Alcool
Alcool
Cronaca

Barista aggredito da due fratelli barlettani

Volevano bere gratis. Identificati i responsabili

Aggredirono il barista che non voleva dare loro da bere gratis e per questo sono finiti in carcere. Si tratta dei fratelli Adriano e Gianfranco Distaso, rispettivamente di 33 e 37 anni, residenti a Barletta e noti alle forze dell'ordine. Sono stati arrestati ieri dai Carabinieri di Barletta, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Trani – dott.ssa Angela Schiralli – su richiesta della locale Procura della Repubblica, per il reato di estorsione in concorso.

I fatti risalgono allo scorso mese di febbraio, quando una sera, il 33enne, ubriaco, si presentava presso un bar di quel centro e ordinava da bere. Il barista, sebbene avesse notato il suo palese stato di ubriachezza, per timore di una sua reazione spropositata, serviva quanto richiesto. Alla pretesa di un "bis", però, l'esercente lo invitava ad uscire, atteso che nel frattempo aveva iniziato ad infastidire i presenti. Tale presa di posizione da parte del titolare induceva l'uomo ad inveire nei suoi confronti, prendendolo a schiaffi, ricoprendolo di insulti e minacciandolo di morte e di incendiargli il locale.

Tale comportamento violento si è ripetuto anche la sera successiva, quando il 33enne si è ripresentato nello stesso esercizio pubblico in compagnia del fratello maggiore, insieme al quale strattonava il barista, danneggiava le suppellettili del bar e schiaffeggiava persino un cliente intervenuto per sedare la discussione.

Le indagini svolte dai Carabinieri della locale Stazione, dopo la denuncia sporta dalla vittima, ha permesso l'identificazione dei due responsabili, che denunciati all'Autorità Giudiziaria sono stati raggiunti dal provvedimento restrittivo eseguito ieri. I due sono stati associati presso la casa circondariale di Trani.
  • Carabinieri
  • Violenza
Altri contenuti a tema
1 Evasi dal carcere di Trani, preso alla periferia di Barletta uno dei due fuggitivi Evasi dal carcere di Trani, preso alla periferia di Barletta uno dei due fuggitivi Proseguono le ricerche da parte delle forze dell'ordine
Finto “maresciallo dei carabinieri”, ancora truffe per raggirare gli anziani Finto “maresciallo dei carabinieri”, ancora truffe per raggirare gli anziani I consigli dei Carabinieri del comando provinciale Bat per evitare di essere truffati dai malintenzionati
A Barletta diversi controlli dei Carabinieri del Comando provinciale BAT A Barletta diversi controlli dei Carabinieri del Comando provinciale BAT Servizi mirati per garantire la sicurezza stradale da parte dei militari dell’Arma
Carabinieri, intensificati i controlli del territorio dal Comando Provinciale Bat Carabinieri, intensificati i controlli del territorio dal Comando Provinciale Bat Un servizio a largo raggio con controlli a tappeto e perquisizioni per ricerca di armi e stupefacenti
Il Generale Del Monaco in visita alla compagnia Carabinieri di Barletta Il Generale Del Monaco in visita alla compagnia Carabinieri di Barletta Ad attenderlo nella caserma di via Pappalettere tutti i Comandanti delle Stazioni dipendente ed i militari in servizio a Barletta
Aggressione a due carabinieri a Bari, denunciata anche una barlettana Aggressione a due carabinieri a Bari, denunciata anche una barlettana La 43enne avrebbe aiutato i due aggressori nel tentativo di permettere loro la fuga
Truffa un'anziana a Barletta: arrestato 36enne Truffa un'anziana a Barletta: arrestato 36enne Si era finto il nipote della donna chiedendole un'ingente somma di denaro: tempestivo l'intervento dei Carabinieri
Pattugliamento dei Carabinieri in alta uniforme tra le strade di Barletta Pattugliamento dei Carabinieri in alta uniforme tra le strade di Barletta Un modo per rafforzare i controlli e avvicinare cittadini e bimbi incuriositi
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.