Fine d'anno sfortunato per il Barletta 1922

I biancorossi cedono nel finale per 1-2 al Casarano


REDAZIONE BARLETTAVIVA
Lunedì 19 Dicembre 2016
COMUNICATO STAMPA
Si chiude con un sfortunato ko il 2016 del Barletta: i biancorossi, complice un rigore sbagliato sul punteggio di parità, cedono nel finale per 1-2 al Casarano sul sintetico del "Manzi-Chiapulin". Decide l'incontro il centro di Pignataro a sei minuti dalla fine, dopo che Puglia e Varola con altrettanti colpi di testa avevano determinato l'1-1.

La cronaca

Nel Barletta Pizzulli conferma il 4-4-2 di base, con Sguera accanto a Lorusso e i giovani Mannarini e Rizzi in panchina. La febbre stoppa Addario e Khalil, che non siedono in panchina. Il Casarano propone un 3-5-2 con Pignataro e Iunco in attacco e Stranieri a guidare la linea difensiva.

Pronti, via e Sguera impensierisce M. Casalino con un destro dal limite: al 13' passano gli ospiti. Varola atterra Portaccio a pochi passi dall'area di rigore. Mancino tagliato di D'Arcante e stacco di Puglia sul primo palo per lo 0-1. La risposta del Barletta non si fa attendere: al 15' Dentamaro calcia una forte punizione dai 30 metri, Varola irrompe sul secondo palo e firma il pareggio. Primo centro stagionale per il terzino sinistro classe 1997. Partita maschia, con diversi interventi duri e l'arbitro Di Reda che raramente ricorre al cartellino. Nella seconda parte di frazione Mignogna e Sguera calciano dal limite, trovando Casalino sempre pronto alla respinta. Lo squillo del Casarano è targato Iunco: tocco sul primo palo su assist di Marretti, palla a lato. E' l'ultima emozione del primo tempo, che si chiude sull'1-1.

Nel secondo tempo il Barletta attacca a testa bassa: Lorusso e Sguera combinano dal limite, destro preciso e respinta di Casalino. Lavopa abbandona il campo per infortunio, dentro il neo-entrato Faccini. Al 57' Lorusso va giù sul dischetto, pronto a calciare a rete: la trattenuta di Stranieri non è sanzionata da Di Reda tra le proteste biancorosse. Al 60' il Casarano inserisce Caputo per Iunco: la costante pressione del Barletta sortisce minacce sventate da Casalino. Al 72' i biancorossi conquistano un calcio di rigore, assegnato per il contatto Varola-Portaccio. Dal dischetto calcia Mignogna: mancino neutralizzato da Casalino. Gol sbagliato, gol subìto: la legge più antica del calcio si paventa sul "Manzi-Chiapulin" al minuto 84. Intervento irregolare di D'Arcante su Dentamaro (gamba tesa) a centrocampo, Di Reda lascia correre. Caputo avvia la ripartenza e crossa sul secondo palo, dove Pignataro realizza a porta vuota. Il finale è all'insegna dell'assedio biancorosso: Mignogna e Digiorgio non trovano la zuccata vincente, Casalino vola al 92' sul destro dai 25 metri di Donvito. E' la parola fine sulla partita: il Casarano vince 1-2, il Barletta chiude l'annata da sesto con 26 punti.

IL TABELLINO DI BARLETTA-CASARANO 1-2

BARLETTA (4-4-2): Rossetti; Donvito, Monopoli, Digiorgio, Varola; Mignogna, Dentamaro, Zingrillo, Lavopa (5' st Faccini); Lorusso, Sguera. A disposizione: Capossele, Aprile, Rizzi, Cormio, Grumo, Mannarini. Allenatore: Pizzulli.
CASARANO (3-5-2): M. Casalino; Signori, Stranieri, A. Casalino; Portaccio, Puglia, Zaminga, D'Arcante, Marretti; Pignataro (42' st Rosciglione), Iunco (15' st Caputo). A disposizione: Pastorelli, Leggieri, Filograna, Porcino, Stringano. Allenatore: Sportillo.
RETI: 13' pt Puglia (C),15' pt Varola (B), 39' st Pignataro (C)
ARBITRO: Antonio Di Reda di Molfetta (Colavito-Morea)
NOTE. Ammoniti: Varola (B), Portaccio (C), Monopoli (B). Angoli: 7-2. Recupero: 2'-5'.

Maria Chiara il 6 gennaio alle 17.03
sempre forza Barletta
Maria Chiara il 6 gennaio alle 17.02
forza Barletta
Maria Chiara il 6 gennaio alle 17.00
forza Barletta
Michele Rinella il 19 dicembre alle 13.30
Sarà bene mandar via De Santis perchè oltre alle pecche
notevoli nell'organico del Barletta ( centrocampo,
attacco ed esterni di difesa) deve esserci qualcosa di
grave, di oscuro che non va nella gestione tecnica, fermo restando
le manchevolezze nella conduzione tecnica di Pizzulli a
noi ben note( cambi fatti male e in ritardo). Pizzulli
fa del suo meglio ma la squadra ha dei limiti cosi
evidenti che anche un Casarano da minimo sindacale
riesce a sbancare a Barletta. Questo De Santis forse
riuscirà a far fallire nuovamente il Barletta calcio.
VADA VIA AL PIU' PRESTO DAL BARLETTA CALCIO.
Michele Rinella il 19 dicembre alle 13.22
Oggi il Casarano che ha fatto il minimo sindacale ha
sancito il DE PROFUNDIS di una squadra che ha delle
manchevolezze gravi a centrocampo, in difesa( con gli
esterni) e con un attacco che non punge. Pizzulli ,
come al solito, lento nei cambi( Lavopa andava cambiato
di fascia o sostituito), Dentamaro che fa il compitino
della elementare e da la palla al primo che trova.
Oggi viene asseverato il fallimento di un DS come De
Santis che perdura nell'ingaggiare calciatori a
corto di preparazione , esterni e mai una punta alla
Pignataro. Un fallimento su tutti i fronti. Ora il
Barletta cerchi di terminare nel modo migliore il
campionato( pensi alla salvezza) e si cerchi di
predisporre una buona compagine per il prossimo
campionato senza De Santis perchè certi soggetti è
meglio perderli che tenerli. UNA VERGOGNA ANNUNCIATA!
I commenti rappresentano le opinioni personali dei lettori di BarlettaViva e non dell'editore o degli autori.
Facebook:
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio.
Rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo.
ARTICOLI PIU' LETTI DI RECENTE:
RACCOGLITORI SPECIALI RECENTI:
RUBRICHE AGGIORNATE:

Barletta-Bitonto
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI

Altri contenuti recenti
BarlettaLife è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani