Stella Mele: «Farsa in tre atti»

Le segretaria provinciale de "La Destra" interviene: «in questo teatrino solo piccole mediocrità»

Appuntamento al prossimo atto


REDAZIONE BARLETTAVIVA
Domenica 6 Maggio 2012

«Abbiamo assistito a Barletta all'ennesimo spettacolo poco edificante offerto dalla politica locale». Pungente e attinente la nota del segretario provinciale de "la Destra" Stella Mele [di recente definita dal noto Buttafuoco "La marine le Pen d'Italia" ndr]. «Ho sempre pensato che la politica dovesse servire per affrontare e risolvere i problemi dei cittadini e che le differenze valoriali fra le forze politiche dovessero portare ad uno stretto e ferrato confronto progettuale dal quale con sintesi e antitesi si potesse arrivare a governare una comunità. Sono sempre stata convinta che le maggioranze e le opposizioni si componessero proprio sulla base di queste differenze progettuali. Sono sempre stata convinta che un organo di Governo dovesse essere composto dalle persone che grazie alle proprie competenze potessero far diventare azione di governo e atti amministrativi le idee che sottendono le scelte di campo. Ero convinta che sulla base di questi assunti il Sindaco di Barletta avrebbe risolto la crisi di governo che ha paralizzato la nostra Città. Ero, cioè, convinta che il Sindaco avrebbe varato una giunta in grado di risolvere seriamente i problemi della nostra comunità e di governare serenamente il nostro territorio. Devo, invece, prendere atto che tutto il tempo che Maffei ha utilizzato e sprecato è stato impiegato per ideare una vera e propria farsa che denota tutta l'inettitudine del centro-sinistra barlettano e la sete di potere finalizzata a se stessa dei partiti che lo compongono, nonché la debolezza di Maffei come Re Travicello, costretto a dimenarsi fra onde che non è in grado di governare. Se fossi una scrittrice teatrale utilizzerei la cronaca politica di questi giorni come spunto per una farsa divisa in tre atti, di cui però riusciamo già ad immaginare innumerevoli prosiegui, sempre contraddistinti dalla totale indifferenza per gli interessi dei cittadini».

ATTO PRIMO. Maffei il 30 Aprile si alza in trono, gonfia il petto e dichiara con un comunicato che non accetta il ricatto dei partiti, che la giunta sarà di alto profilo e che, comunque, non ha alcuna intenzione di concedere assessorati ai partiti che non hanno partecipato alla competizione elettorale. Queste le sue parole: "tengo a precisare che non sono disposto a ratificare accordi che scavalchino le mie prerogative e disattendano le indicazioni elettorali ignorando gli indirizzi condivisi con le forze politiche all'indomani delle elezioni del maggio 2011. Prerogative per giunta assegnate ai sindaci dalla legge, rigettando, pertanto, l'ipotesi di "piatti precotti" o di "elenchi della spesa". Sono al lavoro per organizzare al meglio l'insieme delle deleghe, coerenti con la nuova struttura organizzativa varata lo scorso 5 marzo ed in grado di garantire il miglioramento dell'efficienza amministrativa e della qualificazione della spesa. Come punto fermo dell'azione che mi ha contraddistinto in questi sei anni di lavoro ed in una fase in cui la politica è al centro di duri attacchi che sfociano nell'antipolitica, unitamente ad una situazione economico sociale che richiede sempre più sacrifici, correttezza, massimo impegno, senso di responsabilità e rigore, trovo fondamentale garantire e richiedere un elevato e qualificato profilo amministrativo". In un tripudio di applausi a scena aperta all'emozionante agone, tutti noi cittadini comuni quasi meravigliati da tanto ardore speravamo lo facesse. Certo Maffei non ci ha mai emozionato, non lo abbiamo votato, ma per indole e tradizione, chi mostra il petto e caccia coraggio non può che piacerci. Certo era che nella mediocrità della politica quotidiana e barlettana, nel suo triste teatrino era comunque bello, non fosse altro perché anomalo, immaginare che il Sindaco avesse deciso di fare il Sindaco. Ordinaria amministrazione in periodi normali, ma in tempi di tramonto anche i piccoli uomini hanno ombre lunghe.

ATTO SECONDO. Inizia la congiura della corte. Consiglieri Comunali, amici di amici, gruppi nuovi e vecchi sono pronti a tramare, a chiedere e a congiurare. Mentre Barletta, come il resto d'Italia, soffre la crisi, la politica barlettana si impegna a chiedere la lunga lista della spesa, con tanto di menù e di sottomenù. Non per progetti si litiga, ma per pagnotte: il tutto è di dominio pubblico.
Fra la richiesta di un assessorato, quella di un posto alla presidenza del Consiglio Comunale, quella di un consiglio d'amministrazione, di presidenze, vicepresidenze e consiglieri nella Bar.sa, e fra richieste di revisori, di "spazi" nel patto territoriale e nella gestione della casa di riposo dei Cappuccini e nel nucleo di valutazione, la politica parla di ciò che ai cittadini non interessa, salvo poi meravigliarsi che i cittadini non si interessino di politica. Non mi meraviglio (giammai mi meraviglierei!!). Chi ha investito tanti soldi per procurarsi voti poi ha il bisogno di rientrare del capitale investito. Chi compra voti non lo fa mai per un pubblico interesse, ma solo per il privato tornaconto, non per gloria, ma per successo. Immaginavo un Sindaco chiuso nel suo fortino, pensieroso sul da farsi, pronto a sfidare il Consiglio Comunale, la corte per il bene della Città. Immaginavo di vederlo sfidare tutti i complottisti della pagnotta. Nel frattempo, come risvegliato dal sonno anche il centrodestra Barlettano resuscita, pronto a portare il suo sostegno, ad aiutare il Sindaco per una Giunta Tecnica. Con mossa da stratega dalla già incerta opposizione passa al probabile sostegno, invece di colpire è pronta ad aiutare.

ATTO TERZO. Si convoca il Consiglio Comunale, aspettavamo un leone governare l'assise, invece, abbiamo visto un fanfarone, vestito da cameriere. Il Sindaco che si dichiarava non disponibile a cedere alla richiesta della lista della spesa, esaudisce tutti i desideri, senza alcuna difficoltà portando un caffè all'assessore nominato ed un'aranciata al nuovo membro del Consiglio d'amministrazione. La torta è servita, ad ognuno la sua fetta. La maggioranza dei partiti, delle liste e finanche dei gruppi consiliari nati senza elezioni è accontentata, ad ognuno ciò che vuole. Il centrodestra, non avendo ottenuto il governo tecnico, si sveglia di nuovo dal suo coma e chiede che vengono assicurate ad essa le nomine negli organismi di garanzia dimenticando che proprio qualche mese fa aveva rinunciato ad una vice-presidenza di una commissione di controllo in cambio, forse, di qualche briciola più gustosa. Intanto è pronto un quarto atto. Già l'Italia dei Valori non si riconosce nell'assessore nominato, chiede che tutto venga ridiscusso, che tutto venga ridisegnato. Siamo certi, il Sindaco gonfierà di nuovo il petto, salvo poi piegar la testa e calar le braghe. Ci sarebbe da ridere, da pagare il biglietto, se non fosse che ciò che accade nel teatro Curci questa volta non è soltanto uno spettacolo al quale rimanere indifferenti, ma ciò che succede guiderà le nostre scelte e i cittadini lo stanno già pagando a caro prezzo. Divisi come siamo fra buffoni e servitori, petti gonfi e teste basse per chiudere con Shakespeare: " Allora, per la verità, mi sembra troppo bassa per un'alta lode, troppo scura per una chiara lode, e troppo piccola per una grande lode. Solo questo posso riconoscerLe di buono, che se fosse diversa da com'è, non sarebbe bella, e che, essendo com'è, non mi piace".

«Insomma, in questo teatrino non c'è nulla da lodare, solo piccole mediocrità, modeste meschinità e patetiche ambizioni. La politica a Barletta, almeno nelle istituzioni, è morta. Appuntamento al prossimo atto, ci sarebbe da ridere se non trovassimo maggiori ragioni per piangere».

NEADESTRANEASINISTRA il 7 maggio alle 18.07
tu , politicante , che di quella torta ne hai raccolto qualche briciola , tu che ti nascondi dietro il nome di un grande eroe per la nostra città , vorresti negare la mediocrità della nostra politica? vorresti dimenticare gli oltre 700 candidati, per qualche seggio in più ? MA NN è MEDIOCRE QUESTA POLITICA
uomoqualunque il 6 maggio alle 23.28
Non mi è molto nota la tua linea politica e la tua idea di municipalità, ma quello che scrivi è vero ed è sotto gli occhi di tutti. Purtroppo l'assuefazione alla mediocrità produce indifferenza e addirittura genera abitudine alla mercificazione delle poltrone che, va detto, è fatta in assoluta e disinvolta trasparenza, perchè quello che manca ormai a tutti i nostri "eletti" è la memoria della funzione della carica istituzionale che rivestono e un minimo di pudore nel proprio comportamento. Sarebbe interessante conoscere le ragioni delle attribuzioni dei vari assessorati ai vari partiti o liste e, quantomeno monitorare le loro azioni da ora in poi. Allora forza, cara stella, teniamoli sotto controllo e chiediamo conto di tutti gli atti che saranno approvati da ora in poi da ogni assessorato e controlliamo anche gli effetti degli atti amministrativi assunti nell'ultimo anno dalla giunta dei "primi dei non eletti". Noi siamo con te.
Peppino Lo Curto il 6 maggio alle 20.01
giustamente si guarda il dito e non la luna.........
fieramosca il 6 maggio alle 09.48
Cara amica, l'unico momento ridicolo sono i tuoi articoli. Dai giudizi di mediocrità a tutti, ma tu finora cosa sei, cosa hai fatto per questa città se non parlare en strillare sempre? Ti sei anche candidata nel PdL perchè non sei stata capace di fare la lista del tuo partituncolo e ora lí contesti pure...Un consiglio scrivi l'atto quinto: Stella Mele Le Pen, compreso che farebbe bene altro e non la politica, decide di dedicarsi al lavoro...
I commenti rappresentano le opinioni personali dei lettori di BarlettaViva e non dell'editore o degli autori.
Facebook:
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio.
Rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo.
ARTICOLI PIU' LETTI DI RECENTE:
RACCOGLITORI SPECIALI RECENTI:
RUBRICHE AGGIORNATE:

Stelle Mele San Ferdinando
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI

Altri contenuti recenti
BarlettaViva è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani