guardia di finanza
guardia di finanza
Bandi e concorsi

A.A.A. Cercasi finanzieri nella Bat

La Guardia di Finanza cerca 400 allievi marescialli

La Gazzetta Ufficiale nr. 24 – (4^ Serie Speciale del 26 marzo 2010) pubblica le norme del concorso, per titoli ed esami, per l'ammissione di 400 allievi marescialli del contingente ordinario all'82° corso presso la Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza, per l'anno accademico 2010/2011.

Le domande di partecipazione potranno essere presentate a mano o inviate con raccomandata al Comando Provinciale del Corpo del Capoluogo di Provincia nella cui circoscrizione l'aspirante risiede improrogabilmente entro il termine perentorio del 26 aprile 2010. La domanda dovrà redigersi esclusivamente su apposito modello, riproducibile anche in fotocopia, disponibile presso tutti i Comandi del Corpo nonché sul sito internet www.gdf.it, nella sezione relativa ai concorsi.

Dei suddetti 400 posti:

a)19 sono riservati, subordinatamente al possesso degli altri requisiti prescritti dall'art.2, ai candidati in possesso dell'attestato di cui all'art.4 del decreto del Presidente della Repubblica del 26.07.1976, n.752, riferito al diploma di istituto di istruzione secondaria di secondo grado o superiore;


b)20 sono riservati, subordinatamente al possesso degli altri requisiti prescritti dall'art.2, al coniuge, ai figli superstiti, ovvero ai parenti in linea collaterale di secondo grado qualora unici superstiti, del personale delle Forze Armate, compresa l'Arma dei Carabinieri, e delle Forze di Polizia deceduto in servizio e per causa di servizio.


Ai sensi dell'art.35, comma 2, del decreto legislativo 12.05.1995, n. 199, i posti non coperti sono devoluti in aumento a quelli previsti per il concorso di cui al comma 1, lett.b) del succitato articolo, secondo le percentuali e l'ordine in esso stabilito.

Possono partecipare al concorso:

A.gli appartenenti al ruolo sovrintendenti ed al ruolo appuntati e finanzieri, gli allievi finanzieri, i finanzieri ausiliari e gli allievi finanzieri ausiliari nonché gli ufficiali di complemento del Corpo della Guardia di Finanza che:

1.non abbiano, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di cui all'art.3 del bando di concorso, superato il 35° anno di età;

2.siano in possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di cui al citato art.3, di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l'iscrizione ai corsi di laurea previsti dal decreto interministeriale 12.04.2001. Possono partecipare anche coloro che, pur non essendo in possesso del previsto diploma, lo conseguano nell'anno scolastico 2009/2010;

3.non abbiano demeritato durante il servizio prestato. Il giudizio di merito viene emesso dal Comandante Regionale o equiparato, sentito il parere formulato da almeno una delle autorità gerarchiche sottostanti da cui il personale interessato dipende, sulla base dei requisiti di cui all'art.10, comma 3, del D.Lgs. 12.05.1995, n. 199;

4.non siano stati giudicati, nell'ultimo biennio, "non idonei" all'avanzamento;

(per la valutazione del citato requisito, si fa riferimento alla data del provvedimento con il quale è stata determinata la non idoneità all'avanzamento del grado superiore);

5.non siano già stati rinviati, d'autorità, dal corso allievi marescialli, ovvero da corsi equipollenti, della Guardia di Finanza;

B.i cittadini italiani, anche se non appartenenti al territorio della Repubblica o se già alle armi, che rispettino i seguenti requisiti:

1.abbiano, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di cui all'art.3 del bando di concorso, età non inferiore ad anni 18 e non superiore ad anni 26;

2.godano dei diritti civili e politici;

3.non siano stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione;

4.non siano stati ammessi a prestare il servizio civile nazionale quali obiettori di coscienza, ovvero abbiano rinunziato a tale status, ai sensi dell'art. 15, comma 7-ter, della legge 8 luglio 1998, nr. 230;

5.non siano, alla data dell'effettivo incorporamento, imputati o condannati per delitti non colposi, né sottoposti a misura di prevenzione;

6.non si trovino, alla data dell'effettivo incorporamento, in situazioni comunque incompatibili con l'acquisizione o la conservazione dello stato di ispettore della Guardia di Finanza;

7.siano in possesso delle qualità morali e di condotta stabilite per l'ammissione ai concorsi della magistratura ordinaria. L'accertamento di tale requisito viene effettuato d'ufficio dal Corpo della Guardia di Finanza;

8.non siano stati già stati rinviati, d'autorità, dal corso allievi marescialli, ovvero da corsi equipollenti, della Guardia di Finanza;

9.siano in possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di cui all'art.3 del bando di concorso, di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l'iscrizione ai corsi di laurea previsti dal decreto interministeriale 12.04.2001. Possono partecipare anche coloro che, pur non essendo in possesso del previsto diploma, lo conseguano nell'anno scolastico 2009/2010;

10.qualora già sottoposti alla visita di leva, non siano stati riformati in quell'occasione o successivamente ad essa.


I requisiti sopra indicati, ad eccezione di quelli di cui alle lettere A), punti 1 e 2, e B), punti 1, 5, 6 e 9, devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di cui al citato art. 3 del bando e conservati fino alla data di effettivo incorporamento.


Non si applicano gli aumenti dei limiti di età previsti per l'ammissione ai pubblici concorsi.


Lo svolgimento del concorso comprende:


a.una prova preliminare, consistente in questionari a risposta multipla;
b.una prova scritta di composizione italiana;
c.l'accertamento dell'idoneità psico-fisica;
d.l'accertamento dell'idoneità attitudinale;
e.una prova orale di cultura generale;
f.un esame facoltativo in una o più lingue estere, consistente in una prova scritta ed una prova orale per ciascuna lingua prescelta;
g.una prova facoltativa di informatica.



Il corso di formazione ha inizio nella data stabilita dal Comando Generale della Guardia di Finanza e ha durata di due anni accademici, al termine dei quali gli allievi dichiarati idonei conseguono la nomina a maresciallo.
  • Guardia di Finanza
  • Concorsi
  • Bandi
Altri contenuti a tema
1 Prostituzione in un centro massaggi di Barletta, in carcere il titolare Prostituzione in un centro massaggi di Barletta, in carcere il titolare Sequestro preventivo di 500mila euro da parte delle Fiamme Gialle: ai domiciliari una donna che svolgeva il ruolo di segretaria
6 Affidamenti diretti e conflitti di interesse: sequestrato studio di ingegneria di Barletta Affidamenti diretti e conflitti di interesse: sequestrato studio di ingegneria di Barletta Oltre due anni di indagini scaturite dal procedimento penale per reati ambientali che riguarda la discarica COBEMA di Canosa di Puglia
Reati contro pubblica amministrazione, maxi operazione dei Finanzieri di Barletta Reati contro pubblica amministrazione, maxi operazione dei Finanzieri di Barletta Coinvolti professionisti e imprenditori delle province di Bat, Bari e Salerno
Scoperte discariche abusive nei terreni agricoli di Andria e Barletta Scoperte discariche abusive nei terreni agricoli di Andria e Barletta Sequestrati 6 autocarri e 4 terreni per un valore complessivo pari a circa 200mila euro
Guardia di Finanza, Cassano: «Soddisfatti del lavoro svolto fin qui, ma c'è tanto da fare» Guardia di Finanza, Cassano: «Soddisfatti del lavoro svolto fin qui, ma c'è tanto da fare» Le parole del comandante della Bat nel giorno del 250mo anniversario della nascita del corpo
Guardia di Finanza Bat, il bilancio operativo dal gennaio 2023 al maggio 2024 Guardia di Finanza Bat, il bilancio operativo dal gennaio 2023 al maggio 2024 La nota delle fiamme gialle nel 250mo anniversario della fondazione
Festa GdF Barletta, l'onorevole Matera: «Accanto alle donne e agli uomini delle Fiamme Gialle» Festa GdF Barletta, l'onorevole Matera: «Accanto alle donne e agli uomini delle Fiamme Gialle» La nota della parlamentare di Fratelli d'Italia
Maxi frode fiscale da 355 milioni di euro, coinvolta la società "Chogan" di Barletta Maxi frode fiscale da 355 milioni di euro, coinvolta la società "Chogan" di Barletta Misure cautelari per cinque persone, tra cui un commercialista ritenuto "deus ex machina" del meccanismo fraudolento
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.