Oggi sereno
Temperature 16.124.6


Tira aria amara. A Barletta picchi altissimi di PM10

Le insidiose polveri sottili, dannose per la salute, superano i massimi consentiti

Le rilevazioni presso la litoranea di levante oltre i limiti di legge


REDAZIONE BARLETTAVIVA
Martedì 8 Maggio 2012 ore 12.57

Precisa e per molti versi sorprendente giunge alla redazione di Barlettalife, ancora una volta interlocutrice privilegiata del regista Daniele Cascella, il rapporto sulle quantità delle cosiddette "polveri sottili" o più precisamente PM10 disperse nella cittadina aria "amara" non solo per antico vezzo verbale ma per l'alto grado di tossicità che questi valori rappresentano. Se li collochiamo infine geograficamente nelle aree di rilevazione, quei lunghimare così frequentati già in questa bonaccia preestiva, questi dati sono addirittura preoccupanti. Basterà come segnalazione per le autorità, ultimamente frequentatrici del più antico mestiere del "prendi poltrona"? E' auspicio comune nonchè avviso per chi è in grado di raccoglierlo.

Spettabile Redazione e per conoscenza Arpa Puglia, arriva finalmente l'estate: sole, mare e aria pulita per rigenerarsi, specie per chi ne ha più bisogno come bambini ed anziani.

A Barletta però andando alla litoranea di levante si rischia di respirare Aria PESSIMA. Infatti dopo che nei giorni 20 e 21 Aprile 2012 nella Centralina Arpa sita in Via del Mare si sono registrati picchi altissimi di PM10 (superiori ai Valori limite consentiti dalla legge di 50µg/m³), definiti dalla stessa Arpa con l'Indice di qualità dell'aria pessimi, tale situazione preoccupante si è ripetuta Sabato 5 Maggio 2012. Tale giorno, che ha visto tante persone recarsi al mare per pregustare i primi caldi raggi di sole primaverili, ha fatto registrare l'ennesimo superamento di PM10 nella stessa centralina sita a ridosso della Litoranea di Levante. Il valore è stato di 56 µg/m³ che ha fatto rimeritare a tale centralina l'indice di qualità dell'Aria PESSIMA e l'unica bandierina rossa di tutta la Puglia.

La mappa della Puglia secondo il recente monitoraggio della qualità dell'aria.

Inutile dire che tale colore è il peggiore, l'ultimo nell'indice della qualità dell'aria. Ad onore della cronaca si riporta che le altre centraline di BARLETTA (anche se quella presente nel campo sportivo Lello Simeone monitorizza solo l'NO2 e l'O3) hanno riportato l'indice di qualità Buona rimarcando così la nocività dell'aria respirata presso la spiaggia di levante a ridosso dell'Area industriale. Concludo con la speranza che chiunque di noi che voglia rigenerarsi recandosi nella spiaggia a levante lo possa fare non mettendo a repentaglio la propria salute.



Cordiali saluti,
Daniele Cascella

Utente Facebook
Giovanni Dimonte il 9 maggio alle 18.34
sono d'accordo con Antonio che usare mezzi pubblici , bici e soprattutto delle belle passeggiate fanno bene alla propria salute e all'ambiente della propria città , ma se i dati riportati da Daniele Cascella sono reali, non credo dipenda solo dal traffico caotico di questa città ma da un mancato controllo delle autorità competenti , e da un progetto chiaro sull'ambiente del Comune.
Antonio il 8 maggio alle 10.48
avvolte basta una buona politica di mobilità sostenibile che incentivi l'uso di autobus urbani e sopratutto biciclette e ed ecco che la qualità dell'aria(e lo stile di vita) migliora in men che non si dica.
P.S. il forno della cementeria è spento in pratica da dicembre e nel 2012 è entrato in funzione solo per 20 giorni a cavallo tra febbraio e marzo, a buon intenditor poche parole.....
I commenti rappresentano le opinioni personali dei lettori di BarlettaViva e non dell'editore o degli autori.
Facebook:
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio.
Rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo.
ARTICOLI PIU' LETTI DI RECENTE:
RACCOGLITORI SPECIALI RECENTI:
RUBRICHE AGGIORNATE:

Fumo
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI

Altri contenuti recenti
BarlettaViva è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani