Tiziana ed Elisa, parrucchiera ed estetista
Tiziana ed Elisa, parrucchiera ed estetista "popolare" di Barletta
Attualità

Bellezza e solidarietà: Tiziana ed Elisa, parrucchiera ed estetista "popolare" di Barletta

«Pensiamo di aver donato non solo trattamenti gratuiti ma anche un pizzico di autostima»

Torna a sorprenderci l'associazione mutualistica "Ambulatorio Popolare" di Barletta, che ha pensato, realizzato ed erogato gratuitamente - attraverso l'opera di due volontarie - un servizio di cura dei capelli ed estetica.

Un'iniziativa realizzabile grazie al contributo di Tiziana ed Ilaria, mamma e figlia accomunate anche dalla passione per la cura del corpo. Donne generose che hanno deciso di mettersi gratuitamente al servizio del prossimo, nella loro giornata di riposo settimanale: per questo abbiamo deciso di intervistarle.

Parlateci un po' di voi..
«Mi chiamo Tiziana Manna, sono una parrucchiera, con mia figlia Elisa IlGrande, estetista qualificata. Quella di mia figlia, come la mia, è una vera e propria vocazione che si è trasformata per entrambe in una professione che ogni giorno ci regala tantissime soddisfazioni».

Da parrucchiera a "parrucchiera popolare". Com'è nato questo progetto?
«È nato tutto casualmente, come tutte le cose belle. Come ogni giorno, stavo lavorando nel mio salone quando, tra una piega e l'altra, ho avuto il piacere di pettinare una mia cliente molto attiva come volontaria dell'Ambulatorio Popolare di Barletta. La nostra è stata una chiacchierata un po' insolita, ha toccato temi molto profondi infatti ci siamo interrogate su quale fosse lo stato psicologico e fisico di tutte quelle donne che, per via di difficoltà economiche , non hanno la possibilità materiale di prendersi cura di se stesse. Non si tratta di disinteresse nei confronti del proprio corpo e di come appare al mondo, si tratta di una vera e propria rinuncia a tutto ciò che è classificabile come "non necessario" e rimandabile a tempi in cui il bilancio economico familiare migliorerà. Queste donne sono costrette a rinunciare, a malincuore, alla propria femminilità. Dialogando, abbiamo tristemente constatato che questo impedimento è vissuto quotidianamente da un numero di mogli, madri e ragazze ormai in crescita, perciò, in qualità di professionista nel settore, mi sono impegnata a cercare e attuare un modo mediante il quale avrei potuto regalare un sorriso ed un pizzico di autostima in più alle tantissime donne in questa situazione».

Raccontaci la tua prima esperienza come "parrucchiera popolare".
«La prima "cliente" della "parrucchiera ed estetista popolare" ha usufruito gratuitamente di diversi servizi erogati personalmente da me e mia figlia. Si tratta di una ragazza musulmana di trent'anni che, dopo essersi tolta il velo, mi ha raccontato di non esser mai stata dal parrucchiere. È stata poi la volta di mia figlia Elisa che le ha offerto servizi di piccola estetica».

Cosa si aspetta da questo progetto? Sarebbe felice di collaborare con altre strutture?
«Da questo progetto mi aspetto di vedere la felicità negli occhi di tutte quelle donne che faranno richiesta e avranno la possibilità di usufruirne. Non so se l'Ambulatorio popolare di Barletta o altre strutture hanno in cantiere progetti simili a questo, ma sarei molto felice di offrire ancora il mio contributo. Non riuscirei più ad esimermi dal volontariato poiché questo lunedì, dopo aver ultimato i vari trattamenti sulla giovane trentenne, ho visto spuntare delle lacrime dal suo volto, lacrime di gioia che mi hanno commossa ed appagata più di qualsiasi altra ricompensa materiale».

«Tiziana, Elisa grazie, grazie di cuore da tutta la comunità mutualistica dell'Ambulatorio popolare e soprattutto dalle donne e dalle bambine che beneficeranno del vostro aiuto» scrive il referente Cosimo Matteucci, entusiasta del nuovo progetto.

Per prenotazioni e informazioni

Per accedere al servizio è necessario rivolgersi allo Sportello di Ascolto aperto in Piazza Plebiscito n. 56 ogni martedì dalle 10.30 alle 12.00 o contattare il centralino dell'ambulatorio dal lunedì al sabato, dalle ore 9:00 alle 12:00 e dalle 15:30 alle 21:00, ad uno dei seguenti numeri telefonici:
- 3387377937
- 3288459791
- 3476569576
  • solidarietà
Altri contenuti a tema
La Befana a Barletta per regalare sorrisi La Befana a Barletta per regalare sorrisi Grande partecipazione ieri mattina all'iniziativa nei giardini del castello
Solidarietà, si ripete la raccolta alimentare dell'UNIMRI Bat Solidarietà, si ripete la raccolta alimentare dell'UNIMRI Bat La consegna è stata effettuate ad un totale di 17 parrocchie in tutta la provincia
4 Benessere del territorio come priorità: la Tatò Paride Spa traccia un consuntivo del 2022 Benessere del territorio come priorità: la Tatò Paride Spa traccia un consuntivo del 2022 Da sempre impegnata responsabilmente a favore della comunità, l'azienda racconta le iniziative dell'anno che si conclude
"Amitié Sans Frontières", a Bari una serata di gala per beneficenza "Amitié Sans Frontières", a Bari una serata di gala per beneficenza Tutti i dettagli dell'evento in programma il prossimo 26 novembre
Anche Barletta scende in strada per Mahsa Amini Anche Barletta scende in strada per Mahsa Amini Flash mob di solidarietà per le donne iraniane
A Barletta un flash mob di solidarietà alle donne iraniane A Barletta un flash mob di solidarietà alle donne iraniane Si svolgerà domani in via D'Aragona
Fondazione Tatò Paride, donato all’AIAS Barletta un pullmino per il trasporto di persone con disabilità Fondazione Tatò Paride, donato all’AIAS Barletta un pullmino per il trasporto di persone con disabilità Prima iniziativa della fondazione nata dall’azienda Tatò Paride spa
Solidarietà, la "Fondazione Tatò Paride" dona un pulmino all'AIAS Barletta Solidarietà, la "Fondazione Tatò Paride" dona un pulmino all'AIAS Barletta Giovedì 22 settembre la cerimonia di consegna del mezzo
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.