale per il Jova Beach: virale la lettera di Mario Tozzi Il cantante replica a una nota del noto geologo. «Non sono un esaltato, mi fido della scienza»
1 Ancora polemiche sul Jova Beach Party a Barletta: allerta dei geologi Ancora polemiche sul Jova Beach Party a Barletta: allerta dei geologi Fiore (Sigea): «La spiaggia scelta per il concerto di Jovanotti a Barletta ha un grande valore in termini di biodiversità. Si potrebbe rischiare il danno ambientale»
Chiuse e trattate come discariche, le grotte di Minervino Murge finiscono nell'oblio Chiuse e trattate come discariche, le grotte di Minervino Murge finiscono nell'oblio Dellisanti: «Potrebbero rappresentare fonte di attrazione per il turismo speleologico»
Accordo di programma per l’adozione di misure sulla qualità dell’aria in Puglia Accordo di programma per l’adozione di misure sulla qualità dell’aria in Puglia Previsto un finanziamento di 4 milioni di euro
Campane del vetro come discariche, fototrappole attive a Barletta Campane del vetro come discariche, fototrappole attive a Barletta «Questi cittadini sarebbero contenti se chiunque entrasse nel loro salotto con una bella busta di organico pronto a lasciarla sul pavimento?»
Mura del Carmine: «Fiori, erbacce e troppi rifiuti» Mura del Carmine: «Fiori, erbacce e troppi rifiuti» La segnalazione: «Con uno sforzo dei concittadini Barletta sarebbe una città bellissima»
Isole ecologiche e cassonetti intelligenti, Barletta candida al PNRR 4 progetti per i rifiuti urbani Isole ecologiche e cassonetti intelligenti, Barletta candida al PNRR 4 progetti per i rifiuti urbani Obiettivo prefissato: raggiungere l'85% della raccolta differenziata entro il 2026
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.