Processione del Venerdì Santo
Processione del Venerdì Santo
Io sto con... la storia

Epidemie a Barletta: no assembramenti di oggi e processioni ex voto dopo la ​Grande Peste del 1656

Una pagina della nostra storia legata al 2020

Senza partecipazione di popolo ed in piena notte (per evitare assembramenti) la processione del Venerdì Santo 2020 e la riconferma del solenne voto della Città dopo la grande peste del 1656.

La nuova pagina di storia nella plurisecolare tradizione religiosa a Barletta, fotografie e video compresi, passa – anche sui social media - da questo momento che ha fatto davvero notizia suscitando emozione e commozione.

Ma sono le più remote cronache storiche - citate nel nostro viaggio grazie all'ormai introvabile volume di circa 600 pagine "Barletta: leggere la città" di Ruggiero Mascolo (lo studioso ex direttore di biblioteca e pinacoteca) e di sua moglie Rita Ceci, Edizioni Libreria Liverini per i tipi di Ars Graphica Barletta, settembre 1986 – a raccontarci come andarono le cose allora.

Scrive Sabino Loffredo nella sua monumentale Storia della Città di Barletta: "E come Dio volle si pervenne così in marzo dell'anno 1657 a vedere la peste cessare del tutto. Fu visto ritogliere dopo più di otto mesi i rastelli alle porte della città. Ma la città era già quasi deserta: de' trentacinquemila abitanti che aveva nel 1528, erano rimasti ventimila sino al 1656; in marzo 1657, quando la peste ebbe termine, si noverarono i sopravvissuti ed erano ottomila soltanto; degli altri dodicimila i cadaveri giacevano ammonticchiati ne' carnai.

E di tanta catastrofe niuno de' superstiti lasciò memoria; tanta fu la desolazione che per tempo non breve occupò gli animi. Unica memoria contemporanea che di quella peste ivi rimane è la lapide messa nel 1658 nel portico di quella ch'era allora Monistero de' Frati Osservanti annesso alla Chiesa suddetta di S. Andrea, e la cui iscrizione ricorda che lì sotto giacciono molti de' cadaveri di coloro che perirono di peste nell'anno 1656. Non è a meravigliare che quell'accolita di tapini in que' di non sentissero negli animi angosciati altro bisogno da quello di avere propizio Iddio.

E fu da essi che ebbe inizio il pio rito del Venerdì Santo, ch'è tuttora osservato religiosamente, in cui laici e sacerdoti, nobili e popolani, a pié nudi, tutti in arredi di di penitenti, recano con processione solenne per la città il Sacramento dell'Eucarestia, memori del voto del 29 luglio 1656. Fu d'allora che in argento vennero apprestandosi il trofeo per la reliquia ivi custodita della Croce di Cristo e la statua di S. Ruggiero in adempimento al voto medesima. Ed è d'allora che la città apparisce affidata al patrocinio della Vergine alla quale fu dato il titolo dello Sterpeto, per essersene rinvenuta la immagine lì dove un tempo era stato il Casale dello Sterpeto".
  • Processione
Altri contenuti a tema
Feste patronali in Puglia, i Vescovi: «Non sarà possibile organizzare processioni» Feste patronali in Puglia, i Vescovi: «Non sarà possibile organizzare processioni» La Conferenza episcopale pugliese conferma l'impossibilità di organizzare momenti di preghiera che rischiano di creare assembramenti
3 Venerdì Santo, le immagini del percorso notturno durante la quarantena Venerdì Santo, le immagini del percorso notturno durante la quarantena Preghiera in Cattedrale, poi il tragitto fino in via Romania
"Voto" del Venerdì Santo, dopo mezzanotte le immagini su BarlettaViva "Voto" del Venerdì Santo, dopo mezzanotte le immagini su BarlettaViva La preghiera avverrà senza popolo, anche noi giornalisti restiamo a casa
Santo Legno della Croce, rinnovo del voto solenne a porte chiuse Santo Legno della Croce, rinnovo del voto solenne a porte chiuse Dopo la celebrazione nella Basilica del Santo Sepolcro avverrà la benedizione della città
30 Il "Voto" di Barletta sarà rinnovato con una processione notturna Il "Voto" di Barletta sarà rinnovato con una processione notturna Avverrà fra Giovedì e Venerdì Santo senza popolo: intesa tra amministrazione, prefetto e arcivescovo
Nelle Sette Rue di Barletta torna l’antica festa della Madonna del Pozzo Nelle Sette Rue di Barletta torna l’antica festa della Madonna del Pozzo Dal corteo storico alla processione, cartellone ricco di eventi per la festa della Patrona di Capurso
San Cataldo e Stella Maris, la processione a mare incanta i barlettani San Cataldo e Stella Maris, la processione a mare incanta i barlettani Le festa ritorna dopo 20 anni di assenza
Festa di San Cataldo di Barletta, «ricordo del passato e generazione presente» Festa di San Cataldo di Barletta, «ricordo del passato e generazione presente» Le sofferenze del quartiere più antico di Barletta, tra delinquenza e problematiche sociali
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.