SELECTED

«Non ho potuto evitare l’uccisione del soldato nazista»

Francesco Corvasce, testimone della occupazione nazista di Barletta e della strage di Marcinelle


Tommaso Francavilla
TOMMASO FRANCAVILLA
Sabato 2 Gennaio 2016

«Ho scampato la morte per mano dei nazisti e nella miniera di Marcinelle». Francesco Corvasce ha 89 anni ed è stato testimone dell'occupazione nazista, avvenuta a ridosso dell'armistizio dell'8 settembre 1943. Dopo le testimonianze di Maria Peschechera e Giuseppe Turi, la vicenda del signor Corvasce aggiunge altri elementi. Furono quattro i soldati nazisti uccisi prima della occupazione della città, a cui seguì la rappresaglia del 12 settembre, con la strage dei vigili urbani e dei netturbini. L'occupazione di Barletta, ad opera dei paracadutisti tedeschi del "Fallschirmjager Reggiment", avvenne tra il 12 e il 29 settembre 1943. Durante quei giorni, 22 civili furono uccisi e 42 feriti, 37 militari morirono in combattimento. Mi reco con Ruggiero Graziano, presidente ANMIG /Barletta, a casa del signor Francesco Corvasce.

Signor Corvasce, cosa vide il 10 settembre 1943?
«Nel 1943 avevo 17 anni, facevo parte del X Corpo dei vigili del Fuoco. Quel giorno, tornavo dal mio turno di lavoro presso la caserma di Barletta, che si trovava in via Imbriani (al civico 76). Tornavo a casa mia, in via s. Ruggiero, ero all'altezza di Via Consalvo da Cordova, mi fermai a parlare con un mio conoscente, il soldato calabrese Ettore Grisario, armato di fucile, accanto il bar "Fieramosca" (al civico 30). A noi, si unì un amico comune, Giovanni Caputo. Ad un tratto, proveniente dall'orologio di S. Giacomo, vediamo arrivare un side-car, con due soldati tedeschi a bordo, a velocità moderata. Giovanni Caputo esorta Ettore a sparare ai soldati, lui si rifiuta e in un attimo, gli sfila il fucile e lo punta verso i due tedeschi, che fermano la moto. Il soldato tedesco smonta dalla moto e fugge».

Dove fuggì il soldato tedesco?
«Il soldato nazista fugge nella macelleria "Marino" (al civico 12), il suo commilitone fugge in moto. Il mio amico Giovanni, col fucile, insegue il soldato tedesco nella macelleria e spara, uccidendo il soldato, tra le urla del proprietario del negozio. Tutto avvenne in pochi attimi. Non ho potuto evitare l'uccisione di quel soldato tedesco».

Cosa faceste?
«Trascinammo il cadavere del soldato tedesco fuori dalla macelleria e lo adagiammo sul marciapiede. Dopo poco , arrivò il signor Lamonaca, una guardia municipale. Il 12 settembre, ci fu la strage dei vigili urbani e dei netturbini, presso il palazzo delle Poste; l'unico ad essere risparmiato dalla fucilazione fu il maresciallo Capuano, che si salvò mostrando ai nazisti la tessera di squadrista del partito fascista».

Lei dov'era il giorno della strage del 12 settembre 1943?
«Ero di servizio presso la caserma dei Vigili del Fuoco, in via Imbriani. Mi rifugiai sulla terrazza della ditta vinicola "Doronzo", che si trovava di fronte la caserma, con altri operai della ditta. Dalla terrazza, vidi provenire, da via Venezia, tre soldati nazisti, armati di mitragliatrice pesante. Uno degli operai, mi esortò a sparare verso i nazisti, ma preferii evitare un conflitto a fuoco dagli esiti disastrosi. Mi tolsi la divisa da vigile del fuoco, mi feci prestare dei vestiti e andai verso palazzo delle Poste, da cui sentii provenire degli spari. Arrivai in tempo per vedere sul selciato i vigili urbani e i netturbini trucidati. Sul retro del palazzo delle Poste, giacevano altri tre uomini, che – come seppi in seguito – avevano tentato di fuggire ed erano stati sparati alle spalle. Vista la situazione, diedi una mano a caricare i morti su un carretto, per portarli all'ospedale, dove li ammassammo a terra, davanti l'entrata».

Cos'altro le accadde, durante l'occupazione di Barletta?
«Un giorno, ero in via Cialdini e stavo parlando con un amico. Arriva una jeep con tre soldati tedeschi a bordo, il mezzo si ferma e uno di loro mi domanda a gesti e in tedesco dove potere trovare da bere. Temevo per la mia vita, ma salii sulla loro jeep e li accompagnai al porto, presso la ditta vinicola "Coliac", vicino Porta Marina. Con grande disappunto del titolare, i tre tedeschi bevvero vino a volontà e si ubriacarono. Soddisfatti ed ubriachi, festeggiarono sparando in aria, senza controllo. Pretesero anche di mangiare, e dovetti accompagnarli al ristorante "Longano", che si trovava all'interno della stazione ferroviaria (dove oggi c'è un bar). Il ristorante era chiuso, i tedeschi non si persero d'animo, con le impugnature delle loro bombe a mano ruppero i vetri e forzarono l'entrata. All'interno, il ristorante era vuoto, non c'erano viveri. C'era una botola-forse era un magazzino- che aprii, invitando i tre tedeschi e scendere gli scalini. I nazisti scesero gli scalini ed io chiusi la botola e scappai come un fulmine! Per liberarmi dei tre tedeschi, li presi in giro!».

Signor Corvasce, lei ha visto anche soldati italiani trucidati dai nazisti?
«Ero di servizio coi Vigili del Fuoco, in quei giorni di occupazione fummo chiamati con l'autobotte, presso il Santuario della Madonna dello Sterpeto, dove si trovava una batteria contraerea italiana. I nazisti avevano incendiato la batteria contraerea, uccidendo cinque soldati italiani. Ci recammo per spegnere le fiamme, che rischiavano di lambire le casse di munizioni. Spento l'incendio, notammo, dietro un muretto a secco, i cadaveri di cinque soldati italiani, uno accanto all'altro».

Lei cosa fece dopo la guerra?
«Lasciai il corpo dei Vigili del Fuoco. A 22 anni, mi iscrissi alla camera del lavoro e scelsi di andare a fare il minatore in Belgio, a Marcinelle. Lavoravo a 760 metri di profondità, all'interno di gallerie larghe un metro e 80 centimetri e lunghe 6 metri, con continui rischi di crolli, tra terribile umidità e condizioni al limite. Gli italiani, per guadagnare di più, lavoravano a cottimo, oltre l'orario di lavoro stabilito, rischiando la vita. Io non volevo rischiare, mi bastavano i 146 franchi belgi al giorno ( 50 euro) che guadagnavo assieme a 10 kg di carbone che ci davano per scaldare le nostre case, ma molti italiani preferivano rischiare e guadagnare di più. Inoltre, suonavo la batteria in una band, i Rockers, arrotondando la busta paga coi concerti. Il giorno del disastro a Marcinelle, in cui ci morirono 275 minatori morti, mi salvai per caso, ero in tournèe con la band. Conoscevo alcuni di quei minatori morti. La musica mi salvò la vita».

A seguire, pubblichiamo gli elenchi dei civili barlettani uccisi e feriti, dei militari uccisi e dei tedeschi uccisi a Barletta dall'11 settembre al 25 settembre 1943

Militari barlettani deceduti il 12 settembre 1943
Tratto da "Barletta nella sua storia militare"
Civili uccisi dal 12 settembre 1943
Tratto da "Barletta nella sua storia militare"
Civili feriti dall'11 al 25 settembre 1943
Tratto da "Barletta nella sua storia militare"
Militari italiani deceduti il 12 e 13 settembre 1943
Tratto da "Barletta nella sua storia militare"
Militari italiani feriti dall'11 al 15 settembre 1943
Tratto da "Barletta nella sua storia militare"
Militari tedeschi deceduti dall'11 al 24 settembre 1943
Tratto da "Barletta nella sua storia militare"

buenaventura
Sorprende, come sempre, la pochezza e il carattere antistorico di alcuni commenti.
La solita tesi che per colpa di qualcuno c'è stata la rappresaglia lascia il tempo che trova, in una situazione di occupazione militare che stava per realizzarsi a Barletta, e altrove c'era già di fatto. Si fa sempre un gran parlare di via rasella e di piazza caduti come episodi che potevano essere evitati. Ma chi afferma questo ha davvero introiettato la mentalità coloniale, anzi, ragiona da colonizzato, se pensiamo che i nazisti facevano si rappresaglie, ma la quasi totalità dei loro atti erano rastrellamenti ed eccidi che avevano un nesso nella loro idea ontologica di razzismo, violenza, barbarie e disumanità.
A tutti questi ostinati commentatori (colonizzati) pongo una domanda: se anche non ci fossero stati gli atti di resistenza che tanto lamentano, i soldati nazisti sarebbero entrati con ramoscelli d'ulivo? A me pare che ovunque siano passati, abbiano compiuto atti dimostrativi e massacri di massa, rappresaglie o no, in modo da terrorizzare la popolazione e spingerla a non resistere e annichilirla. Per quanto mi riguarda, chiunque ha resistito all'occupazione militare nazista, prima, durante, e dopo, ha agito giustamente. Ragionassero come voi, i Kurdi a Kobane in Siria avrebbero accolto l'Isis con le mani alzate (anzichè resistendo come hanno fatto), e li avrebbero trucidati comunque.
Fate per quanto possibile uno sforzo autiautoritario con il pensiero. Il fascismo alberga ancora troppo nelle menti di chi si crede libero. E se non vi piace l'Italia, andate a esortare i Kurdi a non commettere atti insensati di violenza contro l'Isis, i cui uomini potrebbero risentirsi e trucidare qualcuno. Ah scusate, mi dicono che lo fanno comunque.
No pasaran....
Utente Facebook
Luca Papio l'11 gennaio alle 12.12
Biancorosso, parlano le leggi dell'epoca: ad ogni soldato ucciso da un civile corrispondevano 20 civili uccisi(e 'sta legge valeva per gli ameri-cani, francesi, inglesi,italiani e tedeschi). Un 'altro esempio di questa legge lo si inquadra nell'eccidio delle fosse Adreatine: un commando di partigiani garibaldini piazza un ordigno in via Rasella uccidendo 40 soldati delle SS più qualche altro civile.L'abbiamo trasformato in un martirio, quando ci dimentichiamo che i colpevoli non furono mai scoperti: si sa solo che erano militanti della brigata “Garibaldi". Non venirmi a parlare di revisionismo storico o meno, perché è andata così, e te lo dice uno che ha un parente morto lì.
Ah già, il fascismo ed il nazismo erano movimenti laici,informati prima di blaterare stronzate sorrido
gigi il 4 gennaio alle 14.47
ma quale resistenza? ma quali partigiani? , è stato l'ingresso degli anglo americani che ci hanno sconfitto o ci hanno liberato (in base alle proprie vedute) a mettere fine alla guerra con una sconfitta.
philip il 4 gennaio alle 13.07
Ma cosa centra l’apologia del fascismo con la lettura dei fatti? Io voto a sinistra come tutta la mia famiglia e mio nonno fu anche perseguitato dal fascismo.
Però in casa mia quell’episodio, da chi l’ha vissuto da vicino, mi è sempre stato raccontato così come lo descrive il sig. Corvasce. Un atto di grande viltà!
Questo tale Caputo sparò ad un uomo disarmato, in ritirata. Disarmato! A casa mia si chiama assassinio.
E’ vero che nei giorni che seguirono l’armistizio ci fu qualche disordine o rappresaglia, ma se tanto mi da tanto, chi può escludere che più di qualche “Caputo” non ci mise del suo? …i classici eroi nostrani capaci di alzare la testa e di sparare solo se il nemico è disarmato o batte in ritirata …purtroppo ce ne sono tante, anche oggi, di persone così!
Il Corvasce conferma il racconto di mia nonna, i tedeschi (che poi, in risposta, si macchiarono della tristemente nota rappresaglia criminale contro nostri vigili) avevano in quel momento solo interesse a ritirarsi alle proprie case dalle proprie famiglie. Sul sidecar erano disarmati!
Questo tale Caputo non ha niente a che vedere con la Resistenza e con i Partigiani. Non c'era mica lui davanti al plotone d'esecuzione tedesco! Non confondiamo la merda con il cioccolato. …la storia è questa!
Berto 73 il 4 gennaio alle 11.43
ai sedicenti "fascisti e comunisti" siete solo degli idioti!!! Uno perchè sarei curioso di vedere quanti avrebbero avuto il coraggio di diciararsi tali in una situazione di pericolo reale; due perchè non avete capito niente della brutalità della guerra. Il sig. Corvasce, che non si dichiara né comunista né fascista, all'epoca era un ragazzo di 17 anni che per paura di essere ammazzato, PAURA DI ESSERE AMMAZZATO (questo era il sentimento principale) si spoglia della divisa da Vigile del Fuoco (non esercito o "partigiano) e scappa vestito da civile!!
Ai Dirigenti scolastici di oggi chiderei di sintetizzare gli avvenimenti della storia remota (seppur importanti) e di concentrare l'attenzione sulla storia recente, quella che ha contribuito a creare lo stato attuale delle cose, approfittando dei testimoni oculari per spiegare ai ragazzi ciò che è successo qui da noi non molto tempo fa, portarli nei luoghi delle tragedie e cercare di far immaginare loro qual'era lo stato dei luoghi. Sicuramente avrebbero più rispetto dei luoghi in cui vivono e porbabilmente delle persone con cui si relazionano.
Utente Facebook
Michele Aicces il 4 gennaio alle 17.26
Soltanto,Domenico Laurent a detto di essere fascista, per ripicca.diversamente i comunisti sono tutti partigiani a parole prima di nascere.
Utente Facebook
Michele Aicces il 4 gennaio alle 17.29
Chi dichiara di essere anticomunista vuole solo la verità.Senza paraocchi.
Utente Facebook
Michele Aicces il 4 gennaio alle 17.29
Chi dichiara di essere anticomunista vuole solo la verità.Senza paraocchi.
  Non è possibile rispondere a messaggi troppo vecchi
Vito antonio il 3 gennaio alle 21.46
Il sign.io a respirato polvere da sparo.art.firmato s.montaruli.bravo Domenico Laurent.Coraggio di raccontare verità scomode taciute troppo a lungo dai comunistelli.Fare luce su quanto realmente accaduto durante la 2^guerra mondiale ed iniziare a togliere gli onori a chi non li merita affatto,squallidi omuncoli che con vili minacce tappano la bocca alla verità.La storia e piena di punti oscuri e menzogne dei COMUNISTI.In Russia li chiamavono cavalieri della pace.Non ho paura della cattiveria dei malvagi ma dell'indifferenza degli ometti.Vinci l'indifferenza e conquista la pace. ((PAPA FRANCESCO))
Domenico Laurent il 3 gennaio alle 19.59
Per tutti i comunisti e giuristi che hanno qui commentato, io sono Fascista! Denunciatemi ma prima aggiornatevi sulle leggi!

http://www.giurcost.org/decisioni/1957/0001s-57.html
pensiero libero il 3 gennaio alle 19.55
lo so che ad un comunista come te da fastidio sentirsi manipolato dal pensiero americano...., fattene una ragione...., credi in un'utopia tutta tua.
io il 3 gennaio alle 19.53
Triplamente capra... La costituzione italiana non l'hanno scritta mica gli americani ahah come mi diverto a leggere certi commenti
Pensiero libero il 3 gennaio alle 19.14
Quindi le leggi sono state scritte dagli americani, loro hanno vinto la guerra.
Pensiero libero il 3 gennaio alle 19.11
Chi ha deciso che il pensiero è sbagliato...., è chi ha vinto la guerra....., quindi da che tempo e tempo chi vince fa e disfa a proprio piacimento..... o chi vince ha sempre ragione....
cittadino il 3 gennaio alle 18.59
anche negando la realtà dei fatti...
I commenti rappresentano le opinioni personali dei lettori di BarlettaViva e non dell'editore o degli autori.
Facebook:
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio.
Rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo.
ARTICOLI PIU' LETTI DI RECENTE:
RACCOGLITORI SPECIALI RECENTI:
RUBRICHE AGGIORNATE:

«Non ho potuto evitare l’uccisione del soldato nazista»
Francesco Corvasce nasce a Barletta il 16 maggio 1926. Dal 1942 al 1945 lavora nei Vigili del Fuoco di Barletta. Nel 1948 emigra in Belgio, a Marcinelle, dove lavora fino al 1965 come minatore dove conosce e sposa Sara Tissi, da cui ha quattro figli. Francesco suona la batteria in un gruppo musicale, i "Rockers", col quale suona anche in Francia, Olanda, Germania. Dal 1965, Francesco Corvasce lavora come autista di corriera. Nel 1966 torna a Barletta per lavorare come ausiliario presso l'Ospedale "Umberto I" e diplomarsi come infermiere professionale. Nel 1991, Francesco va in pensione.

Il disastro di Marcinelle avvenne la mattina dell'8 agosto 1956 nella miniera di carbone Bois du Cazier di Marcinelle, in Belgio. Si trattò di un incendio, causato dalla combustione di olio ad alta pressione innescata da una scintilla elettrica, che, sviluppatosi vicino al condotto dell'aria principale, riempì di fumo tutto il pozzo minerario, provocando la morte di 262 delle 275 persone ivi presenti, in gran parte emigranti italiani. L'incidente è il terzo per numero di vittime tra gli italiani all'estero dopo i disastri di Monongah e di Dawson. Il sito Bois du Cazier, oramai dismesso, fa parte dei patrimoni storici dell'UNESCO
Fonte Wikipedia

Si ringrazia per la collaborazione Ruggiero Graziano, presidente dell'ANMIG (Associazione Nazionale Mutilati Invalidi di Guerra) - sezione Barletta (via Capua, 28).
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI

Altri contenuti recenti
BarlettaLife è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani