Storia di Barletta

Lo sviluppo urbanistico nel Novecento

Tra le Guerre Mondiali e la Provincia Bat

A CURA DI PAOLO DORONZO

Il Novecento passa, come in molte città, tra le ferite della Prima Guerra Mondiale (come i sei colpi di cannone sparate da una nave austro-ungarica verso il Castello nel 1915), la severità del Ventennio fascista (che ha arricchendo la città con qualche bella struttura, come il Palazzo Criscuoli, il Circolo Unione e il Dilillo dell'ing. Boccassini) e le difficoltà della guerra e dei dodici giorni di occupazione nazista.

Il Novecento però è anche il secolo dell'industrializzazione rappresentata dalla Distilleria, dalla Cementeria, dalla Montecatini, fino all'exploit del settore calzaturiero (soprattutto antinfortunistica) fino agli anni Ottanta.

La storia politica degli ultimi decenni del Novecento è stata caratterizzata da sindacature piuttosto brevi sino alla fine degli anni Novanta. Nel maggio 2004, con le città di Andria e Trani, ha formato la sesta provincia della Puglia. La Provincia di Barletta-Andria-Trani, istituita l'11 giugno dello stesso anno, ha assistito alle prime elezioni del Consiglio provinciale nel giugno 2009. Nel 2007 è stata assegnata la Prefettura alla città di Barletta. La sede designata dal Governo per l'istituzione provinciale è l'edificio del Real Monte di Pietà, ex convento gesuita.



Barletta dall'alto
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI